Affreschi Mediterranei di A.Nicotra

Affreschi Mediterranei di A.Nicotra CON CORTESE PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE E DIFFUSIONE galleria Roma Arte contemporanea via Maestranza 110 Siracusa www.galleriaroma.it COMUNICATO STAMPA Oggetto: Mostra PersonaleTitolo:"Affreschi Mediterranei"Autore: Amedeo Nicotra Presentazione: Tommaso CiminoLuogo: via Maestranza 110 Siracusa Data: 17-27 marzo 2007 Inaugurazione: 17 marzo 2007 Ore: 18,30 Organizzazione e Direzione Artistica: Corrado Brancato Gallery Assistant: Francesco Allegra Ingresso Libero Info: 0931/746931 cell.338/3646560corradobrancato@hotmail.com In uno dei suoi libri più ispirati, e forse il più misconosciuto, che è "Peinture et Réalité", Étienne Gilson, il grande filosofo e storico della cultura medioevale, regala una definizione straordinaria per la sua semplicità: "L'occhio desidera il bene, che è la percezione dell'essere, segno certo che il disegno è bello.

12/mar/2007 11.00.00 Galleria Roma Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 

CON CORTESE PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE E DIFFUSIONE

galleria Roma 
Arte    contemporanea
via Maestranza 110      Siracusa
www.galleriaroma.it

 

 

COMUNICATO STAMPA

   


Oggetto:
Mostra Personale
Titolo:"Affreschi Mediterranei"

A
utore: Amedeo Nicotra 
Presentazione:
Tommaso Cimino
Luogo: via Maestranza 110  Siracusa
Data: 17-27 marzo 2007
Inaugurazione:
 
17 marzo  2007
Ore: 18,30

Organizzazione e
Direzione Artistica: Corrado Brancato

Gallery Assistant: Francesco Allegra
 

Ingresso Libero
 


Info
: 0931/746931
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com
 

 

 

In uno dei suoi libri più ispirati, e forse il più misconosciuto, che è "Peinture et Réalité", Étienne Gilson, il grande filosofo e storico della cultura medioevale, regala una definizione straordinaria per la sua semplicità: "L'occhio desidera il bene, che è la percezione dell'essere, segno certo che il disegno è bello. Non esiste dunque alcun obbligo di preferire un 'arte specifica. Tutti i gusti non si equivalgono, ma ognuno d'essi, al suo livello, è legittimo: esso misura semplicemente l'attitudine dello spettatore a percepire la bellezza". Il legame fra le parole di Gilson e l'opera recente di Amedeo Nicotra non si trova soltanto nella tecnica dell'affresco, con la quale egli risale appunto alle origini dei grandi pittori del Medio Evo e si collega allo stesso tempo alla rinascita contemporanea di questa forma artistica. Il titolo dell'esposizione, Affreschi Mediterranei, scopre infatti il segno di una necessità ben più profonda che il mero avvicinamento alla moda attuale: è il bisogno di luce, di luce chiara che Nicotra cerca senza posa di soddisfare, e soltanto la calda e morbida consistenza dell'affresco può far scaturire vivamente i colori da una tela. La tela perciò, come il muro dei pittori antichi, si mette da parte per divenire specchio, secondo l'esempio delle vetrate di tante cattedrali: e Amedeo Nicotra possiede il più bello e sognante specchio nel mare, fin dall'infanzia quello di Favara e Agrigento, oggi quello di Siracusa. Si vede il Mediterraneo e la sua forma appare infine sotto le sembianze di uno stagno calmo: le donne, gli amanti, le case, le barche, i cortili e la morte stessa sono tutti abbracciati dal sole, e il gran cerchio del mondo si riflette nello specchio della tela del pittore con tutta la sua luce. Ma l'occhio di Nicotra, desiderando la bellezza, come dice Gilson, trova di fronte lo stagno sé stesso: l'affresco bruciante di vita e di luce mostra all'artista un nuovo Narciso con il pennello teso verso di lui. E se il mondo crea dentro la nostra anima la coscienza che siamo separati dagli oggetti e dagli uomini, altri rispetto all'esistenza materiale, la pittura di questi Affreschi Mediterranei cerca di ristabilire quindi la connessione tra Realtà e anima, e la sua luce di ritrovare il ponte tra l'Essere e il Bello nella tenerezza dell'affresco. Terminiamo di parlare di Amedeo Nicotra con le parole del Diario di André Gide, che ben si attagliano al pittore: "L'arte è quella, malgrado la più perfetta spiegazione, di mantenere ancora il mistero".
 

 

Tommaso Cimino
 

 

 

Questa mail circolare, inviata in Ccn è filtrata in entrata e uscita con antivirus. News a solo scopo informativo riguardanti eventi culturali, non contengono pubblicità né promozione di tipo commerciale. Qualora non intendesse ricevere ulteriori comunicazioni La preghiamo di comunicarlo allo scrivente inviando una mail in risposta con CANCELLA in oggetto.

 

 

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl