comunicato stampa mostra domus

Quando mi specchio mi squarcio, i miei pensieri escono e traboccano, si stampano sulla superficie, a volte sanguinano.

27/apr/2007 09.49.00 antonietta campilongo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.



 Comunicato stampa

 
Genere: Arte contemporanea - collettiva 
 pittura-scultura-fotografia-installazione-Arte digitale-performance
 Titolo: Specchio non mente
 Periodo: dal 19 maggio al 19  giugno 2007
 Sede: Contemporary Art Gallery Domus Sessoriana

 Indirizzo: Piazza Santa Croce in Gerusalemme 10
 Città: Roma
Inaugurazione: Sabato 19 maggio ore 18.00
 Orari :  tutti i giorni 15.30/21.00
Ingresso: Libero
 Catalogo in sede
 info:  info: 06-706151 - 339-4394399
 Ufficio stampa: Anna Costantini
 
www.campilongo.it - www.domussessoriana.it - reception@domussessoriana.it
 A cura :  Antonietta Campilongo
 Presentazione :  Pier Maurizio Greco
Collaborazione artistica: Antonella Catini
Collaborazione tecnica : Alessandro Corsi
 Artisti:
 Leonardo Amendola, Rosella Barretta, Nicola Bettale , Agnese Bruno, Ilaria
Buselli, Maria Cecilia Camozzi, Antonietta Campilongo, Adriana Cappelli, Joao Carita, Antonella Catini,
 Benito Coltrinari, Enzo Correnti, Anna Costantini, Luca Dalmazio, Paola de
 Santis, Francesco Di Tillo, Rosanna Fedele, Pier Maurizio Greco, Gaspare
 Lombardo, Sabrina Marconi, Maggiorini Serena, Kim Molinero, Consuelo Mura,
 Giovanni Novi, Claudio Orlandi, Monica Palermo, Ricardo Passos, Simonetta
 Pizzarotti, Alessandro Rech, Gabriele Simonetti, Angela Vinci, Will_be


Specchio non mente

 

Lo specchio è lì, faccio di tutto per non incrociarlo, mi nascondo nel buio.

Sembra acceso e pulsante, illuminato da un alone lattiginoso.

Lo evito strisciando sul pavimento, non voglio che mi veda.

Quando mi specchio mi squarcio, i miei pensieri escono e traboccano, si stampano sulla superficie, a volte sanguinano.

Velocemente affiorano immagini sulla lastra, velocemente appare qualcosa di me, passato, presente, futuro.

E cerco la piega, l’impronta, il segno che mi dica ancora: “Esisti”.

Lo specchio come una tela bianca dove scorre il mio pigmento, frammenti di me si ricompattano in forme, a volte trasfigurate dal trucco.

Inseguo sagome e desideri, scopro percorsi segreti che portano al magma indistinto o al magico volto di creature che prendono vita.
Il colore come linfa attraversa la superficie,  si addensa in perimetri, dettaglia e incide anime e corpi,  sfuma in lontananze, si perde nel buio e infine s’impenna in un vortice veloce che in fondo è ancora un riflesso di me.

Esisto in questa porzione che ho di fronte, in questa “isola” vado e vengo, scivolo con smalti e mi rapprendo, mi fermo e avanzo in colature.

Sono verde, viola, nero, sono rosso scarlatto, sono ancora più vero di un cielo.

Perché specchio non mente.

 

                                                       Pier Maurizio Greco

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl