Novara di Sicilia «4° Simposium di scultura 'La pietra nell'arte'»

Novara di Sicilia «4° Simposium di scultura "La pietra nell'arte"» «4° Simposium di scultura "La pietra nell'arte"» Piazza Sedili - Novara di Sicilia(ME) dal 30 Luglio al 5 Agosto Le sculture realizzate da artisti di indubbia fama, tra i quali Antonio Carotenuto da Napoli, Vito Guardo da Catania, Leonardo Cumbo da Caltanissetta, Ligna da Bruxelles e altri, donate alla cittadinanza dall'associazione di volontariato "l'Impegno Soccorso Civile Novarese", faranno parte di un circuito museale all'aperto.

29/lug/2007 20.49.00 Revestito Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

«4° Simposium di scultura 'La pietra nell'arte'»
Piazza Sedili - Novara di Sicilia(ME)
dal 30 Luglio al 5 Agosto

Le sculture realizzate da artisti di indubbia fama, tra i quali Antonio Carotenuto da Napoli, Vito Guardo da Catania, Leonardo Cumbo da Caltanissetta, Ligna da Bruxelles e altri, donate alla cittadinanza dall'associazione di volontariato "l'Impegno Soccorso Civile Novarese", faranno parte di un circuito museale all'aperto.
Info Tel. 339 7699009

NOVARA

Forse che busso invano alla tua porta,
sicula Novara, per aprire il cuore
all'ombra scura delle tue querci,
ovvero salgo il Pizzo Salvatesta
per indorare i miei capelli bianchi
ai forti miti dell'età tua prima?
Risponde l'eco delle tue campane
che soffia il vento verso la marina,
ov'io seggo pensoso, innamorato,
con la bocca dolce del tuo rosolio
nell'antico caffè della piazzetta
che cova l'ombra della mia memoria.
Ancor oggi, verrò (ma non più quello)
pellegrino dolente, a spargere
rugiada viva sulle speranze
che rinverdiscono ad ogni primavera.
Amico volto mi farà da specchio
per contare le rughe dell'attesa
che il tempo scava nella dura roccia.
Sfavilla il sole al bronzo dell'Artista,
fiammeggia il sole al marmo del tuo Eroe,
sempre fedele alla grande festa
che chiama i figli dai lontani lidi.
Ti prego, non ridere svogliata
come disciolta nebbia nella valle;
non essere crudele, anche se il cuore
t'hanno aggredito i nuovi saraceni.
Io non t'amo per dote, ma perchè bella
si erge la Rocca, aperta ai mondi
infiniti delle stelle ed è granito
il tuo volere tra le alpestri rupi.
Or che l'afoso mondo del petrolio
violenta il cielo della mia Sicilia,
Tu dici: - "vieni, amante della pace,
tra le mie braccia ossigenate e pure ".

[Nello Cassata]

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

www.ReVestito.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl