ALBERTO RIZZI

ALBERTO RIZZI Il cortometraggio di ALBERTO RIZZI dal titolo: "nel buio e nel silenzio", è un piccolo capolavoro, seppur creato in maniera "artigianale" rende molto bene l'idea, di uno spazio claustrofobico, in cui l'intrerprete principale si va a trovare, le sue fobie che affiorano, i suoi pensieri più reconditi e spaventosi e le sue nevrosi.

22/mag/2007 17.20.00 Maurizio Ganzaroli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Il cortometraggio di ALBERTO RIZZI dal titolo: "nel buio e nel silenzio", è un piccolo capolavoro, seppur creato in maniera "artigianale" rende molto bene l'idea, di uno spazio claustrofobico, in cui l'intrerprete principale si va a trovare, le sue fobie che affiorano, i suoi pensieri più reconditi e spaventosi e le sue nevrosi.
Ci si cala nel personaggio molto bene, rimanendone come rapiti, ed in qualche occasione, ci si sente mancare il fiato, quasi fossimo anche noi sul luogo.
Se è vero che non occorrono i soldi di Broadway o di cinecittà, per produrre dei lavori veramente buoni, ALBERTO RIZZI ne è la prova, dimostrando ancora una volta, che la genialità e la bravura, non sono sono sempre legati al budget.
M.G.


------------------------------------------------------
Passa a Infostrada. ADSL e Telefono senza limiti e senza canone Telecom
http://click.libero.it/infostrada


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl