"Spoleto incontra Venezia”: In esposizione l’arte mistica di Monika Mecarelli

06/ago/2014 17:12:15 UffStampaMilano Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Si preannuncia un'iniziativa altisonante la corposa esposizione artistica di "Spoleto incontra Venezia" presso il prezioso contesto di Palazzo Falier, a Venezia, affacciato proprio davanti al Canal Grande, che avrà l'egida curatoriale del critico Vittorio Sgarbi e l'organizzazione del manager Salvo Nugnes. L'evento sarà inaugurato in data Sabato 27 Settembre e resterà in loco fino al 24 Ottobre 2014. Nel novero degli artisti scelti per partecipare, spiccano nomi del calibro di Dario Fo, Eugenio Carmi, José Dalì, accanto a esponenti di talento del panorama attuale, come Monika Mecarelli, che porterà in visione la sua arte ispirata dal misticismo simbolico, rivisitato in formula di originale personalizzazione.

 

La Mecarelli si dedica all'ambito figurativo spaziando dall'acquerello alla grafica, dalla decorazione per arredo di alto design alla pittura, incluso quella su tessuto sul quale realizza opere con soggetti derivanti dalle immagini sacre, con particolare riferimento all'iconografia ortodossa russa. Di recente, ha orientato la sua ricerca sperimentale verso uno stile d'impronta più moderna e contemporanea.

 

Nelle sue creazioni si delineano tragitti ordinati o di complessa articolazione, che le fitte trame metalliche imprimono sulle tele ancora intatte. Questi incroci vogliono esprimere insieme il concetto di dilemma e quello di soluzione, come se una delle due forze superasse l'altra, in una sfida simulata virtualmente. Il metallo racconta e descrive l'energia di un periodo, nel quale risultava quasi necessario e imprescindibile attribuire una chiave interpretativa di esercizio esistenziale irrinunciabile.

 

Le sequenze d'intreccio, senza opporsi tra loro, generano emozioni transitorie e bloccano rendendo definitivo l'attimo sublime della casualità, fermandolo nel suo moto mai scontato. Talvolta, comprimono e danno ordine al variabile fluire del tempo, del suono, dello sguardo, nell'intento di formare connessioni di armonico equilibrio per inglobare l'elemento mutevole all'interno di una memoria inconfutabile e ben tangibile. In tale prospettiva l'uso del colore diventa quasi sempre superfluo, nel percorso di traduzione dell'attimo istantaneo, che lo trasforma in -cose- accorpando visioni essenziali, ma ricche di profondi contenuti comunicativi, da condividere con il fruitore.

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl