Piziarte - La Nuova figurazione in Sicilia :Alessandro Bazan, Alfonso Leto, Francesco De Grandi, Andrea Di Marco, Fulvio Di Piazza, Adalberto Abbate, Angelo Alessandrini, Andrea Buglisi, Marco Prestia, Gisella Spinella, Angela Viola,Sam Punzina

21/mar/2007 08.49.00 PiziArte Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La Nuova Figurazione in Sicilia"


Presso Piziarte confronto fra artisti figurativi siciliani delle ultime
generazioni.

Previo richiesta si trasmettono per e-mail immagini delle opere disponibili ed ulteriori infornazioni.


 Piziarte Associazione Culturale(Associata  ANGAMC - Associazione Nazionale delle Gallerie d'Arte Moderna e Contemporanea.)

Via Sardegna 3

64018 Tortoreto Lido (Teramo)
339 /4935925

info@piziarte.net   (Scriveteci ,Vi risponderemo)



“Il sole era caldo come in giugno; i prati lontani cominciavano ad
ingiallire, le ombre degli alberi avevano qualche cosa di festevole, e
l'erba che vi cresceva era ancora verde e rugiadosa. Regnava il profondo
silenzio del meriggio; le più piccole foglie erano immobili; le ombre erano
rade; c'era per l'aria una calma, un tepore, un ronzio di insetti che pesava
voluttuosamente sulle palpebre. Ad un tratto una corrente d'aria fresca, che
veniva dal mare, fece sussurrare le cime più alte de' castagni”
Giovanni Verga, Nedda

Dopo Alessandro Bazan, Francesco De Grandi, Fulvio di Piazza, Andrea di
Marco (nelle cui opere traspare il sole caldo ed i forti colori siciliani)
una corrente d'aria fresca, (con Adalberto Abbate, Angelo Alessandrini,
Andrea Buglisi, Marco Prestia, Gisella Spinella, Angela Viola,Sam Punzina),
sta investendo la Nuova Figurazione Siciliana.

ALESSANDRO BAZAN (http://www.piziarte.net/bazan.htm)

 

" Il colore è sempre frenetico, come sottoposto a continue variazioni
luminose di tipo artificiale. Anche la luce naturale, solare, subisce questo
tipo di tensione e di incessante fremito."

FRANCESCO DE GRANDI
(http://www.piziarte.net/degrandi.htm)


(http://www.piziarte.net/degrandi2.htm )

"Il lavoro di De Grandi è l'equivalente in pittura dell ossessioni terminali
dei linguaggi più estremi tra cinema,letteratura e arti visive."

FULVIO DI PIAZZA (http://www.piziarte.net/dipiazza.htm)

 

"Nella pittura di Fulvio Di Piazza,Arcimboldo si è incontrato con i cartoon
di Disney:la ricercatezza,l'attardarsi sul particolare e sul dettagio,tutto
sommato il fascino dell'inutile si sono incontrati con l'efficacia simbolica
dei personaggi dei fumetti,con la loro capacità di parlare di vizi e virtù
antropomorfe utilizzando caratteri della fisiognomica umana."

ANDREA DI MARCO (http://www.piziarte.net/dimarco.htm)

 

"E' necessario sgomberare il campo da un eventuale equivoco,che Di Marco sia
impegnato in un'operazione retrò e nostalgica.Niente di più sbagliato,anzi
Di Marco realizza in pittura ciò che si sta (ri)affermando in altri campi
della cultura."

ADALBERTO ABBATE (http://www.piziarte.net/abbate.htm)

 

"Adalberto Abbate non realizza quadri o sculture. Il suo è il folle progetto
dei visionari e degli utopisti,.....Alla base del progetto di Adalberto c'è
l'idea di trasformare lo spazio, dunque, per metafora, il mondo."


ANGELO ALESSANDRINI (http://www.piziarte.net/alessandrini.htm)

 

scultore e pittore,fotografo è nato ad Augusta (SR) nel 1980.


ANDREA BUGLISI (http://www.piziarte.net/buglisi.htm)

 


"La pittura di Andrea Buglisi fa i conti con il variegato immaginario del
sistema pubblicitario, scritte, prodotti, sguardi accattivanti, pupazzetti
dai colori sgargianti."


MARCO PRESTIA (http://www.piziarte.net/prestia.htm



"Marco cammina per le strade, guarda, e punta l'attenzione dove forse l'uomo
che gli passa accanto ha solo gettato velocemente lo sguardo.
La realtà delle piccole cose, quelle più comuni, lo affascina al punto di
spingerlo alla ricerca della verità che si cela dietro "banali" episodi di
vita qualunque"


GISELLA SPINELLA (http://www.piziarte.net/spinella.htm

Gisella Spinella è nata a Castelvetrano nel 1975.


ANGELA VIOLA (http://www.piziarte.net/viola.htm)  

"Come le migliori avanguardie Angela Viola riesce magistralmente a giocare
con il fascino dell'ambiguità del linguaggio, soprattutto nella costruzione
spaziale realizzata mediante la sovrapposizione e la successione dei piani
che a volte si offrono allo spettatore come inganni della percezione, ne
risulta una superfice scandita ma fortemente stabile. "


SAM PUNZINA   http://www.piziarte.net/punzina.htm

"Il mondo di Punzina prende forma anzi si impossessa delle forme e le
fagocita poi diventano elefanti alieni bandiere pensieri senza parole colore
puro amore continuo comprensivo giovanile appassionante euforia giovanile
gronda gocce di vernice che divengono bubbles poliforme ed ognuna varia e
Punzina sta in attesa e intanto dipinge col colore vivo sembrano fumetti o
sono dipinti ma non importa perché Punzina sta continuando a crearli
all'infinito" (Alessandro Bazan)

 

ALFONSO  LETO    http://www.piziarte.net/leto.htm

In queste mie opere recenti, la pittura (Passione mia) entra da serva nel territorio della fotografia pubblicitaria e ne esce da padrona, dopo averne abusato e fagocitato ogni sostanza da vera jena ridens-ridens. Dopo aver fatto da collante a pubblicità, religione, ed erotismo (le tre ossessioni di massa dei nostri giorni) finisce col produrre un mondo di misticismo artificiale, apocrifo, profano ma non blasfemo (Pro-fanum = avanti al Tempio: a me piace stare sulla soglia di ogni liturgia, fosse anche quella del linguaggio, e non entrare mai veramente nel merito, per evitare di perdere la visione prospettica del contesto). Sono un anarchico moderato.
Da dove sto adesso, per esempio godo di una prospettiva abbastanza interessante.
Prendiamo le modelle utilizzate dall'odierna fotografia pubblicitaria nei cartelli-vetrina dei coiffeurs e delle boutiques: le immagini estatiche di queste figure estetizzanti e vacue, tendono alla riproduzione artificiale di una posa mistica in bilico continuo tra erotismo e spiritualità. Fateci caso. La pubblicità, da un decennio, ci offre ragazze del nostro tempo consacrate ad un'idea trascendente del consumo che pare rimanere sospesa nel cielo o nello sguardo come l'idea di Dio o dello Spirito; sembrano avvolte in un'aura di alterazione psichica (Extasy = secolarizzazione farmaceutica dell'estasi mistica) come se lo Spirito, trasmutato nella voluttuarietà della griffe, avesse sedato per un po' l'inquietudine esistenziale di una gioventù consumata nell'esicasmo apocrifo dell'apparire.
La parodia -scriveva Karl Kraus alludendo all'operetta in contrapposizione al melodramma- ha una sua implicita grandezza perché cosciente di non proclamare alcuna verità. Attraverso queste mie operette, parodie dell'icona, del misticismo, del glamour, la mia pittura esce finalmente dal mondo pachidermico dell'estetica, per andare dall'estetista.

Alfonso Leto



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl