Nasce in Italia il POP BAROCCO

28/ago/2007 17.49.00 Gianni Nappa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Nasce in Italia il POP BAROPCCO

LaPop Art è una delle più importanti correnti artistiche del dopoguerra.Esordisce in Gran Bretagna alla fine degli anni '50, ma si sviluppasoprattutto negli USA a partire dagli anni '60, estendendo la suainfluenza in tutto il mondo occidentale.

Questa nuova forma d’arte popolare (pop è infatti l’abbreviazionedell'inglese popular, popolare) è in netta contrapposizione conl’eccessivo intellettualismo dell’Espressionismo Astratto e rivolge lapropria attenzione agli oggetti, ai miti e ai linguaggi della societàdei consumi.

L’appellativo "popolare" deve essere inteso però in modo corretto.Non come arte del popolo o per il popolo ma, più puntualmente, comearte di massa, cioè prodotta in serie. E poiché la massa non ha volto,l’arte che la esprime deve essere il più possibile anonima: solo cosìpotrà essere compresa e accettata dal maggior numero possibile diindividui.

In un mondo dominato dal consumo, la Pop art respinge l'espressionedell'interiorità e dell'istintività e guarda, invece, al mondo esterno,al complesso di stimoli visivi che circondano l'uomo contemporaneo: ilcosiddetto "folclore urbano". È infatti un'arte aperta alle forme piùpopolari di comunicazione: i fumetti, la pubblicità, i quadririprodotti in serie. Il fatto di voler mettere sulla tela o in sculturaoggetti quotidiani elevandoli a manifestazione artistica si puòidealmente collegare al movimento svizzero Dada, ma completamentespogliato da quella carica anarchica e provocatoria.

La critica alla società dei consumi, degli hamburger, delle auto,dei fumetti si trasforma presto in merce, in oggetto che si pone sulmercato (dell'arte) completamente calato nella logica mercantile. Ciònonostante gli artisti che hanno fatto parte di questo movimento hannoavuto un ruolo rivoluzionario introducendo nella loro produzione l'usodi strumenti e mezzi non tradizionali della pittura, come il collage,la fotografia, il cinema, il video.

La sfrontata mercificazione dell’uomo moderno, l’ossessivomartellamento pubblicitario, il consumismo eletto a sistema di vita, ilfumetto quale unico, residuo veicolo di comunicazione scritta, sono ifenomeni dai quali gli artisti pop attingono le loro motivazioni. Inaltre parole, la Pop Art attinge i propri soggetti dall’universo delquotidiano - in specie della società americana - e fonda la propriacomprensibilità sul fatto che quei soggetti sono per tuttiassolutamente noti e riconoscibili.

Con sfumature diverse, gli artisti riprendono le immagini dei mezzidi comunicazione di massa, del mondo del cinema e dell'intrattenimento,della pubblicità. La Pop Art infatti usa il medesimo linguaggio dellapubblicità e risulta dunque perfettamente omogenea alla società deiconsumi che l’ha prodotta. L’artista, di conseguenza, non trova piùspazio per alcuna esperienza soggettiva e ciò lo configura quale puromanipolatore di immagini, oggetti e simboli già fabbricati a scopoindustriale, pubblicitario o economico. Questi oggetti, riprodottiattraverso la scultura e la pittura, sono completamentespersonalizzati.

Nelle mani di un artista pop le immagini della strada sitrasformano nelle immagini "ben fatte" dell'arte colta. I temiraffigurati sono estremamente vari: prodotti di largo consumo, oggettidi uso comune, personaggi del cinema e della televisione, immagini deicartelloni pubblicitari, insegne, foto di giornali.

_____________________________________


Gianni Nappa

Fatta questa premessa, si evince come nella pop art il riferimentoai miti contemporanei sia una delle costanti per gli artistianglosassoni, mentre per gli italiani con la stagione romana si affermaun istintivo senso della sperimentazione per loghi in Schifano, unaricerca per immagini cinematografiche per Rotella e un rimando storicosacrale per Tano Festa.

Gli epigoni ultimi come Nespolo, rielaborano il cromatismomediterraneo, aprendo la strada ad altri artisti come Donzelli chegiocano sull'humor e sui miti pittorici del secolo XX.

Beatrice Feo artista palermitana, capovolge il senso del mito eprende spunto da personaggi e miti della storia mondiale per farneoggetti comuni che siano di massa, non per la riproducibilità ma perl'impatto con una società disabituata alla sua radice, cultura e storiaprofonda.

Ecco che i re, le regine, i poeti, le eroine, le figure leggendarieappaiono come soluzione alle carenze di comprensibilità del sistemaarte contemporaneo e pongono la doppia questione della riproducibilitàin forma unica e non industriale per una committenza poco popolare maattenta e colta che sani il bisogno di una comprensione per tuttiattraverso le immagini e riesca anche a far conciliare le nuovesperimentazioni artistiche pittoriche con la richiesta del mercatointernazionale che paiono orientate solo alle grandi installazioniistituzionali e museali.

La riaffermazione attraverso il POPBAROCCO della vitalità dell'arteitaliana e mediterranea con peculiarità che la differenziano nelpanorama mondiale per l'istintiva memoria culturale, per la cromiaforte e passionale e per il barocco come senso di appartenenza ad unpopolo che è lumi, scienza, innovazione in un contesto difficile econtraddittorio, il SUD.

Beatrice Feo condensa nel suo lavoro appassionato, i valori e leansie del meridione d'Italia, ma afferma anche la grande sacralepredisposizione a distribuire il sapere come forma di comprensione dimassa attraverso le opere d'arte da sempre veicolo di primo impattoemozionale, come insegna la chiesa.


Il Pop Barocco è anche sfida al sistema esistente di business senza schemi di comprensione di massa e rilancio di una corrente che fondi sulla pittura e sull'estetica come fondamentale interlocuzione con i fruitori.



Gianni Nappa 


Gianni Nappa
gianninappa@hotmail.com
http://www.magazzinimediterranei.com
Tue Aug 28 17:04:12 2007


Con Windows Live Messenger chatti, parli, giochi, crei il tuo blog, controlli la tua posta, scambi file, foto e molto altro con un solo programma GRATUITO. Scarica Messenger 8.1
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl