Comunicato stampa del 28/03/2006

28/mar/2006 09.56.25 Mario Commone Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

BAUS studio

Circolo Culturale Galleria “Il Gabbiano” - Arte Contemporanea

Piccolostudiofotografico Sara Fregoso

Con il patrocinio del Comune della Spezia

Con la collaborazione degli  Archivi della Documentazione Fotografica e Multimediale “S. Fregoso”

 

 

 

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

Con cortese richiesta di pubblicazione, segnalazione e diffusione. Grazie.

 

 

 

 

 

Il 31 marzo è il compleanno di Sergio Fregoso.

 

            Nella ricorrenza di questa data è nata l’idea di festeggiarlo coinvolgendo gli spazi culturali cittadini, invitandoli ad esporre una singola opera fotografica di Fregoso venerdì 31 marzo e sabato 1 aprile 2006 … e perché no, formuliamo l’augurio che questo evento, con tematiche ogni volta diverse, diventi un appuntamento annuale.

            Distribuendo le fotografie di Sergio su tutto il territorio cittadino, da lui tanto amato e studiato, pensiamo di testimoniare la ricchezza della sua lezione umana, artistica e culturale, tesa al confronto e alla partecipazione, nella lettura attenta, quotidiana della sua città.

            Le opere in visione fanno parte dell’esposizione del 2000 Sergio Fregoso. Il fotografo e la città a cura di A. Leuba e M. Cavalli.

 

 

 

            Itinerario visivo:

 

 

1.       APT Cinque Terre e Golfo dei Poeti La Spezia (via Mazzini 47 SP)

2.       Archivi della Documentazione Fotografica e Multimediale “S. Fregoso” (via Monteverdi 117 SP)

3.       ARCI La Spezia (via XXIV Maggio 351 SP)

4.       BAUS studio (via Rattazzi 32 SP)

5.       Biblioteca Beghi (trasv. via Del Popolo 61 SP)

6.       Biblioteca Mazzini (c.so Cavour 251 SP)

7.       CAMeC - Centro Arte Moderna e Contemporanea (p.zza C. Battisti 1 SP)

8.       Casa Musicale Biso (via del Prione 169 SP)

9.       Castello San Giorgio (via XXVII Marzo SP)

10.   Chiesa di N. S. della Salute (p.zza B. Brin SP)

11.   Ciavolino (v.le Garibaldi 29 SP)

12.   Ciavolino  (via D. Chiodo 57  SP)

13.   Cinema Don Bosco (via Roma 128 SP)

14.   Cinema Garibaldi (via Della Torre 79 SP)

15.   Cinema Nuovo (via Colombo 99 SP)

16.   Cinema Palmaria (via Palmaria 50 SP)

17.   Circolo Culturale Galleria “Il Gabbiano” - Arte Contemporanea (via Don Minzoni 53 SP)

18.   Circolo ENDAS Strà (via Costa S. Lucia 9 SP)

19.   Circolo Loggia De’ Banchi (via Mazzolani 32 SP)

20.   Circolo Portrait Cafè (via Rattizzi 25 SP)

21.   Comune della Spezia - atrio (p.zza Europa 1 SP)

22.   Enrico Amici studio (via Di Monale 42 SP)

23.   Fondazione Cassa di Risparmio della Spezia (via Chiodo 36 SP)

24.   Foto Fontani Felice (v.le Garibaldi 73 SP)

25.   Foyer  Centro “S.Allende” (v.le Mazzini SP)

26.   Galleria “Menhir” - Arte Contemporanea (via Manzoni 51 SP)

27.   Galleria 911 (via del Torretto 48 SP)

28.   Galleria UCAI (via Don Minzoni SP)

29.   Isabella Pino studio (via Carpenino 9 SP)

30.   Libreria Contrappunto (via Galilei 17 SP)

31.   ­Libreria Ricci (via Chiodo 107 SP)

32.   MAL - Museo “Civico Amedeo Lia” (via del Prione 234 SP)

33.   Museo Diocesano (via del Prione SP)

34.   Officina Botteghe d’Arte / Renzo Borella (via Napoli 124 SP)

35.   Palazzina delle Arti (via del Prione 236 SP)

36.   Parco Nazionale delle Cinque Terre c/o stazione FF.SS. centrale della Spezia

37.   PosteItaliane La Spezia Centro (p.zza Verdi 1 SP)

38.   Provincia delle Spezia - atrio (via V. Veneto 2 SP)

39.   Piccolostudiofotografico (via della Canonica 24r SP)

40.   Teatro Civico - atrio (p.zza Mentana 1 SP)

<<Sotto il segno dell’Ariete nasce, il 31 marzo 1927, giovedì, nel Quartiere Operaio Umberto I, alla Spezia, Sergio Fregoso.

La guerra lascia in lui un acuto senso di provvisorietà (quando non sai come sarà il giorno dopo) che lo spinge ad afferrare visivamente l’accadere quotidiano.

Questa frammentazione percettiva del mondo, avvertita come la sostanza stessa della vita, è uno dei tanti segni della sua vocazione alla fotografia.

Assunto giovanissimo da una società elettrica locale, fu posto alla lettura dei contatori domestici; lì ebbe la conferma che le cose sono numeri e che la luce sarebbe diventata elemento indispensabile alla sua espressività.

Ha fatto tanti mestieri prima di diventare fotografo e quando decise di acquistare una fotocamera si innamorò, ritrovandosi di colpo con una moglie, tante fotocamere e un suocero maestro.

Fotografo di bottega, di cerimonie e di contenziosi, viaggiatore dimostratore.

Un giorno partì, come tanti, dalla sua città.

Non capì - è vero - come vanno le cose in questo mondo, ma due o tre idee sulla fotografia (frutto di duro apprendistato e di leggendarie frequentazioni) nel bagaglio del ritorno ce le ficcò.

Nacque così il gruppo AV 70, che portò nelle scuole e nei quartieri il vento (e le correnti) dell’agitato villaggio della comunicazione. Questa si consolidò in un centro - appunto - della comunicazione, voluto dall’Amministrazione comunale, per un corretto rapporto tra territorio e mezzi di comunicazione di massa. Oggi si chiama Archivi della documentazione fotografica e multimediale a sottolineare - non solo - l’importanza della raccolta e custodia della

memoria visiva e audiovisiva della città, ma lo sguardo aperto ai nuovi scenari della tecnologia e alla pluralità dei linguaggi.

Il curriculum, a questo punto, vede l’operatore interessato alla fotografia come pratica sociale, al racconto sequenza, al rapporto territorio/fotografia, alle azioni fotografiche più che alle mostre di fotografia>>.

                                                                                                          

Sergio Fregoso

 

 

 

 

 

            Sergio Fregoso, con le sue immagini, ha sempre ripreso appassionatamente La Spezia, la sua città. Ma oggi sono le immagini che 'si riprendono' simbolicamente la città ancora una volta... lungo i percorsi della sua vita, del suo lavoro instancabile. Una dopo l'altra ci svelano ancora il suo itinerario appassionato di testimone. Tre anni dopo la sua scomparsa, ne esce il ritratto indimenticabile di un uomo - o meglio di un poeta - 'civile'.

Cesare Colombo

 

 

 

 

           

            Promotori dell’iniziativa sono, il Circolo Culturale “Il Gabbiano - Arte Contemporanea, il Piccolostudiofotografico di Sara Fregoso e il BAUS studio.

In questi due ultimi luoghi il progetto si sviluppa in maniera più articolata: secondo una dimensione più intima e familiare nello studio di Sara Fregoso, che rievoca le radici della “vocazione alle immagini” del padre … una fotografia ritrovata da Sergio, ma scattata da suo padre, in un cassetto di un mobile nella casa di famiglia di p.zza Brin; da qui parte la ricerca sulle immagini delle “finestre” …. Gli artisti componenti il gruppo BAUS, invece, intessono un dialogo e un confronto in termini di rapporti e relazioni più professionali e artistiche con il lavoro del fotografo spezzino.

 

            Con il patrocinio del Comune della Spezia e la collaborazione degli Archivi della Documentazione Fotografica e Multimediale “S. Fregoso”.

 

 

 

 

 

info

_ Sara Fregoso M 347 3682798 _ Roberto Buratta M 347 1659302

_ Mario Commone M 339 7953399_ Federica Stellini M 338 4601114

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl