Mostra Francesca Bonanni- Danza metafisica

Mostra Francesca Bonanni- Danza metafisica Mostra personalediFRANCESCA BONANNI"Danza Metafisica" Inaugurazione: venerdì 1 dicembre 2006 ore 18.30Sede: Galleria Tondinelli Indirizzo: Via Quattro Fontane, 128/a - 00184 RomaTel/fax: 06/4744300 www.galleriatondinelli.it E-mail: info@galleriatondinelli.itDurata: 1- 20 dicembre 2006 Catalogo: in galleria con testi di Lea Mattarella e Loredana FinicelliOrganizzazione e ufficio stampa: Floriana Tondinelli Tel/fax 064744300 La Galleria Tondinelli presenta dal 1 al 20 dicembre 2006 la mostra personale di Francesca Bonanni Danza Metafisica, con testi in catalogo di Lea Mattarella e Loredana Finicelli.«[_.]

18/nov/2006 18.49.00 Galleria Tondinelli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 

Mostra personale

di

FRANCESCA BONANNI

“Danza Metafisica”

 

Inaugurazione: venerdì 1 dicembre 2006 ore 18.30

Sede: Galleria Tondinelli

Indirizzo: Via Quattro Fontane, 128/a - 00184 Roma

Tel/fax: 06/4744300 www.galleriatondinelli.it  E-mail: info@galleriatondinelli.it

Durata: 1- 20 dicembre 2006 

Catalogo: in galleria con testi di Lea Mattarella e Loredana Finicelli

Organizzazione e ufficio stampa: Floriana Tondinelli Tel/fax 064744300

 

La Galleria Tondinelli presenta dal 1 al 20 dicembre 2006 la mostra personale di Francesca Bonanni Danza Metafisica, con testi in catalogo di Lea Mattarella e Loredana Finicelli.

« [….] E’ evidente che la luminosità che emerge da qui è quella tipica del Sud, di un qualsiasi meridione del mondo che si può riconoscere tra i trulli della Puglia (non a caso citati), tra la profusione d’oro del Marocco appena visitato, o magari tra i mosaici che brillano tra il sole e gli olivi in Sicilia. [….] E poi siamo in Sicilia. [….] Ecco, qui tra questi mosaici e davanti al Cretto di Burri, secondo me la Bonanni ha scoperto una nuova realtà. [….] Ora, è normale che se dici la parola ballerina, e stai parlando di pittura, immediatamente evochi Degas. Però se queste figure le si guarda con attenzione, se ci si lascia trasportare dalla musicalità che si può immaginare dai loro gesti, se ci si concentra sulla solennità e l’esattezza della loro posa, è evidente che Degas in questo caldo e luccicante mondo mediterraneo, non c’entra assolutamente nulla. La Bonanni insegue una quiete, un movimento armonico, un atteggiarsi che fissi per sempre un momento in cui la bellezza finisce per prevalere. Degas ama la dissonanza, per lui le ballerine sono “piccoli ratti”, le inquadra mentre si grattano la schiena, o magari sbadigliano. Qui c’è l’ordine silenzioso senza tempo di un palcoscenico metafisico, non c’è la polvere di quinte parigine né immagini decentrate, durezze, fatiche. Se penso a un eventuale fratellanza tra queste e altre immagini mi viene in mente Benigno del film di Almodovar Parla con lei che spia Alicia dalla finestra della sua casa. [….] Le danzatrici di Francesca cercano sguardi da sedurre e da placare, da accarezzare e da tranquillizzare. Sanno che, come recitava il titolo di una raccolta di scritti di Giancarlo Marmori, rubato per l’occasione a un verso di Ezra Pound, la bellezza è difficile, ma a loro è data l’occasione di mostrarla e non intendono rinunciarvi. La loro leggerezza è paragonabile a quella dell’aria, la sicurezza dei movimenti a quella della terra, la forza dei gesti al fuoco e la loro costanza all’acqua. Tutti elementi che la Bonnanni lascia sempre entrare nelle simbologie delle sue opere. Cosa stiano cercando queste perle sfavillante scolpite nella luce, lo suggerisce l’ultima opera che appartiene a questo ciclo. [….] C’è una ballerina, anche lei  di spalle che ha davanti a sé un’opera. E’ la Dance di Matisse. Niente di stridente, di disarmonico, di doloroso. Niente che non stia bene dove sta. Questo è lo spazio dell’armonia, della tranquillità, della quiete. La danza non è un corteo sfrenato e irrazionale, ma perfezione formale, incastri di luminosità terse e definite. Alla fine Apollo ha sconfitto Dioniso. Per Francesca è così» (Lea Mattarella).

 

Francesca Bonanni ha iniziato ad esporre nel 1993 con una serie di personali e collettive, tra le tante ricordiamo la mostra al Museo d'Arte Moderna e Contemporanea di Anticoli Corrado, Roma, al Complesso Monumentale del Vittoriano, Roma, all’Archivio Centrale dello Stato, Roma, al Museo di Maglie, Lecce, a Palazzo Marigliano, Soprintendenza Archivistica per la Campania, Napoli.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl