comunicato stampa MURIZIO TAIOLI - ZEITGEIST - VENERDI 19 MAGGIO

Allegati

07/mag/2006 11.14.00 Radar Arte Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

Con preghiera di pubblicazione

Grazie

Radar

 

Inaugurazione

venerdì 19 maggio

ore 19.oo

 

I contenuti figurativi dei lavori di Maurizio Taioli si fondano sulla quotidianità, rispecchiano la realtà contemporanea, forzano e riflettono l’evoluzione storica, si interrogano e stimolano all’interrogazione sulla disponibilità di pensiero a percepire il sismogramma delle seduzioni socio-culturali, politiche e religiose maturate all’interno delle condizioni di capitalismo e di tecnologia prodotte dalla società odierna.

Lo spirito del tempo verso il quale la sua previsione protende è riassunto attraverso gli ultimi ‘scorci’ analitici presenti nella serie Zeitgeist, ed è ben circoscritto da uno sguardo critico ed indagatore che visualizza la storia dell’ultimo decennio come tempo in cui si è reso a noi disponibile il pieno orizzonte che il presente dispiega. Viceversa, fuori da questo sguardo, è il sistema totalizzante che dispone di noi. L’arte, per Maurizio Taioli, assume in se stessa il compito di intendere ciò che si manifesta attraverso la provocazione.

Le opere recenti palesano infatti l’abbondanza di spunti di riflessione e l’inflazione di clichè abituali che scorrono ormai indifferentemente davanti ai nostri occhi: personaggi del cinema, palazzi del potere, statuaria monumentale, barili di petrolio. Taioli avvicina arbitrariamente soggetti diversi ed apparentemente scollegati tra loro ed attraverso questo midrash iconografico conduce il proprio gioco delle campiture e dei contrasti in bianco e nero. In tal modo l’oggetto-immagine viene isolato come segno del tempo. Zeitgeist dipinto e disponibile che diviene evento-stimolo carico di associazioni.

La domanda sembra essere: le cose appaiono sotto un altro aspetto se vengono ridefiniti i linguaggi? Il linguaggio è oggi quello funzionale di un’iconografia che blandisce, evidenzia il banale della quotidianità accrescendone il valore oltre ogni limite, isola e rende perfettibili gli aspetti violenti, sconcertanti. La forza di suggestione del contenuto figurativo dispone dell’osservatore e si rende organo-funzione di un più ampio panorama mistificatorio.

Siamo oggetti sedotti, perché la società produce seduzione. La violenza è resa seducente attraverso una politica del terrore. L’individuo è dissolto ancora una volta nel prodotto del suo consumo, del suo piacere e delle sue paure. L’uomo diviene allora silhouette: veste divise, tute, livree invisibili; si muove indifferente tra bombe atomiche e sedie elettriche che rendono il suo spazio naturale un set artificiale all’interno del quale è manovrato e diretto. Tutto il possibile si rende allora abituale.

Il complesso atteggiamento di Maurizio Taioli nei confronti della realtà appare oggi sempre più analitico e determinato: l’interesse generale per le icone, le immagini e i prodotti legati a determinati stereotipi, monumentalizza ciò che normalmente è vissuto come familiare e insignificante, rendendolo strumento dell’atteggiamento indagatore dell’artista stesso.

Radar

Via Caneve 12 30173 Mestre Venezia

338 529 30 34 vox/fax + 39  041 534 44 27

info@arteradar.com www.arteradar.com


Avvertenza Ai sensi dell’art.13 del nuovo codice sulla privacy (D. Lgs 196 del 30 giugno 2003) le mail informative possono essere inviate solo con il consenso del destinatario. Il suo indirizzo si trova nella mailing list della Galleria Radar e Le abbiamo inviato fino ad oggi inviti ed informazioni riguardanti le nostre mostre con il seguente indirizzo e-mail: info@arteradar.com.

Sperando che le nostre comunicazioni siano per Lei interessanti, Le assicuriamo che i Suoi dati saranno da noi trattati con riservatezza e non verranno divulgati. Le informative hanno carattere periodico e sono comunicate individualmente ai singoli interessati, anche se trattate con l’ausilio di spedizioni collettive. In ogni momento sarà possibile chiedere di essere rimossi dalla nostra mailing list inviando una mail con oggetto "CANCELLA". Una non risposta, invece, varrà come consenso alla spedizione dei nostri inviti. Grazie. Radar

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl