Marco Gizzi. Genio malinconico, a cura di Margherita Balzerani

06/mar/2007 15.49.00 Margherita Balzerani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

COMUNICATO STAMPA

Sabato 24 Marzo 2007, alle ore 18H00, si inaugura a Frosinone nelle sale della Villa Comunale in presenza dell’artista, la mostra personale “Marco Gizzi. Genio malinconico” promossa dall’Associazione Umberto Mastroianni e dal Comune di Frosinone.

“Marco Gizzi. Genio malinconico”, a cura di Margherita Balzerani propone per la prima volta al pubblico uno sguardo inedito sull’evoluzione pittorica del giovane artista ceccanese.

“Marco Gizzi è un artista in bilico tra metafisico e reale.

Ricca di diverse sedimentazioni, assimilate e rielaborate nel corso degli anni in una personale sfera espressiva; la pittura dell’artista ceccanese è caratterizzata da due momenti estetici complementari, che costituiscono due fasi distinte del percorso espositivo della mostra.

Il primo periodo (1979-1989) è caratterizzato da una pittura paradigmatica, vertiginosa e mirabolante, fatta di abberrazioni prospettiche, tessuta da un silenzio affabulatorio ed intrigante. Una luce sofisticata scopre minacciose superfici livide animate da un’illogica attesa. In base ad un inedito percorso di assimilazione delle tematiche surrealiste proprie all’universo pittorico di Max Ernst, Marco Gizzi popola i propri quadri di oggetti “mutanti” come caratterizzati da una forma di metempsicosi formale.

Nella seconda fase formale (1989-2006) la pittura diviene sublimazione della forma: silenziosa, sussurrata, quasi vaporizzata sulla tela.

Dai regni pittoreschi dell'estasi di un paesaggio irreale, abitato da abissi marini e precipizi, costruito in prospettive sghembe, giungiamo dal 1990 ad un’evoluzione che rappresenta una presa di coscienza del senso panico insito nella natura. Come un naufrago senza ritorno, lo sguardo dello spettatore si perde in un infinito sublime e malinconico. Ma se l’infinito non si può cogliere con la ragione, bisogna avvalersi di strumenti alternativi. La realtà è geroglifico dello spirito e le cose del mondo sono simboli di qualcosa che va al di la della realtà.

Marco Gizzi ci insegna che l’arte è lo strumento privilegiato della conoscenza.”

 

Testo di Margherita Balzerani tratto dal catalogo della mostra “Marco Gizzi. Genio Malinconico”. CATALOGO IN MOSTRA.

 

Frosinone, Villa Comunale Via Marco Tullio Cicerone (03100)

 

INAUGURAZIONE : Sabato 24 Marzo 2007 ore 18h00.

 

Dal 24  Marzo al 5 Aprile 2007.

Aperto tutti i giorni  dalle 9H00/13H00 – 15H00/18H00

Lunedi chiuso.

Ingresso libero.

 

Contatti:

Artista: Marco Gizzi

vive e lavora a Ceccano in via San Francesco, n°163. Telefono: 0775.637446/333.9689924

Curatore: Margherita Balzerani  

vive a Parigi e lavora presso il dipartimento d’Action Culturelle del Palais de Tokyo, centro d’arte contemporanea. mail: margheritabalzerani@yahoo.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl