MEMORIALS di Davide Bertocchi

MEMORIALS di Davide Bertocchi Davide Bertocchi "Memorials" 10 giugno - 6 luglio 2006 Inaugurazione sabato 10 giugno ore 18.30 Ingresso libero Galleria Astuni Piazza Duomo 37, Pietrsanta (LU) Tel 0584 71760 / 20623 fax 0584 71760 www.galleriaastuni.com galleria.astuni@libero.it A cura di Luca Beatrice La musica per Davide Bertocchi (Modena, 1969, vive e lavora a Parigi) è un elemento fondamentale, indispensabile alla poetica del suo lavoro.

07/giu/2006 10.49.00 Galleria Astuni Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
>
> Davide Bertocchi
> “Memorials”
> 10 giugno - 6 luglio 2006
> Inaugurazione sabato 10 giugno ore 18.30
> Ingresso libero
>
> Galleria Astuni
> Piazza Duomo 37, Pietrsanta (LU)
> Tel 0584 71760 / 20623 fax 0584 71760
> www.galleriaastuni.com
> galleria.astuni@libero.it
>
> A cura di Luca Beatrice
>
> La musica per Davide Bertocchi (Modena, 1969, vive e lavora a Parigi)
> è un elemento fondamentale, indispensabile alla poetica del suo
> lavoro. Memorials è una nuova serie di sculture, venti dischi in
> marmo, riproduzioni fedeli dei suoi 33 giri preferiti -Trans Europe
> Express dei Kraftwerk, Fade to Gray dei Visage, Sick of the TV di
> Fischerspooner-. Si tratta di una sorta di archivio personale di ciò
> che più ha influenzato la sua vita e il suo lavoro. Scolpendo nella
> pietra gli album più significativi che lo hanno accompagnato negli
> anni, Bertocchi confronta in qualche modo la sua storia personale con
> quella di una intera generazione, “immortalando” i propri ricordi in
> particolarissime lapidi sonore. L’album è inteso come lo statement
> dell’artista stesso, manifesto del suo lavoro. Musica e arte sono
> riflessi allo specchio. La fluida inconsistenza della musica prende
> corpo nel marmo. L’energia del suono si unisce alla forza del segno
> visivo. Il materiale si trasforma in un silenzioso richiamo al
> concetto tempo: tra staticità e dinamismo, le sculture raccontano
> l’evoluzione e la crescita dell’artista attraverso un elemento
> condivisibile. La forma musicale astratta diventa tangibile, acquista
> una funzione narrativa ed evocativa. Le modulazioni scultoree e quelle
> sonore si incrociano dando vita quindi a una composizione inedita.
>
> DAVIDE BERTOCCHI - Partecipa a numerose mostre sia in Italia che
> all’estero e tra le mostre personali si ricordano : alla Galleria Gian
> Carla Zanutti di Milano nel 1999 e nel 2000. Nel 2003 all’Istituto
> Italiano di Cultura a Los Angeles e Limo al Centre Pompidou di Parigi
> nel 2004. Top 100 al Palais de Tokyo di Parigi, nel 2005; alla
> Sint-Lukas Galerie di Bruxelles e alla Galerie Nuke a Parigi nel 2006.
> Tra le mostre collettive : Doel Zonder Oorzaak, alla W139 di Amsterdam
> e S.M.A.K. di Ghent, nel 1999; One Planet Under a Groove: Hip Hop And
> Contemporary Art, presso il Bronx Museum a New York e la Walker Art
> Center di Minneapolis e Short Stories alla Fabbrica Del Vapore,
> Milano, nel 2001 ; partecipa a Nuovo Spazio Italiano presso il MART,
> Palazzo delle Albere e Galleria Civica di Trento e ad Assab One,
> Ex-Stabilimento GEA, Milano, nel 2002; Melting Pop, al Centro di Arte
> Contemporanea Palazzo delle Papesse di Siena, e la Prague Biennale 1 a
> Praga nel  2003, la XIV Quadriennale di Roma per la Sezione "Anteprima
> 1" presentata a Torino, nel 2004; U_Move: utopia e immagine in
> movimento, alla Galleria d'Arte Contemporanea di Monfalcone, a
> Radiodays al De Appel di Amsterdam e Can Buildings Curate all’
> Architectural Association, Londra nel 2005 ; Sound&Vision, al Palazzo
> della Penna a Perugia nel 2006, tutte con relativa pubblicazione.
>
> Info : tel. 0584 71760 / 20623 - galleria.astuni@libero.it
>
>
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl