Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


CAMouflage Salzburg
a cura di Antonio Manfredi
Salisburgo, inaugurazione 9 agosto 2012 ore 19.00_fino al 7 settembre 2012
Nella linea dell'azione che il museo CAM di Casoria sta portando avanti da qualche tempo per la salvaguardia delle opere della sua collezione permanente e per i rischi che la cultura italiana ed europea stanno correndo per la mancanza di fondi pubblici e privati, nasce la mostra CAMouflage Salzburg a cura di Antonio ManfrediLa mostra, prevista per il mese di Agosto 2012 in uno degli spazi pubblici più suggestivi di Salisburgo "Galerien Der Stadt_Zwerglgartenpavillion/Mirabellgarten" con il patrocinio della città di Salisburgo, pone l'accento sulle problematiche internazionali del futuro degli spazi pubblici espositivi e della loro attività e fruizione.
Il messaggio provocatorio è dato dalla deperibilità del materiale delle opere, infatti le fotografie degli artisti internazionali invitati, sono stampate a grandi dimensioni su carta da manifesto che verrà asportata ed eliminata totalmente alla fine dell'evento. Un'arte che si camuffa ed offre al visitatore la propria immagine non autentica, per una negazione della fruizione delle opere d'arte in originale che ne accentua il valore creativo.

 

CAMouflage Salzburg

curated by Antonio Manfredi

Salzburg, opening August 9, 2012 at 7pm_until September 7, 2012

Following the CAM museum of Casoria action for the preservation of the works of its permanent collection and against the risks that both Italian and European culture are facing because of cuts to public as well as private funds, the exhibition CAMouflage Salzburg curated by Antonio Manfredi has been arrangedThis exhibition - planned for August 2012 in the most suggestive public space of Salzburg  "Galerien Der Stadt_Zwerglgartenpavillion/ Mirabellgarten" with the patronage of the city of Salzburg �“ is meant to focus on the international issues related to the future of public spaces for exhibitions activities and their fruition.

The provocative message is provided by the perishability of the works material, as a matter of fact the photographs of the International artists invited will be printed down on poster paper that, after the exhibition, will be removed and eliminated. This is an art disguising itself thus offering to the visitor a fake image of itself, due to the denial of the usual fruition of original works of art keeping their creative value.

 

Artists

Jesus Avila USA, Andrew Branscombe UK, John Brown WALES (UK), Renate Christin GERMANY , Alemka Đivoje CROATIA, Fabio Donato ITALY , Luciano Ferrara ITALY, Anna Francis UK , Helga Gasser AUSTRIA

Iabo ITALY , Johann Jascha AUSTRIA, Lello Lopez ITALY , Gian Piero Manca ITALY , Antonio Manfredi ITALY

Oreste Pipolo ITALY , Filippos Tsitsopoulus GREECE , Huang Yan CHINA , Qing Yue CHINA, Gloria Zoitl AUSTRIA , Emma Wood UK

 

 

ZUR VERNISSAGE: am Donnerstag, 9. August 2012, 19 Uhr in der Galerie

Ausstellungsdauer: Die Ausstellung ist bis 7. September 2012 zu sehen Mo�“Fr 10�“18 Uhr

 

Der Hilfeschrei aus dem italienischen Kulturleben hat international Aufsehen erregt. Antonio Manfredi kämpft für sein Museum in Casoria bei Neapel. Der mutige Direktor suchte auch in Deutschland um Asyl an für seine umfangreiche Sammlung zeitgenössischer Kunst. Ausgehungert vom Staat und bedroht von der Mafia greift Manfredi zu drastischen Mitteln, um Aufmerksamkeit zu erregen. Kunstwerke wurden mit Zustimmung der Autoren verbrannt. Der Geldmangel zwingt zu ungewöhnlichen Präsentationsformen. Große Kopien stellen Werke der Kollektion mit ihrem politischem Hintergrund in Salzburg vor.

Eröffnung der Ausstellung

Dr. Anton Gugg



CAMouflage Salzburg_statement

Ho sempre pensato che l'arte fosse un veicolo di informazioni, di sensazioni e di idee, tutte collegate all'individuo e alla società in cui vive. La produzione artistica diventa quindi specchio del tempo in cui si sviluppa mostrando, talvolta in modo spietato, il malessere del vivere, anche quello non dichiarato. Gli artisti risultano i soggetti sociali maggiormente consapevoli, sensibili alle trasformazioni ed ai cambiamenti della realtà. Questa epoca porta con sè crisi economiche ed esistenziali, lo sgretolarsi di ogni canone di riferimento, l'inversione dei processi di identificazione e il cambiamento del linguaggio. In qualità di artista ho visto, in questo momento storico, negati i miei diritti, ho percepito la mancanza di un riconoscimento sociale per il mio ruolo e per la mia opera. Solo un'azione forte avrebbe potuto scuotere le coscienze, solo un gesto, ovviamente che fosse espresso con un linguaggio a me consono, sarebbe stato il giusto campanello d'allarme. Nasce così l'idea di questa mostra, di camuffare le opere d'arte, di trasformarle in fotocopie, di svilirne il valore proprio per farne apprezzare l'unicità. La salvaguardia del bene comune nasce dalla consapevolezza della sua preziosità, dalla convinzione che un prodotto artistico sia un elemento fondamentale nella costruzione della realtà sociale e cognitiva perchè veicolo di sogni, fantasie ed emozioni. Insomma l'opera d'arte è un insieme di significati attraverso cui un ordine sociale è comunicato con l'accezione della libera e differente interpretazione. Compito degli artisti e degli addetti al settore è difendere tale sistema e provocatoriamente privare della visione di un'opera originale per scoprire quanto valga per l'individuo e la comunità.

Antonio Manfredi


GALERIE ZWERGELGARTEN

MIRABELLGARTEN / 5024 SALZBURG kultur.stadt-salzburg.at / Tel. 0662 8072-3421




blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl