Il Surrealismo inconscio di Maria Franca Grisolia alla Milano Art Gallery: Andrea Pinketts ospite al vernissage

05/dic/2014 17.14.06 UffStampaMilano Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Maria Franca Grisolia rientra nel selezionato gruppo di artisti che esporranno in collettiva all'interno della rinomata galleria milanese "Milano Art Gallery", in via Alessi 11, nel cuore della città a due passi dal Duomo. L'evento è organizzato dal manager produttore Salvo Nugnes dal 20 dicembre 2014 al 9 gennaio 2015. Al vernissage inaugurale,in data sabato 20 dicembre alle ore 18.00, è prevista la partecipazione straordinaria di Andrea Pinketts, noto scrittore e personaggio televisivo. 

Le basi culturali domenicane di Maria Franca Grisolia si fondono con la formazione e l’attività artistica sviluppata in Italia. La sua variegata produzione spazia dalla pittura ad olio, al disegno, alla china. Dipinge per esprimere idee e concetti, frutto di profonde riflessioni interiori, e propone una ricerca sull'universo femminile, sull’identità e la rappresentazione della donna in un mondo in cui sessualità, fantasia e sentimento si congiungono ad intreccio. Forma e colori sono utilizzati come strumento per esternare uno stato interiore attraverso il superamento dell'improvvisazione. La rappresentazione pacata ed austera, con la sua umanità dignitosa, è la celebrazione dell'essere umano con le sue debolezze e le sue diversità. Nei suoi lavori c’è una costante analisi, che alimenta la tradizione figurativa classica, nella consapevolezza che la conoscenza dell'arte antica è presupposto fondamentale per conoscere ed amare quella moderna. 

 

Sullo stile peculiare che la contraddistingue è stato scritto "Nelle opere si aprono architetture di contorno fantastiche; scene e prospettive di vedute metafisiche e surreali, esaltate e valorizzate dalla luce e dai sapienti effetti tonali chiaroscurali. Lo spettatore viene indirizzato verso la memoria, alimentando la connessione con immagini acquisite dalla coscienza in una scrittura narrativa luminosa, che sorregge l'articolazione spaziale in una visione emotiva, che attinge suggestioni dall'inconscio. Lo spazio lascia filtrare nuove gamme cromatiche annunciate da luci colorate, che si inseriscono e si insinuano nei piani della figurazione, conferendo all'insieme forte impatto. Il colore mette in gioco emozioni che la mente non riesce sempre a porre sotto il suo controllo. Le figure si fanno metafore attraverso il segno, le cromie e la matericità densa e corposa. La costruzione nella quale la coscienza sfugge al suo stesso inganno visionario, si affida alla referenzialità tattile della materia ,senza però estraniarsi dall'elemento onirico e porgendo attenzione a un'analisi che accoglie e lascia affiorare un dettato intimista, frutto di una pittura intesa non soltanto come ‘lente d'ingrandimento’ con cui vedere il mondo, ma come arguto approccio conoscitivo verso l'altro da sé".

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl