Un nuovo murales per DeltArte firmato Igor Molin

04/lug/2016 18:35:57 MR Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

Dal 4 luglio l’artista veneziano Igor Molin fa tappa a Corbola dove soggiornerà fino al 9 luglio per realizzare un coloratissimo murales presso il campo polivalente comunale. Ospitato all’interno del ricco programma di DeltArte, il festival itinerante di arte contemporanea ideato e curato da Melania Ruggini e promosso dall'Associazione Voci per la Libertà, che da quattro anni riempie di creatività il territorio del Delta del Po, l’artista realizzerà la sua opera di street art in collaborazione con Sport Village 2016, grazie a un laboratorio didattico che coinvolgerà una settantina di ragazzi di tutte le età, che si terrà mercoledì 6 luglio dalle ore 8.30 alle ore 18.

L’inaugurazione è fissata per sabato 9 luglio alle ore 11 presso il campo polivalente del Comune di Corbola. 

 

Nelle sue opere Igor Molin si concentra sull’uomo-massa inserendolo nel suo habitat base: luoghi confusionari, rumorosi, straripanti di elementi, collage di comunicazioni che non approdano a nulla, tonalità sgargianti, patinature forzate. I suoi soggetti sono rappresentati nel momento in cui si espongono pubblicamente, quando entrano in relazione con i loro simili – con il resto della massa – e annullano completamente la propria coscienza di individui. Il protagonista preferenziale del suo lavoro è la dimensione giovanile, sulla quale Igor Molin precisa: “nelle mie rappresentazioni racconto momenti, istanti di vita, storie, sempre con dei motivi raffiguranti la gioventù”. 

Tra Figurazione narrativa e Nuovo Realismo, l’artista veneziano lavora con le “mitologie quotidiane”, scattando dapprima diverse fotografie per strada o “rubandole” ai suoi allievi e si serve della “pelle dei muri della città” (cartelloni, giornali, riviste, volantini pubblicitari…) per realizzare i suoi puzzle pittorici. Il colore e le forme di queste opere rispecchiano, con sottile critica e sofisticata ironia, proprio quel sistema globale che, dai centri urbani più importanti, dilaga fino alle periferie più nascoste, e del quale ormai ciascuno di noi fa parte. Il “pensiero dipinto” da Igor Molin in questi ultimi anni, con sapienza tecnica e straordinario cromatismo, è molto chiaro: cercare nell’apparenza banale della smorfia di un passante, di un turista per caso, o di un flusso di persone intente a mangiare un gelato, a parlare al cellulare, o a consultare la mappa di una città, teatro del turismo di massa, l’esperienza del bello vissuta attraverso gli emblemi e le contraddizioni dei valori dell’attualità. “In realtà i soggetti sono sempre un pretesto per denunciare in modo sottile l’omologazione giovanile nei momenti di massima esposizione pubblica”. Lo strappo, la casualità, il colore spruzzato e applicato irregolarmente ha la pretesa di ribadire il concetto. Quasi che la superficie pittorica diventi un qualcosa di fragile, deteriorato; e che il colore in questo abbia valore superficiale., come gran parte del mondo giovanile contemporaneo. Apparentemente spensierata e gaia, questa nuova generazione di individui porta con sé le lacerazioni e la superficialità dell’omologazione, esternandola con colori accesi e atteggiamenti noncuranti del proprio esistere. “E’ ovvio il richiamo ai cartelloni pubblicitari, che al contrario di Mimmo Rotella mi servono per contestualizzare questa mia poetica della superficialità, specchio della contemporaneità. Giovani al muro che si lasciano scoprire e deteriorare, come un muro ben affrescato, ma malato dove in alcuni punti emerge, tra i colori brillanti, una semplice sinopia”. 

Dietro la folla, bisogna ritrovare l’individuo. Dietro l’aspetto sociologico del suo approccio (studiare i giovani, le folle, le situazioni sociali), Igor Molin resta prima di tutto un pittore. I suoi quadri panoramici, a volte distribuiti in dittico o polittico, comportano uno scorrimento dello sguardo per catturare ogni dettaglio, invitando a una sorta di narrazione cinematografica. Tratti dalla commedia urbana, i suoi personaggi sembrano muoversi in storie che loro stessi si raccontano o che ci si racconta. Ed è questo andirivieni tra coreografie urbane e pellegrinaggi pittorici nei movimenti artistici a essere il sale della sua pittura narrativa.

 

BREVE BIOGRAFIA

Nasce a Venezia il 02-03-1981. Consegue il Diploma di Maturità artistica presso il Liceo Artistico Statale di Venezia, il diploma all’Accademia di Belle Arti di Venezia e la Laurea specialistica in Arti visive e discipline per lo spettacolo con indirizzo pittura all’Accademia di Belle Arti di Venezia.

Da sempre la sua ricerca poetica è strettamente legata alla pittura e alla figurazione, nell’obiettivo di narrare la propria contemporaneità con un linguaggio contemporaneo e personale. Luce e colore contraddistinguono i suoi lavori che risentono della forte influenza delle sue origini veneziane.

La pittura di Molin è una sorta di diario personale su cui annota continuamente il vissuto quotidiano, soprattutto quello legato all’omologazione giovanile e alle nuove tendenze sociali.

Ha esposto in Italia e all’estero, conseguendo importanti premi e riconoscimenti. Attualmente collabora con diverse galleria in Italia, Francia e Slovenia.

Vive e lavora tra Riva del Garda (Tn) e Burano (Ve).

 

 

Main Sponsor: Amministrazione comunale di Corbola

 

Inaugurazione: sabato 9 luglio, ore 11.00

 

Sede: campo polivalente del Comune di Corbola

 

Web: www.deltarte.com - segreteria@deltarte.com 

Mobile: 349 2595271 

Segreteria organizzativa 

 

 

Associazione Voci per la Libertà

Via Paganini 16 – Villadose (RO)

Web: www.vociperlaliberta.it – info@vociperlaliberta.it


 

 

Tutti gli ingressi alle inaugurazioni del festival sono gratuiti

 

Con il contributo di: Comune di Corbola, Comune di Loreo, Comune di Rosolina, Comune di Taglio di Po, Fondazione Ca’ Vendramin di Taglio di Po 

 

Con il patrocinio di Regione Veneto, Ente Parco Regionale Veneto del Delta del Po, Comune di Adria, Comune di Corbola, Comune di Loreo, Comune di Rosolina, Comune di Taglio di Po, Amministrazione Provinciale di Rovigo, Legambiente, Fotoclub 85, Amnesty International, Fondazione Ca’ Vendramin, FAI, Gruppo Astrofili Polesani, Artribune, REM, Deltablues, I Druidi 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl