Ormai le coppie italiane non credono più al matrimonio.

18/apr/2012 12.00.35 Carlotta Tinti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Nuovo allarme invade l’Italia: aumenta il numero di divorzi che ogni anno rompono la promessa fatta per tutta la vita. Infatti se ogni anni vengono convogliati circa 85 mila matrimoni, al contempo però seguono 54 mila divorzi. In media un matrimonio dura circa 15 anni e poi, di punto in bianco, marito e moglie decidono di separarsi e iniziare ognuno una nuova vita. Non ci sono matrimoni organizzati fino all’ultimo dettaglio che tengano! Infatti non basta definire banchetti, viaggio di nozze, scegliere il fotografo matrimonio Bologna, prima o poi tutto è destinato a finire. Per prevenire questo uso ormai troppo diffuso in Italia alcuni esperti hanno addirittura organizzato una serie di incontri con la missione di “salvare il matrimonio”. Questi corsi sono organizzati nelle più importanti città di Italia, come Bologna, Milano, Roma e Venezia che, a loro volta, si avvalgono di esperti professionisti tra cui psicologi, sociologi, avvocati ecc. Gli studiosi si chiedono come mai esiste questa tendenza oggigiorno. Le ipotesi sono varie e inspiegabili: molto spesso la causa della rottura di un matrimonio è imputata alla suocera che risulta essere troppo invadente. Al secondo posto invece nella classifica delle rotture c’è il tradimento. Al di là dei luoghi comuni di suocera e tradimento, in ogni caso i matrimoni durano fino alla fine del viaggio di nozze perché le coppie iniziano già deboli. Infatti, oggi le persone che decidono di sposarsi lo fanno senza la convinzione che la loro unione possa durare per sempre: è come se già partono con la consapevolezza che prima o poi finirà, e questo rende instabile e debole il rapporto.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl