Tele monocromatiche e materiche di Alessandra Turolli in occasione delle mostre Spoleto incontra Venezia

16/ott/2014 14.51.10 UffStampaMilano Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Molto apprezzata l'arte di Alessandra Turolli, che fino al 24 Ottobre 2014, espone le sue tele materiche nel prestigioso contesto delle mostre "Spoleto incontra Venezia" con la curatela di Vittorio Sgarbi e la direzione del manager Salvo Nugnes, presso lo storico Palazzo Falier. Di seguito una nuova intervista all'artista.

  

D:Attualmente a quale produzione artistica si sta dedicando?

R: In questo periodo mi sto dedicando con molta passione alle vibrazioni cromatiche dei colori, legate alla filosofia ayurvedica dei chakra.

 

D: Cosa ne pensa del ruolo nella società dell’arte oggi?

R: Penso che l'arte, in quanto linguaggio di portata universale, costituisca un preziosissimo strumento di "dialogo cosmopolita" che ci lega tutti.

 

D: Qual è il suo messaggio?

R: È proteso a divulgare l'amore per l'arte in toto e a poter offrire il mio piccolo contributo tangibile a questa finalità primaria.

 

D: Che cos’è per lei l’ispirazione?

R: “Il delirio artistico” che inconsciamente guida la mia mano sulla tela

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl