"Io vedo, Io sento, Io sono (l'energia universale dell'Anima)", personale dell'artista di Gaeta Antonella Magliozzi. Centrum Sete Sóis Sete Luas, Ponte de Sor (Portogallo) - dal 12 marzo al 16 aprile 2016.

"Io vedo, Io sento, Io sono (l'energia universale dell'Anima)", personale dell'artista di Gaeta Antonella Magliozzi.

Persone Maria Rolli, Marco Abbondanza, Cosmo Mitrano, Santo Antao Island, Mohamed Fadhel Mahfoudh, Antonella Magliozzidal, Antonella Magliozzi
Luoghi Gaeta Città d'Arte, Italia, Toscana, Portogallo, Grecia, Francia, Spagna, Romania, Israele, Brasile, Croazia, Marocco, Isole di Capo Verde, Tunisia, Alentejo, Linguadoca-Rossiglione, Gaeta, Pontedera, provincia di Pisa, Concelho da Ribeira Grande
Organizzazioni Associazione Sete Sóis Sete Luas CURATORI, Sete Sóis Sete Luas
Argomenti arte, pittura, diritto

Allegati

29/feb/2016 07.30.58 ivan Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.




 

 

Io vedo, Io sento, Io sono

(l’Energia Universale dell’Anima)

 

Personale di pittura dell'artista Antonella Magliozzi
dal 12 marzo al 16 aprile, 2016

Centro Sete Sóis Sete Luas Ponte de Sor (Portogallo)



Il Centro Sete Sóis Sete Luas di Ponte de Sor ospiterà

Io vedo, Io sento, Io sono (l’Energia Universale dell’Anima),

prima mostra in Portogallo dell’artista di Gaeta Antonella Magliozzi

L'inaugurazione della mostra è prevista per sabato 12 marzo alle ore 17 e sarà preceduta da un'importante conferenza tenuta dal Premio Nobel 2015 per la PaceMohamed Fadhel Mahfoudh, presidente dell'Ordine degli Avvocati della Tunisia. 

Antonella Magliozzi, originaria di Gaeta Città d’Arte, è un’artista dalle convinzioni tradizionaliste ereditate dal padre, combinate a un grande dono geniale per l’astrazione e per gli eccezionali toni della tavolozza.

Ha sperimentato una personale dimensione pittorica di derivazione astratto-informale che ella ama definire con il termine "Graffialismo". Le composizioni di Antonella Magliozzi si riempiono di una natura virtuale rigogliosa che affonda la sua presa su tutta la tela, con graffi di colori e terre naturali che tracciano novelle, autentiche e originali cromie luminose dale quali traspare tutto il pathos dell’artista: nelle sue opere riesce a produrre emozioni e stati d'animo che trapelano dai segni e dai colori stesi sulla tela, suggeriti dalla relazione tra l’uomo, la Natura e l’Anima.

La mostra si inserisce nella programmazione di eventi artistici e socio-culturali dell’associazione Sete Sóis Sete Luas che agisce come una "rete culturale" mondiale, fondata nel 1993 in Italia.

Scopo principale del Festival Sete Sóis Sete Luas, grazie ai quattro Centri S.S.S.L. (in Italia a Pontedera - Toscana; in Portogallo a Ponte de Sor - Alentejo; in Francia a Frontignan - Linguadoca - Roussillon; nell’arcipelago di Capo Verde a Ribeira Grande, Santo Antao Island) è quello di consentire a molti artisti di esporre le loro creazioni al di fuori del loro Paese di origine, promuovendo uno spirito di internazionalizzazione e cooperazione culturale.

La Magliozzi è onorata di rappresentare e portare nuovamente all’estero il nome della sua amatissima e nobile città e ringrazia sentitamente il Primo Cittadino dr. Cosmo Mitrano per averla supportata con viva partecipazione, dimostrando una sensibilità istituzionale che caratterizza il rapporto della sua amministrazione con il mondo della cultura.

Si ricorda che, grazie alla lungimirante sensibilità del Sindaco di Gaeta, nell'anno 2013 è stato siglato il protocollo di adesione del Comune laziale alla Rete culturale del Festival Sete Sóis Sete Luas alla quale aderiscono numerose Istituzioni di diverse nazionalità, tra cui, Italia, Portogallo, Francia, Brasile, Capo Verde, Croazia, Grecia, Israele, Marocco, Romania e Spagna.

La presenza e l'intervento del Premio Nobel per la pace 2015 e la realizzazione di un laboratorio creativo con gli studenti di Ponte de Sor rappresentano ulteriore ed emozionante motivo di entusiasmo per l’artista Antonella Magliozzi, onorata di poter condividere appieno le proprie esperienze in un progetto dagli altissimi valori culturali e sociali.

La mostra, a ingresso gratuito, sarà aperta al pubblico fino al 16 aprile 2016.


Informazioni generali:
SPAZIO ESPOSITIVO:
Centrum Sete Sóis Sete Luas, Avenida da Liberdade, 64-F (7400-218) Ponte de Sor (Portogallo). Info: tel (+351) 96.6193540, oppure, Centrum Sete Sóis Sete Luas, Pontedera (PI) via Rinaldo Piaggio, 82 (56025), tel. (+39) 0587.731532; web www.festival7sois.eu/it/; mail info@7sois.org

TITOLO DELLA MOSTRA: Io vedo, Io sento, Io sono (l’energia universale dell’Anima)
DATA DI VERNISSAGE: sabato 12 marzo 2016
DATA DI CHIUSURA: sabato 16 aprile 2016
ORARI DI APERTURA: lunedì e sabato, dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18; da martedì a venerdì, dalle 9 alle 18; chiuso domenica e festivi
BIGLIETTO: ingresso libero
ORARIO DEL VERNISSAGE: ore 17, sabato 12 marzo 2016
ABSTRACT:La prima mostra in terra portoghese dell’artista Antonella Magliozzi, originaria di Gaeta (Città d’arte). In occasione del vernissage, il premio Nobel per la pace 2015, Mohamed Fadhel Mahfoudh, presidente dell'Ordine degli Avvocati della Tunisia, terrà una conferenza.
La personale di pittura della Magliozzi si inserisce nella programmazione di eventi artistici e socio-culturali dell’associazione Sete Sóis Sete Luas che agisce come una "rete culturale" mondiale, fondata nel 1993 in Italia.
CATALOGO: “Antonella Magliozzi - I see, I hear, I am… The universal energy of the Soul” edito e a cura dell’Associazione Sete Sóis Sete Luas

CURATORI: Marco Abbondanza, Maria Rolli
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl