CERCO Casa degli Specchi con Vita Interiore

Giovedì 17 marzo 2016, alle ore 18:30, negli uffici della MQ Immobiliare di via Francesco Lojacono 10, a Palermo, sarà inaugurata la personale di pittura di Roberto Fontana dal titolo "CERCO Casa degli Specchi con Vita Interiore", a cura di Marga Rina (Margherita Musso), blogger di Panormitania.

Persone Roberto Fontana, Rina
Luoghi Palermo
Argomenti arte, medicina, psicologia, pittura

08/mar/2016 17.43.38 roberfon Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

 

Giovedì 17 marzo 2016, alle ore 18:30, negli uffici della MQ Immobiliare di via Francesco Lojacono 10, a Palermo, sarà inaugurata la personale di pittura di Roberto Fontana dal titolo “CERCO Casa degli Specchi con Vita Interiore”, a cura di Marga Rina (Margherita Musso), blogger di Panormitania.

 

 

 

La mostra riunisce un’accurata selezione di autoritratti dell’artista palermitano, realizzati tra il 2006 e il 2016. In essi, infatti, Roberto Fontana si ritrae spesso di fronte ad uno specchio mentre la sua immagine duplica o triplica se stessa, frammentandosi.

 

Lo specchio diviene, quindi, una sorta di alter ego deformato con il quale dialogare e riflettere alla ricerca di una vita (e di una vista) interiore di conforto, proprio come evoca il titolo dell’esposizione, simpaticamente strutturato come un annuncio immobiliare. La duplicazione di se, enfatizzata dalle sue più recenti e peculiari tele doppie, genera la frantumazione di uno specchio identitario da ricomporre come pezzi acuminati e sofferti di un puzzle.

 

 

 

Viviamo una quotidianità selfie-sminuente, di asocialità social e di estemporanei momenti di celebrità vacua, di non sense immaginifici e di nonlieux innocui. Viviamo il trionfo dell’apparire ad ogni costo che ci rende manichini di cera per il puro godimento altrui, che ci squaglia alla prima giornata di sole. E Roberto Fontana somatizza lo spaesamento e la spersonalizzazione dello spirito contemporaneo da proiettarli vigorosamente sulle sue tele di grande formato, dalle quali affiorano volti emaciati, smorfie addolorate e corpi in agonia. E come per i virtuosismi ottici con gli specchi convessi di Escher, nell’artista palermitano a prevalere sono la deformazione dei corpi e dei volti, spesso piegati in contorsioni urlate, l’apertura oltre la tela che pervade il visitatore e lo stravolge con sensazioni forti, il ribaltamento della destra con la sinistra, che è anche un’estraniazione dalla propria immagine che coesiste con un paradossale autoriconoscimento.

 

L’unico bagliore di speranza è rappresentato dal suo riflesso speculare, mediante il quale nutre i suoi equilibri interiori, in cui proietta le sue aspirazioni e con cui confronta i suoi turbamenti. Lo specchio è lo strumento col quale ama di più dialogare in cerca risposte, di conferme e di fuga. “Dipingere, per me, è nutrimento, è ritrovare l’equilibrio” ha confessato Fontana e proiettarsi nei suoi autoritratti è una confessione intima ed interiorizzata in cerca di una sua personalissima vista pacificata.

 

Come ha in proposito scritto Lacan, lo specchio è un “campo immaginario”, un luogo diverso dal nostro “subconscio”, dove ognuno di noi colloca le aspirazioni accantonate per “mediare” con il prossimo. E Roberto Fontana, un anti Narciso del Terzo Millennio, non cerca, specchiandosi, l’amplesso con il suo adorato doppio, ma anela di bypassare il suo volto, di trapassare il suo sguardo e trovare la sua pace in un’epoca storica di sovvertimento di valori e di terremoti virtuali.

 

 

 

La mostra sarà visitabile fino al 25 marzo 2016, tutti i giorni (domenica esclusa) dalle 16:30 alle 19:30 ad ingresso gratuito.

 

Per info: panormitania@gmail.com; www.panormitania.altervista.org

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl