Personale di Christian Rainer alla Traffic Gallery per il Festival Biblico di Bergamo.

01/mag/2012 19.01.19 christian rainer Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 Comunicato Stampa:

- TRAFFIC GALLERY -

presenta

dal titolo non leggibile, quindi impronunciabile

di

CHRISTIAN RAINER

in collaborazione con la Fondazione Adriano Bernareggi e per una iniziativa di Effetto Bibbia, V edizione Festival Biblico Bergamasco

05 maggio - 23 giugno 2012

Inaugurazione presso Traffic Gallery | sabato 05 maggio | ore 19.00

[via san tomaso 92 - bergamo città bassa]


L'artista Christian Rainer presenterà un'inedita installazione video creata in collaborazione con il Museo Bernareggi di Bergamo all'interno del progetto Effetto Bibbia 2012. L'opera si ispira a due distinti passi bibilici di seguito riportati...


Introduzione


"Non c'è nulla infatti di nascosto che non debba essere manifestato e nulla di segreto che non debba essere messo in luce. Se uno ha orecchi per intendere, intenda! [...]A voi è stato confidato il mistero del regno di Dio; a quelli di fuori invece tutto viene esposto in parabole, perché guardino, ma non vedano, ascoltino, ma non intendano [...]" (Mc, 4,21/25)


"La luce splende nelle tenebre, ma le tenebre non l'hanno accolta" (Gv, 1,5)


L'opera video di Christian Rainer prende ispirazione da due distinti passi biblici attinti dal Nuovo Testamento, in particolare dal Vangelo di Marco (nel passo in cui i discepoli chiedono al Maestro perchè si esprimesse con il popolo per parabole) e dal prologo del Vangelo di Giovanni. Entrambe sono riconducibili, secondo un'idea iniziatica di comprensione reale di un insegnamento, all'idea che ogni mistero - per chi fosse in grado di vederlo - è già di per sé manifestato e rivelato, ma destinato a restare nascosto per chi non fosse in grado, quindi degno, di scoprirlo. Questi insegnamenti cristiani ci dicono che il mondo stesso (il Regno di Dio) si rivolge a noi come un'immensa e complessa parabola, la cui chiave di interpretazione è la semplicità stessa, il saper cogliere le cose così come si manifestano, in tal modo riconoscendo il senso di verità, tanto perseguito, nella loro stessa natura. Cristo sottolineava la compresenza di una conoscenza esoterica ed una essoterica, relativamente a chi fossero rivolte le sue parole. La luce che le tenebre non hanno compreso (o accolto) era Cristo stesso, ovvero l'intero mondo fatto di cielo e terra; le tenebre invece sono tutti coloro che non sanno riconoscere una verità o un mistero svelato nemmeno quando questo si spiega loro davanti. Allo stesso modo la natura tutta continua a parlare agli uomini e loro non la intendono, oppure la travisano o ancora limitano i suoi significati ad una prospettiva meramente umana.



L'opera


Il video proposto (dal titolo non leggibile, quindi impronunciabile) vuole intanto essere l'applicazione dell'insegnamento che recita: quello che vi dico nelle tenebre ditelo nella luce, ovvero - nel nostro caso - rendere compartecipe lo spettatore di quelle che sono, per dirla con Zolla, "verità nascoste esposte in evidenza", con particolare riferimento al sincretismo di materia e spirito, dove l'una è in grado di spiegare l'altro e viceversa. L'opera sostiene infatti l’idea che esista una diretta corrispondenza tra la presenza spirituale e quella materiale e che anzi certe qualità che sono proprie della materia siano la sola via perché all’uomo risultino comprensibili certi concetti metafisici che altrimenti non riuscirebbe ad afferrare. Al genere umano possono essere attribuite numerose virtù che però rimarrebbero nello stretto ambito dell’astrazione se non esistesse un loro corrispettivo terreno. Concetti quali trasparenza, lucidità, riflessione, illuminazione, sublimazione, esistono grazie alla materia che può spiegarle, creando una relazione inscindibile tra il significato e l’oggetto che lo incarna. In tal senso la materia diventa simbolo delle sue stesse qualità, quindi delle virtù umane che da esse derivano. Questa idea affonda le sue radici nella spiritualità quattrocentesca, nelle illuminazioni del mistico Nicola Cusano che con la sua Coincidentia Oppositorum sosteneva appunto questo legame indissolubile tra il corpo e lo spirito, dove il primo altro non è se non il riflesso del secondo, in una convivenza terrena in cui necessariamente ogni metafisica deve manifestarsi nel visibile, nella presenza, per esistere. Successivamente la figura dell’uroboro, caro agli alchimisti, testimoniava la medesima idea : la possibilità di realizzare in vita una personale elevazione virtuosa attraverso la materia.


La musica


La composizione dal sapore rituale che fa da sottofondo alle immagini, è anch'essa composta da Christian Rainer. Ci troviamo nuovamente davanti ad un segreto comunicato ma non immediatamente svelato, un Salmo a San Giovanni Battista che è divenuto il fondamento stesso della musica, originandone la scala tutt'ora adoperata (le note musicali altro non sono che l'inizio di ogni frase del Salmo). Per mantenere l'idea di trasmissione mediata dalla parabola, Rainer ha stabilito una regola (attinta dalla tradizione cabalistica) con la quale ha trasformato le parole del Salmo in una partitura musicale, in cui le note e le combinazioni sono dettate a priori dalla suddetta regola, prescindendo quindi dalla volontà e dal libero arbitrio dell'autore. L'aspetto "parabolico" è quindi dato dal fatto di comunicare un significato sotto una forma che solo alcuni sono in grado di decifrare, mentre chi non lo fosse può comprenderlo solo nella forma spiegata, quindi quella più esteriore. Si potrebbe parlare di "musica per eccellenza", una composizione definitiva, poichè è la sonorizzazione della musica stessa, della sua radice - che è la scala musicale - che naturalmente rappresenta il fondamento di ogni composizione.

In galleria saranno esposte altre opere di Christian Rainer tematicamente coerenti, per lo più tratte dal progetto "Limen"


NB: in allegato il pdf con tutte le informazioni, linee guida, presentazione e dettagli su "Effetto Bibbia" (Festival Biblico Bergamasco) e sulla rassegna "Esercizi di Visione".

 
 
 
 
 
Christian Rainer
Tel. 388 872 69 15
www.christianrainer.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl