Videospritz allo Studio Tommaseo con Igor Grubić e RAV E

31/mag/2017 19:16:56 Comitato Trieste Contemporanea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Se non leggi correttamente questo messaggio, clicca qui
If you can't read this message, click here 

comunicato stampa
con gentile richiesta di diffusione

 

videospritz: igor grubić
incontri internazionali di video arte

Studio Tommaseo, Trieste, via del Monte 2/1
giovedì 1 giugno 2017, ore 18.30



Igor Grubić, Capitalism Follows Socialism, 2012, video, 10’

Giovedì 1 giugno uno speciale Videospritz Trieste Contemporanea dedicato all’artista croato Igor Grubić inaugura la nuova edizione di RAVE East Village Artist Residency. Un’occasione per conoscere l’artista e la sua ricerca, attraverso un talk e la proiezione di alcuni dei suoi lavori video.
Grubić è l’artista in residenza RAVE 2017 invitato a creare un progetto artistico nel cascinale rurale del borgo storico di Soleschiano, dove vivono gli animali che Tiziana Pers - ideatrice del progetto insieme ad Isabella Pers e Giovanni Marta -  ha salvato dall’industria alimentare. Con un’inedita autenticità, senza filtri, e in forte interazione con la  fisicità dell’ambiente, la ricerca e il nuovo progetto di Grubić è “Do animals dream about freedom?”

Igor Grubić per RAVE sta lavorando a un video realizzato nell’ex macello di Gorizia, che era situato vicino al confine. Il complesso è stato recentemente acquistato dalla Biolab, un’azienda che produce cibi vegetariani e vegani, e che sta coraggiosamente e gradualmente recuperando lo spazio. “In particolare mi interessano le prospettive nascoste alla vista e gli aspetti psicologici di ciò che accade all’interno delle ‘scatole nere’ dei mattatoi”, dice l’artista.

Durante la serata allo Studio Tommaseo l’artista, in conversazione con Iara Boubnova - direttrice dell’Istituto di Arte Contemporanea di Sofia - presenterà 3 cortometraggi scelti per l’attualità delle tematiche affrontate: un racconto di immagini sperimentali e dura dichiarazione poetica dell’artista che restituisce la realtà est europea della povertà, delle rivolte sociali, della violenza e dell’intolleranza.

Per Igor Grubić (Zagabria, 1969), che vive e lavora a Zagabria, l’arte è una forma di attivismo morale e politico e molte delle sue attività si svolgono nello spazio pubblico. Le opere di Igor Grubić sono state esposte internazionalmente e sono presenti in varie collezioni pubbliche tra cui la Tate Modern Gallery di Londra, la Kadist Art Foundation di Parigi e il Museo di Arte Contemporanea di Belgrado.

In concomitanza con l’inagurazione della residenza, giovedì 1 giugno verrà lanciata online la prima campagna di crowdfunding di RAVE, finalizzata sostenere la ricerca artistica e a contribuire alle necessità legate al sostenimento degli animali salvati che abitano il Borgo di Soleschiano.
Per saperne di più e contribuire al progetto: http://www.raveresidency.com/crowdfunding.


PROGRAMMA DELLE PROIEZIONI

“Angels with Dirty Faces (turning point)”,(2004-2006, video, 17’30’’)
Documentario dedicato alla protesta dei minatori nella regione di Kolubara e alle proteste civili di Belgrado del 5 ottobre 2000 che culminarono nell’assalto del Palazzo dell’Assemblea Nazionale della Repubblica Serba e alla caduta del regime di Milošević.

“Capitalism follows Socialism”, (2012, video senza audio, 10’)
Il cortometraggio sperimentale racconta la Croazia degli anni ’90, periodo in cui la privatizzazione portò i cittadini al limite della povertà. Per enfatizzare questa drammatica realtà, il documentario si costruisce tramite una serie di fotografie e commenti critici privi di accompagnamento sonoro. L’approcio stilistico si ispira a “Cinétracts”, film realizzato da un collettivo anonimo di registi francesi nel 1968 per promuovere l’attivismo civile.

“East Side Story”, (2006-2008, video, 14’)
Il video “East Side Story” fa uso di diversi tipi di linguaggio per raccontare uno dei più significativi problemi sociali dei nostri tempi: la violenza e l’intolleranza verso l’altro e verso la diversità. Il cortometraggio include dei filmati d’archivio sulle violenze nelle strade di Zagabria e Belgrado, delle riprese più recenti e la registrazione di una performance artistica nella quale i ballerini inscenano movimenti tipici degli atti di violenza.


 

------------------------------------------------------------------------------
Trieste Contemporanea
via del Monte 2/1 Trieste Italy
+39040639187
info@triestecontemporanea.it
www.triestecontemporanea.it
www.facebook.com/TriesteContemporanea

Iscriviti alla newsletter
Subscribe to our newsletters

Se non desideri ricevere ulteriormente questa newsletter
clicca qui per rimuovere il tuo indirizzo email

If you are no longer interested in this newsletter,
you can unsubscribe here.

Support our projects


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl