Luca Alinari, Vivo quadri vivi: alla Simboli Art Gallery di Firenze dal 22 giugno al 15 luglio 2012

21/giu/2012 21.08.38 Simboli Art Gallery Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Luca Alinari (Firenze, 1943) esordisce con la sua prima esposizione personale nel 1969 presso la Galleria Inquadrature di Firenze. Durante gli anni Settanta avvia una serrata ricerca sul libero accostamento di oggetti e figure all’interno di atmosfere fantastiche e sospese, sulla suggestione delle ricerche Neodada e della Pop Art. Durante quegli anni, sperimenta diverse tecniche pittoriche, nelle quali coniuga colori fluorescenti, decalcomania, collage e trasposizioni fotografiche. Dal 1971 al 1981 espone nelle principali gallerie private di Firenze, Milano, Roma, Torino e Bologna. Nel corso degli anni Ottanta ottiene i primi riconoscimenti ufficiali con la partecipazione alla Biennale di Venezia nel 1982 e alla XI Quadriennale romana nel 1985. Nel 1990 dipinge il "Cencio" per il Palio di Siena. Si afferma sulla scena artistica nazionale nel 1993, in occasione della mostra antologica allestita presso Palazzo Reale a Milano dove presenta un importante nucleo di opere che ripercorre il suo intero percorso artistico. Concludono questa rassegna i paesaggi fantastici della maturità, caratterizzati da una cromia vivace e brillante e da una tecnica pittorica di grande originalità che combina stesure materiche a raffinate campiture di colore levigato e trasparente. A Firenze nel Corridoio Vasariano degli Uffizi, dal 1999 è esposto, acquistato dal Museo stesso, il suo autoritratto. Nel 2009 espone una personale di 45 opere al Beijin Today Art Museum di Pechino, al Centro per l'Arte Contemporanea SunShine di Shanghai ed al Museo di Arte Contemporanea di Kun Shan, città satellite di Shanghai. Nel 2011, a Città di Castello, espone una personale intitolata "Gelo". Il nome trova ispirazione da una citazione dello scrittore Franz Kafka che Alinari parafrasa così: “Un quadro è un’ascia per spaccare il gelo che è dentro di noi”. Alinari alla stregua delllo scrittore, attribuisce il compito del disgelo alle sue ultime opere, che rispetto a quelle degli anni Sessanta e Settanta, si colorano del vigore del rosso, quasi a voler destare chiunque le osservi, perché sia consapevole di ciò che il mondo sta vivendo: il gelo. Sempre nel 2011 disegnato il logo dei Mondiali di Ciclismo 2013.

 

La Simboli Art Gallery, giovane galleria d'arte contemporanea situata nel quartiere di Santa Croce a Firenze, ospiterà la mostra personale di Luca Alinari, dal titolo Vivo quadri vivi.

Il titolo della mostra, fortemente emblematico, è la sintesi perfetta di quest'ultima grandiosa e vitale stagione pittorica del celebre artista fiorentino. In mostra saranno esposti 25 dipinti recenti (acrilico e resine su tela applicati a faesite) fra i quali emergono senza dubbio alcuni paesaggi fantastici dai colori gioiosi di rara bellezza, i bellissimi ritratti dalla compostezza neo-rinascimentale e l'inedito meraviglioso ciclo dei fiori.

 

La mostra è visitabile dal 22 giugno fino al 15 luglio 2012.

Catalogo in galleria. Testi critici di Emanuele Greco e Alessandra Pinchera.

Orario: lunedì 16-20 e martedì-domenica 10-13 e 15-20. Ingresso libero.

 

SIMBOLI ART GALLERY

Via di San Giuseppe, 6/r 50122 Firenze

Tel. +39 055 0502418 - Cell. +39 349 1438941

info@simboliartgallery.com - www.simboliartgallery.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl