Palazzo delle Papesse ANTEPRIMA STAMPA 14/10/2006 ore 12:00 "D'Ombra" - di Lea Vergine - 14 Ottobre - 7 Gennaio

13/ott/2006 12.49.00 Carlo Simula - Press Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

CON PREGHIERA DI DIFFUSIONE AGLI INTERESSATI

SAVE THE DATES

ANTEPRIMA STAMPA: 14 OTTOBRE ORE 12:00
INAUGURAZIONE: 14 OTTOBRE ORE 18:00







vi invita alla
ANTEPRIMA STAMPA
con VISITA GUIDATA
di presentazione della mostra



di Lea Vergine


14 Ottobre 2006
ore 12:00
Palazzo delle Papesse, 3° piano


Interverranno :

Marco Pierini - Direttore del Palazzo delle Papesse

Lorenzo Fusi - Curatore del Palazzo delle Papesse

Lea Vergine - Critico d'arte e curatore della mostra




Palazzo delle Papesse apre il terzo ciclo espositivo dell'anno presentando la mostra collettiva
D'Ombra ideata da Lea Vergine e prodotta e organizzata dal Centro senese assieme al MAN di Nuoro.

L'argomentare della mostra è il tema dell'Ombra. Dalle pitture tombali degli egiziani ad oggi gli artisti hanno lavorato su questo tema. L'uomo che ha perduto la propria ombra è segnato dai demoni e la donna senza ombra è sterile: così ne
La storia meravigliosa di Peter Schlemihl di Adalbert von Chamisso e in La donna senz'ombra di Hugo von Hofmannsthal. La leggenda vuole anche che chi non riesce a colloquiare con la propria ombra sia destinato alla morte, e così anche chi la calpesta o ne fa cattivo uso. Dunque, non si prescinde dall'ombra. Tutto quello che è creato o determinato senza ombra ha un che di inquietante; ma anche l'ombra (tenebra o sagoma scura) costituisce la parte segreta di persone ed oggetti.

Ogni ombra è incantesimo. Intatta e riconoscibile, l'ombra è come un fantasma: come per un fantasma, non è facile decifrarla.
Perdere l'ombra: comperarla, ritrovarla, rubarla, cancellarla, guadagnarsela, carpirla, gettarla via. Ma l'ombra è un contenitore vuoto? L'ombra crede alla nostra esistenza? L'ombra va nell'
altrove?

Si possiede generalmente un'ombra (al contrario del personaggio di von Chamisso o di altri simbolisti tedeschi); essa cresce con noi e un giorno saremo la nostra ombra, cioè il nostro doppio e il nostro abitacolo. Chi non conosce l'ombra delle forme, ignora la forma stessa. L'ombra è la sua non-finità: nell'ombra giace nascosta la forma.

La mostra sceglie di occuparsi di questo. Esclude perciò quel filone dell'arte contemporanea dove il contrasto luce-ombra privilegia i fenomeni della percezione visiva. La mostra propone le opere dove l'ombra risulta il movente e significante primo della rappresentazione, cioè dove l'ombra resta intimamente partecipe della struttura psicologica umana alludendo
all'altro lato della personalità e a quanto di oscuro ed enigmatico si cela in essa.

Prima grande rassegna nel suo genere,
D'Ombra offre la possibilità di verificare come e quanto l'antico tema continui a riproporsi anche nelle opere di artisti contemporanei.

Artisti presenti in mostra: Mario Airò, Doug Aitken, Carlo Alfano, Laurie Anderson, Stefano Arienti, Luciano Bartolini, Carlo Benvenuto, Barbara Bloom, Christian Boltanski, Fabrizio Corneli, Gino De Dominicis, Fischli & Weiss, Ceal Floyer, Alberto Garutti, Ann Hamilton, Mona Hatoum, Gary Hill, Joan Jonas, Nino Longobardi, Urs Lüthi, Fabio Mauri, Sebastiano Mauri, Ottonella Mocellin e Nicola Pellegrini, Tracey Moffatt, Margherita Morgantin, Marvin E. Newman, Cornelia Parker, Claudio Parmiggiani, Gianni Pisani, Markus Raetz, Annie Ratti, Rosanna Rossi, Anri Sala, Susanne Simonson, Jana Sterbak, Fiona Tan, Andy Warhol, William Wegman, Francesca Woodman.

Catalogo: Silvana Editoriale, edizione bilingue italiano/english, testi critici di Lorenzo Fusi e Lea Vergine.

Nel bookshop del Palazzo - attualmente allestito con il progetto di
Botto&Bruno Il rock'n'roll ci salverà - verranno inoltre presentati gli oggetti di Martina della Valle.

La mostra verrà successivamente presentata al MAN di Nuoro dal 26 Gennaio al 6 Maggio 2007.

Per tutte le iniziative, le mostre, la storia del Palazzo e molto altro cliccate sul nostro sito: http://www.papesse.org.

Collegatevi all'unica webradio d'arte italiana, Radio Papesse, http://www.radiopapesse.org.

Per qualsiasi informazione e richiesta di materiale stampa non esitate a contattarmi ai numeri sottostanti.

Cordialmente


Carlo Simula
Stampa e comunicazione
Palazzo delle Papesse - Centro Arte Contemporanea
T +39 0577 220721 - F +39 0577 42039
E stampa.papesse@comune.siena.it
W http://www.papesse.org


-----------------------------
NO SPAM! Questa mail circolare - inviata in
Blind Carbon Copy per rispetto della vostra privacy - alle redazioni o a persone a scopo informativo riguardo eventi culturali, non contiene pubblicità ne' promozione di tipo commerciale e viene inviata in conformità alla Legge 675/96 D.Lgs 196/2003. Cerchiamo di evitare doppi invii per quanto possibile. Se ciò accadesse segnalatecelo e provvederemo. Qualora non intendesse ricevere ulteriori comunicazioni la prego di inviare una risposta con oggetto: CANCELLA specificando l'indirizzo email da rimuovere.
----------------------------

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl