Comunicato Stampa OUT OF TRUE - Byblos Art Gallery

29/ago/2007 11.10.00 Consolo produzioni&consulenza Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 
 

Comunicato Stampa                                                                                               Press       

                                               

                                  

 

 

  presenta

 

 

 

 Quando le aspettative non coincidono con la realtà

                    

 A cura di Micaela Giovannotti e Joyce Korotkin

 

 

Galleria:                     Byblos Art Gallery - Corso Cavour, 25/27 - 37121 Verona

Tel: +39 045 8030985 - email: info@byblosartgallery.it  www.byblosartgallery.it

Date Mostra:             21 Settembre  2007  - 31 ottobre ‘07

Orari di visita:           dal martedì al sabato 10.00 /13.00 - 14.30 /19.30

 

Inaugurazioni:       

      01.   Venerdì  21 Settembre ’07 dalle ore 19.00 alle 24.00 - “Out of True”                  

              Byblos Art Gallery

 

02.       Sabato  22 Settembre ’07 dalle ore 19.30  - 22.00

              “Clown Clone and the Piano Tattoo” scultura - installazione presentata dall’artista                      

              Beatriz Millar presso Byblos Art Hotel Villa Amistà - via Cedrare, 78 -            

              Corrubbio di Negarine  Verona

 

 

Artisti partecipanti: Sebastiaan Bremer, Dan Kopp, Robert Lazzarini, Joshua Levine, Mary Mattingly, Beatriz Millar

 

 

Byblos Art Gallery è lieta di presentare, in contemporanea con l’apertura della fiera di design veronese Abitare il Tempo, la collettiva Out of True - quando le aspettative non coincidono con la realtà, alla quale partecipano artisti del panorama artistico internazionale. La mostra, curata da Micaela Giovannotti e Joyce Korotkin, che è già stata presentata in dicembre 2006 al Miami Design District, si articola in due eventi distinti: il primo sarà caratterizzato da una mostra collettiva esposta presso Byblos Art Gallery, ed il secondo si concentrerà esclusivamente sulla scultura - installazione che Beatriz Millar ha creato come site specific work per Byblos Art Hotel Villa Amistà. Quest’opera verrà presentata in hotel il giorno seguente l’inaugurazione della mostra in galleria.

 

 

01.  OUT OF TRUE -   21 Settembre - 31 Ottobre 2007

Il termine Out of True, usato in architettura per descrivere elementi formali che non combaciano - viene qui esteso alla sfera dell’arte. Gli artisti criticano attraverso la loro opera la visione presente del mondo e si oppongono a questa realtà distorta di un’umanità senza rispetto per se stessa.

Il progresso scientifico, il desiderio dell’uomo di ottenere il benessere a qualunque costo e la sua cecità di fronte ai limiti imposti dalla realtà hanno alimentato l’operadi questi artisti che si sono espressi attraverso tecniche diverse come la pittura, la fotografia e la scultura.

 

I trofei di caccia di Joshua Levine, trofei del progresso umano, si trasformano in animali mutati geneticamente che potrebbero essere visti come evoluzioni della specie, aberrazioni di laboratorio o il risultato di una reazione compensativa della natura ad un ambiente ormai corrotto. Attraverso le grottesche rappresentazioni a cui dà vita, l’artista vuole mettere in risalto il risultato degli errori commessi dall’uomo nei confronti della natura.

 

Nei quadri dai colori molto vivi di Dan Kopp, l’artista rappresenta un futuro surreale nel quale non c’è più lo spazio per l’umanità che, oltre ad aver distrutto se stessa, ha portato alla distruzione dell’intero mondo animale. Resiste soltanto una parvenza di natura frammista a scheletri di antiche strutture architettoniche a ricordo del tempo che fu.

 

I paesaggi di Mary Mattingly si ispirano alla letteratura fantascientifica per mostrarci un mondo ecologicamente mutato dove non esistono più razze, religioni e abiti che le rappresentino. Queste figure infatti, abbigliate con delle uniformi, distolgono l’attenzione dal singolo per porla sul paesaggio circostante. Isolate dalla civiltà e stagliate contro un paesaggio svuotato della capacità di dare vita rappresentano la solitudine ontologica che inevitabilmente accompagna l’uomo nel suo rapporto con la natura.

 

Le opere di Robert Lazzarini, composte da oggetti deformati e distorti che cambiano da figure bidimensionali a tridimensionali a seconda della posizione dell’osservatore, sottolineano la superficialità della prospettiva umana: l’inganno percettivo che caratterizza la visione dell’uomo lo conduce infatti ad un’inevitabile distorsione della realtà. Le sue opere pertanto diventano il simbolo della relatività di qualsiasi punto di vista.

 

Sebastiaan Bremer si concentra sulla divergenza tra ciò che vediamo e ciò che la realtà è; disegnando linee e punti su delle fotografie mette in evidenza come il mondo dei fenomeni non sia costruito su delimitazioni nette ma riveli soltanto una parte della sua anima interiore e vera. La rielaborazione fotografica compiuta tramite un disegno manuale complesso e laborioso concretizza i pensieri stessi dell’artista. Osservare l’opera è come affondare nell’inconscio: parallelamente all’immagine fotografica si espande un mondo onirico e fantastico che si estende al di là del tempo e dello spazio.

 

Beatriz Millar presenta la sua opera in occasione di questa mostra in due luoghi: i Tattoo Tree in galleria e l’installazione Clown Clone and the Piano Tattoo presso il Byblos Art Hotel Villa Amistà.

Nell’opera fotografica Tattoo Tree vengono elaborate digitalmente delle immagini ed incise con dei tatuaggi arcaici e simbolici. La spinta che ha condotto l’artista a realizzare questi lavori di intensa liricità è stato il desiderio di scoprire il segreto del creato e di penetrare nella profondità del mistero spazio-tempo per poter copiare e clonare l’essenza di vita senza limiti.

 

 

02. CLOWN CLONE AND THE PIANO TATTOO - 22 Settembre ‘07 ore 19:30 - Byblos Art Hotel Villa Amistà

Il giorno dopo l’inaugurazione in galleria verrà presentato nella sala principale del Byblos Art Hotel Villa Amistà la scultura - installazione Clown Clone and the Piano Tattoo, creata da Beatriz Millar.  L’installazione, realizzata attraverso la scultura e l’accompagnamento di un pianoforte, mira a rappresentare un Io fisico clonato - come afferma l’artista -  un alter ego che la rappresenti mentalmente e fisicamente.

L’opera ironizza sulla fuga dalla noia di un’esistenza chiusa su se stessa, spinta dall’eterna  ricerca di una perfezione irraggiungibile che a sua volta diventa foriera di un narcisismo ed di un ego smisurato. Questa disperata lotta per il raggiungimento della  sfera di un sé ideale  e della perfezione può solo condurre alla deformazione ed alla decadenza interiore ed esteriore dell’Io clonato, a meno che non riesca a ritrovare la salvezza nel risveglio verso un mondo di diversità.

Dal corpo sonoro del pianoforte, tatuato da cicatrici tribali ed arcaiche, escono delle melodie malinconiche composte e cantate dalla  musicista svizzera Helena Stocker che ha saputo, attraverso la sua sensibilità musicale, trasformare ed interpretare i testi poetici di Beatriz Millar.

 

 

Il catalogo della mostra ed il CD dell’opera “Clown Clone and the Piano Tattoo”, con testo critico di Gabriella Belli, saranno presenti in galleria.

 

 

 

Byblos Art Gallery - diretta da Masha Facchini con la valida collaborazione di Stefano Corsara, Gaby Achilles e Beatriz Millar - nasce con il proposito di dare spazio a progetti di alto valore culturale che privilegino le forme e le tecniche espressive dell’avanguardia internazionale.

Lo spirito di ricerca innovativo della Byblos Art Gallery contribuisce a creare una straordinaria sinergia tra il marchio di moda Byblos, sinonimo di contemporaneità, ed il Byblos Art Hotel Villa Amistà -  allestito con opere di arte contemporanea e design - che si esplica in un impegno significativo nel campo della cultura e della creatività.

Questo luogo vuole essere centro vivo di incontri e scambio di idee tra artisti, personalità del settore pubblico, dove nasce il desiderio di capire e amare l'arte e attraverso questa sensibilità acquisita avvicinarsi al collezionismo.

 

 

 

Per informazioni contattare:

 

Press  Consolo produzioni & consulenza

Resp.:  Ilaria Rossi

Giovanna Giacalone

tel. +39 02 34938090-  02 34938326 - fax +39 02 34932551

press@consoloproduzioni.it  -  www.consoloproduzioni.it                  

                                                                                                                       

 
------------------------------------------------------------------------------------------
Ai sensi del D.Lgs. 196/2003 si precisa che le informazioni contenute in questo messaggio sono riservate ed a uso esclusivo del destinatario.
Qualora il messaggio in parola Le fosse pervenuto per errore, La invitiamo ad eliminarlo senza copiarlo e a non inoltrarlo a terzi, dandocene gentilmente comunicazione.
Grazie.
 
Pursuant to Legislative Decree No. 196/2003, you are hereby informed that this message contains confidential information intended only for the use of the addressee.
If you are not the addressee, and have received this message by mistake, please delete it and immediately notify us. thank you
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl