A Sesto Fiorentino c'è il convegno "Dentro l'opera di don Milani"

18/feb/2017 23:36:17 La Soffitta Spazio delle Arti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Giovedì 23 febbraio alle ore 17

alla biblioteca comunale di Sesto Fiorentino


"Dentro l'opera di don Milani":

Bontempi, Ballini, Gesualdi e Lancisi

spiegano il messaggio del maestro-profeta


Prosegue con grande successo di pubblico a Sesto Fiorentino la mostra “Don Milani, un prete maestro” apertasi a La Soffitta Spazio delle Arti presso il Circolo Arci-Unione Operaia di Colonnata lo scorso 5 febbraio. Nella terza settimana di apertura sono in calendario due importanti eventi ad essa collegati.

Giovedì 23 febbraio alle ore 17 nella sala Vincenzo Meucci della biblioteca comunale Ernesto Ragionieri di Doccia è in programma un interessantissimo convegno dal titolo “Dentro l'opera di don Milani” nel corso del quale alcuni testimoni e ricercatori della figura del noto sacerdote analizzeranno la sua vita e attualizzeranno gli insegnamenti trasmessi ai suoi ragazzi negli anni trascorsi a San Donato di Calenzano e a Barbiana o lasciati nei suoi scritti.

L'apertura del convegno è affidata a Marco Bontempi, docente di sociologia all'Università di Firenze e presidente dell’Istituzione culturale e Centro di documentazione Don Lorenzo Milani e Scuola di Barbiana di Vicchio, che risponderà alla domanda “Perché ci dovrebbe interessare l'esperienza di Barbiana oggi?”.

“Con il mio intervento �“ spiega il professore �“ vorrei stimolare una riflessione su come siano applicabili ai grandi temi dell'attualità gli insegnamenti di don Milani. Il tutto toccando tre aspetti: primo, il metodo; secondo, i valori; terzo, la dignità di ogni persona. Nei suoi scritti, soprattutto in 'Lettera ai giudici' e 'Lettera a una professoressa' descrive il senso della giustizia verso gli altri e, pensando ad esempio al grande tema degli immigrati, credo ci chiederebbe di capire come oggi possiamo farci carico di questo”.

A seguire Maresco Ballini, presidente del Gruppo Don Lorenzo Milani di San Donato di Calenzano, racconterà “I sette anni di don Milani a Calenzano e l'esperienza unica della Scuola popolare”. 

  “Che quello di San Donato sia stato un periodo chiave della sua vita di sacerdote e maestro �“ sottolinea Ballini �“ lo sottolinea un passaggio che troviamo in 'Esperienze pastorali' dove don Lorenzo parla al giudice Meucci dicendo: 'Cos'è per me la Scuola popolare? E' la pupilla destra del mio occhio destro; perciò la Scuola mi è sacra come un ottavo sacramento'. E spiegare ai giovani di oggi cos'era quella scuola credo sia utile e formativo”.

Nell'occasione il Gruppo Don Lorenzo Milani di San Donato di Calenzano illustrerà anche le proprie attività e gli ultimi scritti curati tra cui il volume "Un libro inopportuno - Riflessioni e testimonianze della vita del nostro maestro don Lorenzo Milani”.

Il terzo intervento è affidato a Sandra Gesualdi della Fondazione Don Lorenzo Milani. Prendendo spunto dal volume “Don Lorenzo Milani. L'esilio di Barbiana” di Michele Gesualdi edito dalla San Paolo nel novembre scorso, porterà in primo piano “la figura di un sacerdote che è stato maestro, fratello e padre per i suoi ragazzi. Oltre a evidenziare la biografia di don Lorenzo e i suoi rapporti con la Curia fiorentina che lo portarono a Barbiana �“ chiosa Gesualdi �“ vedremo che era un prete della Chiesa di Pietro che però parlava chiaro e credeva che per riequilibrare una società profondamente ingiusta andavano formati dei cittadini sovrani con una coscienza critica densa dei valori cristiani”.

Il quarto intervento è affidato a Mario Lancisi, giornalista e scrittore, autore di “Processo all’obbedienza. La vera storia di don Milani”, edito da Laterza. Racconterà il processo che il priore di Barbiana subì per la sua lettera ai cappellani militari in difesa degli obiettori di coscienza e del no alla guerra. La chiave del racconto ruota intorno alla dicotomia obbedienza-disobbedienza. “Don Milani fu obbedientissimo al Vangelo e alla Chiesa e ciò gli permise di essere disobbediente e ribelle. Ruppe con la sua famiglia, fu critico della Chiesa e processato dallo Stato”, spiega Lancisi.

Il convegno, aperto a tutti, è rivolto prevalentemente ai giovani studenti e già varie classi del liceo scientifico Agnoletti di Sesto Fiorentino hanno annunciato la loro presenza.

Il secondo appuntamento della settimana è fissato per venerdì 24 febbraio alle ore 21 al Teatro del Circolo Arci-Unione Operaia di Colonnata quando andrà in scena lo spettacolo di teatro narrato “Un viaggio lungo un mondo” scritto da Claudia Cappellini con la regia e l'interpretazione di Gionni Voltan. Un altro momento speciale per rivivere il clima unico della scuola di don Milani.

La mostra “Don Milani, un prete maestro” resterà aperta sino al 5 marzo con i seguenti orari: feriali 21-23, sabato 10-13, domenica 10,30-12,30 e 16-19, lunedì chiuso. Per le scuole è possibile prenotare visite tutti i giorni della settimana contattando il numero 3356136979.



La Soffitta Spazio delle Arti

 c/o Circolo Arci di Colonnata - Piazza M. Rapisardi, 6 - Sesto Fiorentino (FI)

Ufficio stampa - ufficiostampa@lasoffittaspaziodellearti.it


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl