Comunicato mostra Antonio Berti 1/3

01/mar/2016 13.16.16 La Soffitta Spazio delle Arti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Con la presente inviamo il comunicato sulla mostra dedicata all'artista Antonio Berti in programma a Sesto Fiorentino (FI) dal 28 febbraio al 31 maggio 2016.


Comunicato stampa


In mostra a Sesto Fiorentino le opere di Antonio Berti,

lo scultore dei grandi del Novecento


E' stata inaugurata domenica 28 febbraio a Sesto Fiorentino (Firenze) la mostra “Antonio Berti (1904-1990)” dedicata al più apprezzato artista vissuto nella cittadina toscana.

L'iniziativa è organizzata dal Comune di Sesto Fiorentino e da “La Soffitta Spazio delle Arti”, con la collaborazione della “Fondazione per la scultura Antonio Berti”, e rientra nell'edizione 2016 di “Alto Basso”, un progetto che veicola rassegne d'arte in due spazi espositivi: il “Centro Antonio Berti” di via Bernini e “La Soffitta Spazio delle Arti” al Circolo Arci-Unione Operaia di Colonnata. Nel primo ambiente �“ a pochi metri dallo studio dell'artista che è in fase di restauro �“ sono esposte le sculture più belle della produzione di Berti dagli anni Trenta agli anni Ottanta, mentre a “La Soffitta” si può fare un viaggio fra le creazioni più intimistiche dell'autore (schizzi, disegni, bozzetti, dipinti) arricchiti da documenti fotografici e corrispondenze con illustri personaggi del secolo scorso; il tutto grazie a un'approfondita ricerca in collaborazione con la famiglia Berti.

Nativo di San Piero a Sieve, nel Mugello, Berti si è trasferito a Sesto Fiorentino nel 1933. Formatosi all'Istituto d'Arte di Firenze sotto la guida dello scultore Libero Andreotti, ha iniziato come pittore, ma ha trovato la sua vera strada passando alle sculture. E nel suo studio sono passati davvero tanti grandi del Novecento. Così, negli anni,ha scolpito i busti di Vittorio Emanuele III, Maria Josè di Savoia, Pio X, Pio XII, il cardinale Elia Dalla Costa, Antonio Segni, Ugo Foscolo, Pablo Picasso, Francois Mitterand, tante figure di donna tra cui la marchesa Maria Cristina Ginori e anche quello del generale americano Mark Wayne Clark, oggi esposto all'Accademia di West Point.

Molte anche le medaglie commemorative dedicate a Benedetto Croce, Winston Churchill, Alcide De Gasperi, Dwight Eisenhower, Konrad Adenauer, Maria Callas, Giovanni XXIII, Giovanni Paolo II e una speciale per il settantesimo compleanno dell'amico Giacomo Manzù.

Tanti, per Berti, gli incarichi di prestigio mirati a collocare opere in luoghi pubblici. Ricordiamo la grande statua per Alcide De Gasperi a Trento �“ commissionata da Amintore Fanfani su suggerimento di Giorgio La Pira, grande amico di Berti �“, il busto di Tazio Nuvolari a Mantova, la fontana del San Matteo a Salerno, un Paolo VI per il Seminario Maggiore di Napoli, la statua della Filosofia e i 4 rilievi di quella della Scienza per il vestibolo dell'Università di Cagliari, l'altare, il crocifisso e i candelabri della Cattedrale di Reggio Calabria e l'originalissimo monumento ai caduti a Pratovecchio (Arezzo).

L'artista ha esposto a ben sei edizioni della Biennale di Venezia (fra il 1930 e il 1942) e due volte alla quadriennale d'Arte a Roma (1939 e 1965). E' stato anche modello per molti giovani avendo insegnato scultura all'Accademia delle Belle Arti di Firenze dal 1959 al 1974.

La mostra �“ frutto dell'intenso lavoro svolto dall'organizzatore dell'evento, Francesco Mariani, dal curatore di mostra e catalogo, Domenico Viggiano, dalla “Fondazione per la scultura Antonio Berti” e dai critici d'arte Giulia Ballerini e Susanna Ragionieri �“ resterà aperta fino al 31 maggio con orari 16-19 dal martedì al sabato e 10-12 e 16-19 la domenica; lunedì chiuso.




LA SOFFITTA SPAZIO PER LE ARTI �“ Casa del Popolo di Colonnata

Piazza Rapisardi, 6 �“ 50019 Sesto Fiorentino (FI) �“ Tel. (+39) 055 442203

ufficiostampa@lasoffittaspaziodellearti.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl