SACRED FEMININE

SACRED FEMININE CON CORTESE PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE E DIFFUSIONE Oggetto:Mostra PersonaleTitolo: "SACRED FEMININE " Autore: Oleg Bondarenko Curatore: Ornella FazzinaLuogo: Galleria Tejos Viale Luigi Cadorna 19 Siracusa Data: 30/09/2007-30/10/2007ore: 19,00 Orario di apertura: 9.00 / 13.00 16.00 / 20.30 Ingresso Libero Info:sanne1831@hotmail.it tel.349 3132155 Le opere di Oleg Bondarenko hanno la particolarità di celare sotto l'aspetto formale elementi prettamente decorativi, alcuni dei quali si muovono su logiche matematiche che non rivelano immediatamente la loro studiata complessità.

16/set/2007 19.30.00 Galleria Roma Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

CON CORTESE PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE E DIFFUSIONE


 


 

 

 

 

 

    

Oggetto:Mostra Personale
Titolo: "
SACRED FEMININE "
Autore:
Oleg Bondarenko
Curatore: Ornella Fazzina
Luogo:
Galleria Tejos
Viale Luigi Cadorna 19  Siracusa

Data: 30/09/2007-30/10/2007
ore:
19,00
Orario di apertura:
 9.00 / 13.00    16.00 / 20.30

Ingresso Libero

Info
:
sanne1831@hotmail.it
tel.349 3132155

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le opere di Oleg Bondarenko hanno la particolarità di celare sotto l’aspetto formale elementi prettamente decorativi, alcuni dei quali si muovono su logiche matematiche che non rivelano immediatamente la loro studiata complessità.
In merito a queste opere, alcuni elementi sono volti all’astrazione, in altri affiorano figure le quali sembrano rarefarsi sempre più in una luce suggestiva e quasi sacrale, più interiore e spirituale, privilegiando un tratto e un segno evanescente e delicato, fatti di morbidi passaggi e di sfumature impregnate di poetica ispirazione. Egli fa uso di una linea a fini pittorici, una linea per lo più sinuosa, e le figure di donna vengono rappresentate in tutta la loro esilità e leggerezza quasi a voler indicare lo spirito che si libra sopra la materialità dell’esistente, citando a tal proposito un pensiero di Kline, “non dipingo le cose che vedo, ma le sensazioni che suscitano in me”. Descrivere i suoi lavori significa parlare di poli categoriali in quanto essi rappresentano un connubio tra un mondo organico e uno artificiale, di una donna che si inserisce tra il naturale e l’innaturale, contenendo semplicità e complessità, verità e magia, racchiusa in un corpo dalla sagoma allungata che dà vita a qualcosa di ibrido che non scaturisce solo dall’immaginazione ma è tipico di un rivisitato concetto di bellezza appartenente all’oggi, che porta con sé una carica concettuale lontana da una sensualità carnale e vicina invece a una tipologia di immagini frammentate e di superficie che abitano e ben rispecchiano la percezione della odiena realtà.

 

 

Galleria TEJOS
Viale Luigi Cadorna 19
96100 Siracusa

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl