I cromatismi onirici di Patrizio Mugnaini a Spoleto Arte

20/giu/2012 17.00.44 Spoleto Arte Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Dal 30 giugno sarà possibile ammirare le opere di Patrizio Mugnaini presso Palazzo Racani Arroni.

Le leggere e fluttuanti sagome cromatiche, disegnate dall’artista di origini argentine, donano alle Mostre di Spoleto Arte – ideate e curate dal Professor Vittorio Sgarbi e organizzate da Salvo Nugnes – la trasparenza del sogno.

Patrizio Mugnaini vive una vita intensa e variegata. È un esploratore dell’esistenza. Gli piace guardare tra le pieghe della vita, da cui trae ispirazione e da cui emergono i territori dell’anima, come paesaggi sospesi tra immaginazione e realtà. Le sue tele, dalle tonalità cromatiche forti e decise, sono addolcite dalla levità delle sue figure, che lievitano, come se fossero fatte di sostanza aerea.

L’artista esprime la ricchezza del suo animo attraverso lo stile sinfonico e palpitante delle sue opere. Uno stile semplice, capace di parlare direttamente all’interiorità di chi le guarda, senza mediazioni di carattere razionale o logico. Peculiarità rara, offerta dalla sostanza stessa – cromatica e materica –di cui sono fatte le sue tele, così simile alla leggerezza dello spirito.

Le Mostre Spoleto Arte, aperte al pubblico, saranno inaugurate sabato 30 giugno 2012 alle ore 18.30 alla presenza del curatore, Vittorio Sgarbi e di eminenti personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo.

Il palazzo cinquecentesco Racani Arroni ospiterà le tele leggiadre del grande maestro sudamericano, che saranno esposte accanto alle opere di Fausto Pirandello, di Gillo Dorfles, di Gaetano Pesce e di altri autorevoli rappresentanti dell’arte contemporanea.

Un’occasione imperdibile per conoscere l’effervescenza dell’arte contemporanea, di cui Patrizio Mugnaini è interprete originale.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl