Da Spoleto Arte alle mostre di Spoleto incontra Venezia le incantevoli creazioni di Claudio Messini

08/set/2014 16.29.55 UffStampaMilano Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Claudio Messini rinnova la sua presenza alle grandi mostre di "Spoleto incontra Venezia" dopo la positiva partecipazione a "Spoleto Arte". L'evento, ambientato nello spettacolare contesto veneziano del secolare Palazzo Rota Ivancich a pochi passi  da Piazza San Marco, si terrà dal 28 Settembre al 24 Ottobre 2014, con la curatela di Vittorio Sgarbi e la direzione del manager Salvo Nugnes. È prevista la presenza di opere di Dario Fo, Eugenio Carmi, José Dalì e altri nomi di prestigio. 

Messini, oltre alla pittura si dedica da più di trent'anni alla disciplina teatrale. Ha fondato il gruppo de "I Gotturni" che si esibisce in performance di successo a livello nazionale. Nell'affascinante parallelismo tra teatralità e arte, che contraddistingue il suo percorso esistenziale e professionale, risiede un tassello fondamentale per cogliere e comprendere pienamente la peculiare ricerca di sperimentazione stilistica, attraverso cui si incanala e si orienta la poliedrica e camaleontica capacità ideativa e progettuale. Da un lato, sviluppa l'intento di stupire e sorprendere lo spettatore, che assiste allo scenario recitato sul palcoscenico, dall'altro riesce a conquistare l'osservatore con l’intensità delle opere pittoriche, all'insegna di un tripudio congiunto di emozionante coinvolgimento e immediato impatto emotivo. Il risultato, perseguito e raggiunto in entrambi gli ambiti applicativi, sfocia in un'avvolgente ed accattivante atmosfera di musicale sonorità, che nei quadri si traduce in vivaci note cromatiche, arricchite dalla luminosa energia degli strati materici, sovrapposti insieme e amalgamati in equilibrata e proporzionata fusione, quasi assumendo la dimensione di pitto-sculture. 

Tende volutamente ad allontanarsi dalla concretezza mimetica dell'astrattismo puro, per approcciare la geniale intuizione di avvalersi dell'utilizzo di simbologie "parlanti" ed elementi segnici e figurativi cifrati, che inserisce all'interno delle creazioni, attribuendo ad essi una funzionalità comunicativa metaforica, di linguaggio sapientemente codificato, che l'occhio attento e sensibile del fruitore deve carpire ed interpretare, con una chiave di lettura libera e dinamica.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl