La fiaba secondo Lauraballa

La fiaba secondo Lauraballa Lauraballa espone il progetto "Chi Es?"

30/ott/2007 22.49.00 STUDIOLABORATORIO Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

 

 

 

 

 

Lauraballa espone il progetto "Chi Es?", un percorso sulla fiaba in relazione a un'idea personale di rivisitazione e invenzione. Il progetto già presentato in altre sedi, arriva a Firenze e trova una cornice ideale negli spazi della libreria "La Cité", un luogo che viene inteso anche come laboratorio di creazioni e sperimentazione culturale.

 

L'artista è pittrice e illustratrice. Il suo mondo incantato è fatto di pezzi di specchio, colori, disegni e pupazzi, riflette giochi linguistici di significato e mescola poesia, emozioni e frammenti di realtà trasfiguarata. Alter ego dell'artista sono i suoi soggetti iconografici e i personaggi nati dall'incontro del fantastico con il naturale e con la cultura che ci circonda, per dare un pensiero positivo alla mente, secondo una concezione ecologica e pacifica.

 

Decorazione e figure ci introducono in un universo popolato di gatti, pesci, pianeti, passerotti, oggetti quotidiani come tavoli e sedie ed affermano altri punti di vista, diversi e molteplici.

Un mondo dove un bambino di nome "francesco" riflette sul pianeta "terra" e sulle possibilità per migliorarlo e  dove i "pu-pazzi" e i personaggi delle fiabe, rivisti da altre angolazioni, introducono una forma di bellezza anticonvenzionale dove anche la diversità è normale.

 

L'arte di Lauraballa va contro le logiche dell'apparenza e si rivela sovversiva nella sua maniera disincantata di dare dignità e normalità alle piccole cose e ai sentimenti delle persone; in questo senso non ha pregiudizi perché è un'arte libera che va oltre l'identità di genere e i condizionamenti sociali.

 

L'artista espone sia in posti istituzionali che in spazi pubblici perché desidera che la sua arte si diffonda e viva il più possibile nella vita quotidiana, perché solo attraverso l'esperienza può assumere molteplici significati.

 

L'universo dei segni e delle figure dell'artista è quello surrealista della fiaba e della narrazione, animato da sogni, paure e desideri, individuali e collettivi.

Queste figure nascondono sempre un altrove apparente, legittimato dal racconto intelligibile ai bambini, ma che vuole parlare al cuore e alla mente degli adulti.

 

Giuseppe Carrubba

Critico d'arte e curatore

 

 

 

Dal 5 al 26 novembre 2007

 

La fiaba secondo Lauraballa

 

A cura di Giuseppe Carrubba

 

 

LibreriaCafé La Cité

Borgo San Frediano 20/rosso

50124 Firenze

http://lacitelibreria.info/

 

tel. +39 055 210387

 

Biglietti: ingresso libero

 

Vernissage: 10 novembre alle ore 19.30. Sarà presente l'artista.

 

Orario: da martedì a sabato 10.30 – 24.00, lunedì e domenica 15.00 – 24.00

 

Autore: Lauraballa

www.lauraballa.itinfo@lauraballa.it

 

Curatore: Giuseppe Carrubba

 

Genere: pittura e illustrazione, personale

 

 
 
 

ENGLISH VERSION

 

 

 

The Storytale   according to Lauraballa

 

Lauraballa presents the project "who Es it?", in an exploration of the fairytale in relation to a personal idea of reinterpretation and invention. The project, already presented   elsewhere, is exhibited in Florence within the ideal frame of  the bookshop "La Cité", a place that is also a laboratory for creative and cultural experiment.

 

The artist is a painter and illustrator. Her enchanted world is made of   pieces of mirror, colours, designs and puppets which all work to reflect a playful linguistic significance mixing poetry, emotion and fragments of transfigured reality. The 'alter ego' of the artist are her iconographic subjects and personalities which are born in the meeting of the fantastic with the natural and culture that surrounds her, so as to positively inform the mind according to a peaceful and ecological conception.

 

We are introduced to decorations and figures in a universe populated by cats, fish, plants, birds, everyday objects such as tables and chairs that affirm other diverse and multiple points of view. This is a world where a child named 'Francesco' reflects on the planet "earth" and on the possibility of improving it; and where the "pup pets" and personalities of storytales, seen from other angles, introduce an unconventional form of beauty in which diversity is also normal.

 

The art of Laurballa goes against the logic of appearances and reveals itself to be subversive in its disinchanted manner of giving dignity and normality to small things and peoples sentiments; in this sense her art is without prejudice because it is art that exists outside the concept of stylistic 'genre' and social conditions.

 

The artist exhibits in art institutions as well as public spaces because she prefers her art to merge and exist as much as possibile within the context of everyday life, through such widened context of   experience the work assumes multiple significance.

 

The universe of signs and figures of the artist is the surreal world of the fairytale and narration, animated by individual and collective dreams, fears and desires. These figures always hide an 'other' appearance, legitimated by being legibile to children but that want to speak to the heart and mind of adults.  

 

Giuseppe Carrubba

Art critic and curator

 

Traslation by Leah Coffey (from Italian into English)

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl