At the End of the Day, una personale in 3 dimensioni di Carlo Gori ora in Giappone

26/set/2007 06.10.00 Carlo Gori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

At the end of the day invitation Japan Engl web.jpg

 

Atthe End of the Day

Una personale in 3 dimensioni di Carlo Gori

Englishversion      Japaneseversion

Dall'1 al 31 Ottobre 2007

 

Hotel Nikko Ibaraki Osaka

1-1-10, Nakahozumi, Ibaraki-shi, Osaka,567-0034, Giappone

Tel: 0081 (0) 72-620-2121

 “La vitaè una cospirazione. Ci hanno insegnato che il mondo non è onesto e che dobbiamovivere in questo modo. Siamo testimoni della nostra morte con l’illusioneche non sia vero. Siamo alla fine delgiorno”.

L'artista italiano Carlo Gori arriva in Giappone per laprima volta. Porta il suo progetto artisticoin work in progress iniziato sei mesi fa presso la Westbury FarmStudios in Milton Keynes, Regno Unito, riguardo il tema centrale della suaarte: l’amore per l’umanità.

At the End ofthe Day prende a prestito un tipico modo di dire inglese(traducibile con “in conclusione”) e centra le sue attenzionisulle sue personali esperienze e le scelte che l’umanità fa:violenza, guerra, perversione della verità, la spazzatura dentro di noi. Questospiega l’uso dell’immondizia nel suo lavoro - gli imballaggi in cuinoi e tutte le cose sono avvolte.

Lo stile di Carlo segue ilparadosso della vita stessa - dalla serenità dell’ingenuità, con il neroche gioca nello spazio bianco, fino al caos della violenza.

La violenza di coloriacidi gettati sulla tela, come sangue sudicio di una ferita spalancata,gocciola giù al suolo. La pura energia delle unghie graffia via le trame,mentre l’acqua dissolve e le mani nude imbrattano.

Usa tanto nero. Devi cercare le sue formeintrospettive definendole con la convenzione del loro contrasto, lo spazio bianco.“Amo l’imperfezione, come i difetti di un essere umano, con la suastraordinaria possibilità di diversità. Variazioni sul tema: identitàpersonale, personalità plurali, desiderando alla fine  essere tuttiuguali. Con la necessità di esplorare e di toglierci le pelli che ciimprigionano, per svelare l’essenza di chi realmente siamo. Insiemedifferenti. Siamo uno specchio che dobbiamo mandare in frantumi per andareoltre, per essere la nostra totale azionepoetica”.     Preview di Anoif Remah

 Per informazioni contattare:

 tel: +81(0) 80 62091439

carlogori@carlogori.com               www.carlogori.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl