Mostra di Vincenzo Pennacchi- Angeli Demoni e altre storie

339 2314606 Orario: dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 19.00 La Galleria Tondinelli presenta dal 12 giugno al 6 luglio 2007 la mostra personale di Vincenzo Pennacchi Angeli, Demoni e altre storie, a cura di Costanzo Costantini e Floriana Tondinelli.

08/giu/2007 04.10.00 Galleria Tondinelli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

VINCENZO PENNACCHI

 

Angeli, Demoni e altre storie

 

 

a cura di

Costanzo Costantini e Floriana Tondinelli

 

 

 

Inaugurazione: martedì 12 giugno 2007 ore 18.30

Sede: Galleria Tondinelli- Complesso Monumentale di San Carlino

alle Quattro Fontane - Indirizzo: Via Quattro Fontane, 128/a - 00184 Roma

Tel/fax: 06/4744300 www.galleriatondinelli.it  E-mail: info@galleriatondinelli.it

Durata: 12 giugno- 6 luglio 2007

Organizzazione e ufficio stampa: Galleria Tondinelli Tel/fax 064744300- Cell. 339 2314606

Orario: dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 19.00

 

 

La Galleria Tondinelli presenta dal 12 giugno al 6 luglio 2007 la mostra personale di Vincenzo Pennacchi Angeli, Demoni e altre storie, a cura di Costanzo Costantini e Floriana Tondinelli. L’esposizione ha il pregio di illustrare, l’ultimo percorso artistico di Vincenzo Pennacchi attraverso una selezione di venti opere. Tematiche distinte per accenti, per svolgimenti, ma sempre dominate dal tema della figurazione antropomorfa.

« [….] ha popolato le superfici di lamiere zincate, di una folla di figure bizzarre, desunte dalla zoologia, dalla mitologia o dalla storia dell’arte - draghi, fauni, arieti, elefanti, leoni, lupi, cavalli, cavalieri, pesci, demoni, donne-angeli, uomini-angeli, etc…, che si stagliano entro masse cromatiche in movimento, in cui i colori irrompono, esplodono, deflagrano, si addensano, si diradano, scendono, salgono, debordano come in preda ad un sisma endogeno, producendo, per effetto degli acidi e dei pigmenti su alluminio, reazioni chimiche dagli effetti visivi imprevedibili e inimmaginabili.  

Con queste opere Vincenzo Pennacchi si è rivelato un pittore-scultore nuovo e originale, una maestro della metamorfosi e della contaminazione delle materie, un alchimista moderno»

(Costanzo Costantini).

 

 

Vincenzo Pennacchi, che nel 2005 è stato invitato a partecipare al Premio Celeste, nel 2006 ha realizzato una monumentale installazione a Villa Fogliano- Parco del Circeo in occasione della mostra Naturalia/Artificialia.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl