Mostra di Felipe Hodgson con il patrocinio dell'Ambasciata di Spagna in Italia e del Governo delle Canarie

04/set/2007 17.07.00 Galleria Tondinelli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

COMUNICATO STAMPA

 

 

Embajada de España en Italia

sotto il Patrocinio dell’Ambasciata di Spagna in Italia e con il Patrocinio del Governo delle Canarie

 

Mostra personale di Felipe Hodgson

“El color”

 

a cura di Costanzo Costantini e Floriana Tondinelli

 

testo di Fernando Castro Borrego

 

Inaugurazione: giovedì 12 settembre 2007 ore 18.30

Sede: Galleria Tondinelli- Complesso Monumentale di San Carlino

alle Quattro Fontane - Indirizzo: Via Quattro Fontane, 128/a - 00184 Roma

Tel/fax: 06/4744300 www.galleriatondinelli.it  E-mail: info@galleriatondinelli.it

Durata: 12-27 settembre 2007

Organizzazione e ufficio stampa: Galleria Tondinelli Tel/fax 064744300-Cell. 339 2314606

Orario: dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 19.00

 

La Galleria Tondinelli presenta dal 12 al 27 settembre 2007 la mostra personale di Felipe Hodgson, artista spagnolo operante a Santa Cruz- Tenerife dal titolo “El Color” a cura di Costanzo Costantini e Floriana Tondinelli con un testo di Fernando Castro Borrego.

« C'è un posto per la pittura di paesaggio nel nuovo sistema delle arti che si delinea nell'era della scomparsa del paesaggio? Questa domanda che può sembrare retorica, è stata una risposta affermativa per Felipe Hodgson. Il naturalismo è divenuto una categoria estetica proscritta nell'arte contemporanea. L'impressionismo fu l'ultimo movimento naturalista che contemporaneamente era edonista. I tentativi di riproporrlo nel XX secolo, come quello che assalì Pierre Bonnard accentuando gli aspetti edonisti, non fecero che la critica cambiasse detto giudizio avverso, soprattutto a partire da che le avanguardie imposero un modello di rappresentazione essenziale.

[….] C'è stata sempre pittura di paesaggio, e non sembra che stia scomparendo. Perfino possiamo rischiare l'ipotesi che prima sparirà l'oggetto, la natura, che la sua rappresentazione, (il paesaggio). È un'ipotesi sinistra, ma cosa possiamo farci, sappiamo già che la nostalgia produce queste situazioni paradossali. [….] Felipe Hodgson è architetto oltre ad essere un pittore. [….]  Quando dipinge sembra che voglia riprodurre l'esistenza di un paradiso che la cultura urbana nega tenacemente all'uomo. Si tratta del diritto a vedere il paradiso ed a vivere immaginariamente in lui. Questo è il senso della sua opera. Chi può decretare che l'edonismo implicito in questa proposta sia qualcosa di brutto senza incorrere contemporaneamente in una forma di puritanesimo difficilmente difendibile. È migliore continuare a mortificarsi con produzioni artistiche che hanno sradicato il piacere del campo dell'esperienza estetica? Esperienze concettuali che non arrivano mai al livello speculativo della filosofia e sono assolutamente sterili nel terreno dell'azione politica. Dipingere un frammento del paradiso può svegliare la coscienza conservatrice meglio che le fredde denunce formulate in un video o un'installazione, se veramente quello che c'interessa è che si salvi un poco la natura che rimane da salvare» (Fernando Castro Borrego).

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl