Un pittore barocco a Casa Buonarroti a Firenze: Fabrizio Boschi

Un pittore barocco a Casa Buonarroti a Firenze: Fabrizio BoschiTra i pittori che Michelangelo Buonarroti il Giovane, pronipote del grande di Caprese, chiamò a decorare la casa di famiglia di Via Ghibellina a Firenze, è da riscoprire Fabrizio Boschi, vissuto tra il 1572 ed il 1642, incaricato nel 1615 di realizzare uno dei pannelli parietali della Galleria al piano nobile del palazzo, raffigurante Michelangelo che presenta al papa Giulio III il modello ligneo del Tribunale di Ruota in via Giulia a Roma.

19/mag/2006 07.24.48 Nicoletta Curradi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Tra i pittori che Michelangelo Buonarroti il Giovane, pronipote del grande di Caprese, chiamò a decorare la casa di famiglia di Via Ghibellina a Firenze, è da riscoprire Fabrizio Boschi, vissuto tra il 1572 ed il 1642, incaricato nel 1615 di realizzare uno dei pannelli parietali della Galleria al piano nobile del palazzo, raffigurante Michelangelo che presenta al papa Giulio III il modello ligneo del Tribunale di Ruota in via Giulia a Roma. All'apice della carriera, cominciata con il Passignano e perfezionatasi a Roma nel fervido clima intellettuale ed artistico di fine '500, il Boschi produsse qui un capolavoro di equilibrio compositivo e cromatico, caratterizzato da una pennellata corposa, metrica, mediata sia dal Cigoli, sia da Ruibens, con cui era venuto a contatto a Roma. Sontuosità di pennello ed eloquio narrativo denota tutta l'opera del Boschi già dai lavori fatti prima di partire per Roma, come la pala di S.Barnaba a Firenze, ma con il rientro nel 1606 l'artista importa una nuova grandiosità compositiva, assimilando il linguaggio rubensiano ed il naturalismo caravaggesco. Il Boschi può essere definito a ragione un pittore protobarocco. Fu anche eccezionale disegnatore, utilizzando tutte le tecniche disponibili alla sua epoca. La mostra, curata da Riccardo Spinelli, specialista del Seicento fiorentino, comprende 20 dipinti su tavola e su tela, di cui molti inediti, oltre ad una cospicua serie di disegni. La mostra fa parte delle iniziative culturali finalizzate alla riscoperta di quei pittori del XVII secolo che lavorarono per Michelangelo il Giovane, come Artemisia Gentileschi o Cecco Bravo, illustrando la parabola figurativa del Boschi dagli inizi della sua attività alla fine della carriera.
"Fabrizio Boschi, pittore barocco di belle idee e di nobiltà di maniera"
Casa Buonarroti, Via Ghibellina 70 Firenze
Dal 26.07 al 13.11.2006
Orario: 9.30-16 chiuso martedì
Ingresso: Euro 6,50 ridotto Euro 4, scuole Euro 3,25
Info: tel.055/241752 www.casabuonarroti.it
 
Nicoletta Curradi


Nicoletta Curradi
Yahoo! Messenger with Voice: chiama da PC a telefono a tariffe esclusive
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl