mostra personale di carlo pecoraro

Luogo: LaPortaBlu GalleryIndirizzo: Arco degli Acetari 40, 00186 Roma Durata: fino al 2 dicembre 2006orari: dalle 17:00 alle 20:00 dal Martedì al Sabatoinfo 339.7175269Circa quaranta dipinti di piccolo formato si allineeranno in un'accattivante slow motion il cui filo conduttore sono esperienze umane quotidiane, alienate, eroiche, appassionate, anonime.

22/nov/2006 02.20.00 francafoffo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
CARLO PECORARO
Chi son io? Chi sei tu?
Luogo: LaPortaBlu Gallery
Indirizzo: Arco degli Acetari 40 , 00186 Roma
Durata: fino  al 2 dicembre 2006
orari: dalle 17:00 alle 20:00 dal Martedì al Sabato
info 339.7175269

Circa quaranta dipinti di piccolo formato si allineeranno in un’accattivante slow motion il cui filo conduttore sono esperienze umane quotidiane, alienate, eroiche, appassionate, anonime. La sequenza di volti e situazioni indugia su scenari urbani, su gesti dall’eclatanza non riconoscibile fra atti di disperazione, attese, abbracci e abbandoni: immagini trafugate da un divenire comune che passa inosservato.

Le opere, tutte datate 2006, pervengono, attraverso vari stadi lavorativi, ad un risultato finale in cui predominano pochi eccentrici colori violenti, colori che campiscono le superfici fra zone uniformi ed in contrasto di luce e d’ombra. Esito di tale elaborazione, un'immagine che si arricchisce di suggestioni: i soggetti ritratti escono dall’anonimato, il racconto fuoriesce senza durata nell’evocazione, le storie si avvantaggiano di un’atmosfera soffusa.
Nell’opera di Carlo Pecoraro ricorre il riferimento all’immagine filmica, al piccolo schermo, da cui anche il ridotto formato delle tele. Si alternano inquadrature decentrate, campi totali, primissimi piani, in un gioco compositivo che sfrutta sapientemente tutte le strategie narrative.

Il titolo della mostra e queste opere di Carlo Pecoraro contengono, infine, un sotteso richiamo ad un film storico di Wim Wenders, Il cielo sopra Berlino. Le domande esistenziali, che nel film rincalzano da un personaggio all’altro e che gli artisti non temono di porsi - chi sono io? chi sei tu? - trovano una risposta attraverso uno sguardo puntato sul quotidiano in cui a parlare sono gesti, emozioni, luoghi vissuti

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl