VALORE ATTESO

19/giu/2012 15.11.49 Francoise Calcagno Art Studio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Valore atteso


Françoise e Laetitia Calcagno
presentazione critica di Francesca Brandes
Opening venerdì 22 giugno 2012 ore 19.00
dal 22 giugno al 28 luglio 2012
orari: da martedì a sabato 15.00 – 19.00
e su appuntamento
Françoise Calcagno Art Studio
Campo del Ghetto Novo 2918 Venezia
Info: (+39) 0415246039 - 3292462229
www.calcagnoartstudio.com info@calcagnoartstudio.com

COMUNICATO STAMPA
Ciascuno necessita di una distanza. Dal tempo, dai luoghi o da se stessi. È la distanza (che genera assenza) a
proteggerci dalla presenza illimitata delle pulsioni. Ancora, è la distanza a consentire il progetto e l’aspettativa di
senso che ne deriva. Nella pausa, nello scarto tra il presente ed il futuro atteso l’artista – soprattutto l’artista –
inventa la possibilità, induce l’ambiente, evoca speranza: L’assenza non è né tempo né strada – scrive Hikmet, e
nei suoi versi s’intuisce un’attesa fiduciosa – l’assenza è un ponte tra noi.
Di questo ponte, che è comunicazione di un valore, di un rapporto dinamico e contraddittorio, i lavori su tela di
Françoise e Laetitia Calcagno sono testimonianza piena. Diversissime sul piano formale – dalle vaste ed accese
campiture cromatiche di Françoise ai personaggi surreali ed enigmatici di Laetitia – le opere esposte ricavano dal
confronto un colloquio proficuo, uno spazio d’interrogazione che non si lascia ridurre a teoria, ma è innanzitutto
esperienza che torna alla tela e nella tela ritrova la propria apertura. Un’interrogazione inquieta e trepida, quella
delle due artiste: mai del tutto sicura di se stessa e del mondo, ma portatrice di un sapere progettuale che
c’incanta. Certo, il dialogo non esclude una vibrante forza polemica, nel contrappunto delle voci, e laddove
Françoise occupa lo spazio con la grana raffinata della sua tinta ( lontanissima, s’intenda, da ogni facile resa
estetica), Laetitia divora i primi piani di domande, di sguardi talvolta angosciosi o dolcissimi nella gamma fredda
che supporta la splendida grafia.
Il contraddittorio non prevede la semplice capacità del durare, né sottintende connotazioni comparative. C’è
qualcosa d’altro a reggere il sottile gioco tra gli estremi: ciò che è vivo, ciò che è stato fatto – intuiamo – è un
tutto in potenza. Non essenza metafisica, ma realtà che accoglie gli opposti nella distanza, nello spazio della
possibilità. Qui, nella pausa, sta il valore atteso che si scopre nell’andare, nel gettare quel ponte tra noi.
La forma e il suo procedere ci appaiono come rapporto ineludibile tra elementi eterogenei, ma non estranei alla
vita. È l’esperienza reale a farsi misura trascendente, in questo progetto: un presentimento del linguaggio, in
Françoise e Laetitia, come equilibrio e compimento. Intuizione della sua possibile venuta, anticipazione del
cuore, traccia luminosa del ricordo.
Francesca Brandes


Con preghiera di diffusione e pubblicazione


Françoise Calcagno Art Studio, Campo del Ghetto Nuovo 2918, Venezia
Info: (+39) 0415246039 info@calcagnoartstudio.com www.calcagnoartstudio.com seguiteci su Facebook

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl