Comunicato stampa

20/set/2007 15.36.00 prota ciro Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
                                                                                             

     

                                                                                        

"La metafisica dei colori”

Personale di Ciro Palumbo

4 Ottobre - 17 Novembre 2007

 

Conferenza stampa   4 ottobre 2007 ore 11.30                                       Inaugurazione 4 Ottobre 2007 ore 18.30

“Galleria del Palazzo”   Palazzo Coveri - Lungarno Guicciardini, 19 Firenze

 

                Una collaborazione  con Galleria del Palazzo - Palazzo Coveri - Col patrocinio del Comune di Firenze

                                                                                                            

 

Continua a Firenze la Rassegna d’ arte 2007 organizzata da “ISCHIA PROSPETTIVA ARTE” con la personale del pittore Ciro Palumbo, a  seguito dello straordinario successo nell’ambito delle mostre inserite all’interno della Rassegna “Il rosso e il Blu” a Napoli e Ischia. La nuova mostra di Ciro Palumbo, ospitata alla Galleria del Palazzo, consente di assistere alla sua nuova espressione creativa. Il percorso comprende l’arte dei colori brillanti in 40 avori in diverse dimensioni. Sono degli oli su tela a tecnica mista, dove ritornano puntuali il simbolismo, i segni, le creature mitologiche, il potere dei sogni, la pittura senza filtri, temi tanto cari all’artista nel tratteggiare gli elementi che compongono la sua arte , così come ha commentato il Prof. Clemente Servodio Iammarrone.

 

 “La metafisica dei colori” o “I colori della metafisica”

 

La sensibilità artistica di un pittore si svela non solo attraverso i soggetti delle sue opere, ma soprattutto attraverso la sua espressività cromatica che dà corpo e sostanza alla composizione.

Il colore, con i suoi infiniti riverberi, rappresenta pertanto l’elemento essenziale e fondamentale del linguaggio pittorico e consente di definire le peculiarità della personalità espressiva dell’artista. Di volta in volta sarà il colore del tempo, il colore della memoria, il colore dell’anima o il colore del sogno, ovvero, come nel caso di Ciro Palumbo, il colore che, permeandosi di un senso “metafisico”, consente all’artista di travalicare l’imminente per ascendere le vette più alte dell’iperuranio ed in questo percorso si impregna di elementi simbolici.

La mostra di Ciro Palumbo si connota appunto per  la peculiare sensibilità cromatica dell’artista che, nei quaranta dipinti di cui essa si compone, svolge una tematica densa di emozioni e di figurazioni immaginifiche, definita  “La metafisica dei colori”, quasi come se l’autore volesse con i colori, per mezzo dei colori ed attraverso i colori scandagliare le complesse e profonde assonanze sensibili che l’inconscio nasconde, le percezioni di identità psichiche in esso celate come archetipi sondabili solo attraverso le infinite sfumature del colore che la sua sensibilità pittorica rende percepibili.

Spiccano sulla tela elementi reali e contingenti, delineati con contorni netti ed espliciti da cui sembra prendere avvio l’ispirazione e l’intuizione dell’artista, ma essi vengono immersi in un’atmosfera eterea ed indefinita, in un’aura vaga e sfuggente che ha le caratteristiche del sogno, con la simbologia magica e le fantasie oniriche di un mondo vivo solo nella profonda interiorità dell’inconscio, con i suoi archetipi e la forza primigenia che essi sono in grado di sprigionare.

I colori di Palumbo vivono di una vita allo stesso tempo arcaica e cosmica, si animano di suggestioni a volte sfumate, a volte nitide, a volte degradanti in infinite tonalità che si estrinsecano in una miriade di evanescenze, ma che tuttavia rimangono sempre contenute in un arco diadico oscillante tra “il rosso” ed “il blu”.……

E il colore diventa espressione delle emozioni dell’artista, diviene il suo linguaggio immediato ed istintivo, la sua modalità comunicativa con la quale trasferisce sulla tela la ricchezza della sua capacità creativa ed interpretativa di una realtà che, nonostante sia evocata in una complessa e variegata gamma di modulazioni cromatiche, fluttua con sperimentata sapienza tra due colori: “il rosso” ed “il blu”, la realtà ed il sogno, il conscio e l’inconscio, il concreto e l’astratto, l’immanente ed il trascendente, il caos primordiale e l’ordine dell’armonia divina.

In questo eterno dualismo l’uomo pencola sospeso, tra l’istinto e la ragione, la realtà e il sogno, il fisico ed il metafisico; in questo dualismo, che il pittore Ciro Palumbo esprime con “il rosso” ed “il blu”, si svolge il senso e si strutturano i contenuti della sua poetica che egli condensa sulla tela rendendoli tangibili attraverso le innumerevoli gradazioni dei due colori.

Espressione di questo dualismo sono le isole sospese come aquiloni tra cielo e terra o tra cielo e mare, le figure mitologiche che attraversano la tela malcelando una velata espressione di turbamento, quasi contese da due mondi solo apparentemente separati: il naturale e il soprannaturale, l’effimero e l’eterno, “il rosso” ed “il blu”.

Così, a mio parere, compiutamente questo concetto si concretizza nell’opera “Un salto nel cielo” che, in qualche modo e per taluni aspetti, evoca il mito di Icaro da cui astrae solo l’antico anelito dell’uomo ad elevarsi verso il cielo, senza la estrema conseguenza di una disperata ricaduta che è totalmente estranea al discorso pittorico di Palumbo.  L’artista ritrae questa figura umana nelle sembianze di una creatura mitica che, lasciandosi alle

 

spalle “il rosso”, simbolo della forza primigenia del caos, da cui quasi sembra non riuscire a distaccarsi, tende verso l’empireo, l’armonia cosmica, l’ideale supremo di ordine universale, tende cioè al “blu” del cielo, al firmamento metafisico,  configurando un percorso che delinea una scia circolare, una traiettoria ogivale simile ad un’orbita planetaria, di cui l’uomo stesso  è parte. Il sembiante di questo uomo mitico lascia trasparire l’intimo ed irrisolto dissidio degli uomini tormentati dal dualismo originario e la loro ansia spesso inconfessata di spiritualità; creature combattute tra i vincoli del contingente e lo slancio verso l’etereo, dilaniate da questo eterno dualismo che il pittore tende a dissolvere e a risolvere attraverso “La metafisica dei colori”.

Ogni tela risulta infatti come divisa in due spazi in apparenza disgiunti e differenziati, concordanti e discordanti nello stesso tempo come “il rosso” ed “il blu”, ma in realtà confluenti, senza soluzione di continuità ed attraverso le mille sfumature dei due colori, in una coerenza discorsiva univoca.

“La stanza blu” e “la stanza rossa” rappresentano quasi il paradigma di questo dualismo risolto dal pittore in una equivalenza di immagini speculari, quasi un intimo connubio di sinonimi e di contrari, di analogie e di contrasti che finiscono per amalgamarsi in una mirabile sintesi di colori e di immagini simboliche; sintesi che straordinariamente contiene e comprende tutti gli opposti, dispersi ed unificati in un aura metafisica che può definirsi “La metafisica dei colori”, ma anche “I colori della metafisica”. 

 

 

Il catalogo, presente in galleria, comprende 40 opere tra cui i lavori in esposizioni, si avvale di un testo del Prof. Clemente Servodio Iammarrone. Collezionista d'opere d'arte da sempre. Scrittore di poesie cosi come saggi  per interpretrare il mondo dei suoi amici pittori. Insegna Medicina all’Università Federico II Napoli

 

 

Ufficio stampa. beatrice cifuentes sarmiento beatrice@galleriadelpalazzo.com. Tel +39 055 281044 cell +39 339 3456 316

 

 Le informative culturali hanno carattere periodico e sono comunicate individualmente ai singoli interessati, anche se trattate con l'ausilio di spedizioni collettive, avendo però sempre cura di nascondere ad ognuno gli indirizzi degli altri destinatari. Teniamo inoltre a sottolineare che tuteleremo la sua privacy ed i suoi dati non verranno divulgati.

In ogni momento sarà comunque possibile chied ere di essere rimossi dalla nostra mailing list inviando una e-mail con oggetto "Cancellami" all'indirizzo e-mailinfo@galleriadelpalazzo.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Associazione Culturale "Ischia Prospettiva Arte"

Sede: Via Miguel Cervantes 55/27 80133 NAPOLI - Tel. 081/4971300 Fax 081/5513494

Info: www.ischiaprospettivaarte.it - ischiaprospettivaarte@jumpy.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl