Tamara Janes, Save The Poor Image

15/set/2017 13:37:37 Arte Boccanera Contemporanea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

TAMARA JANES, "SAVE THE POOR IMAGE"
BOCCANERA PROJECT ROOM, VIA ALTO ADIGE 176, TRENTO - IT

Inaugurazione: sabato 16 settembre dalle 17.00 alle 21.00
Opening: Saturday September 16, 5pm - 9pm

16 settembre - 28 ottobre 2017 | September 16 - October 28, 2017

Il progetto AE_selection nasce dalla collaborazione di tre gallerie del Trentino-Alto Adige con ACADEMIAE, Youth Art Biennale che si è tenuta nell’estate del 2016 a Fortezza e dove hanno esposto 33 giovani artisti provenienti dalle più rinomate accademie d’arte europee. In questo contesto le gallerie Boccanera di Trento, Doris Ghetta di Ortisei e Alessandro Casciaro di Bolzano hanno operato una propria selezione di artisti che vengono presentati in contemporanea, come una sorta di mostra diffusa e coordinata nel territorio.

Boccanera Gallery di Trento, presenta l’artista svizzera Tamara Janes, studentessa di Alexandra Navratil presso la Hochschule für Gestaltung und Kunst HGK FHNW di Basilea, che sfrutta la marea di immagini digitali per i suoi lavori. L’artista studia l’attuale produzione di immagini – osserva il nostro comportamento fotografico, i metodi, i criteri e gli algoritmi secondo i quali le immagini vengono disposte e usate in internet, e le utilizza consapevolmente nel suo processo lavorativo. Le immagini create da Tamara Janes attraverso le sue ricerche in Google Images, Instagram e altri archivi di immagini digitali sono commenti spiritosi o estratti dalla marea di immagini digitali di ogni giorno


Tamara Janes é nata a St. Gallen nel 1980, vive e lavora a Berna dal 2002. 
Save The Poor Image (Salvare la povera immagine) da Boccanera Project Room è la sua prima mostra personale assoluta in una galleria privata.

Al momento la mia intenzione come artista e fotografo è di fare un commento su questa folle produzione, sul nostro comportamento fotografico e sulla percezione delle immagini. Per farlo, imito un algoritmo che genera errori digitali. Per momenti difettosi fondiamo la mente umana per mantenere viva la pessima immagine. Generalmente mi piace incontrare situazioni surreali di tutti i giorni e essere pizzicato da illusioni e sogni. Mi piace lo stato tra sonno e sveglio, quando la fotografia lascia il muro e si trasforma in scultura, come falsi e simulazioni influenzano la mia percezione, la condizione in cui l'ironia accade e sto sempre alla ricerca del strano. E amo ancora la fotografia. (Tamara Janes)

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl