RIPARTE ROMA 2007(RIPARTE Art Fair) : Piziarte presenta: Angelo Barile, Angelo Bellobono, Antonella Cinelli, Franco Cioni, Matteo Clementi, Maria Cristina Della Berta, Franco Di Francesco, Raffaele Fiorella.

Riparte Roma 2007 (13^ anno)- RIPARTE Art Fair - Piziarte (STANZA 204) http://www.piziarte.net info@piziarte.net Galleria Piziarte diretta da Manuela Cucinella e Patrizia Alice Cucinella Viale Francesco Crucioli 75 a 64100 Teramo (Associata ANGAMC - Associazione Nazionale delle Gallerie d'Arte Moderna e Contemporanea.)

23/nov/2007 21.10.00 PiziArte Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Riparte Roma 2007 (13^ anno)- RIPARTE Art Fair - Piziarte (STANZA 204)

http://www.piziarte.net  


info@piziarte.net


Galleria Piziarte

diretta da Manuela Cucinella e Patrizia Alice Cucinella

Viale Francesco Crucioli 75 a
64100 Teramo

(Associata ANGAMC - Associazione Nazionale delle Gallerie d'Arte
Moderna e Contemporanea.)



Per info:

Galleria Piziarte

Vialef.Crucioli 75a

64100 Teramo

0861 /252795 (T./F.) (In caso di nostra assenza lasciateci un messaggio,Vi
richiameremo)
339 / 2780866
339 /4935925

info@piziarte.net



Piziarte partecipa a "RIPARTE ROMA 200713^ anno, la fiera d'arte contemporanea che    
si terrà a ROMA, da venerdì 30 novembre a domenica 2 dicembre 2007 presso il
Ripa All Suites Hotel in Via degli Orti di Trastevere 1.


Inaugurazione :

Venerdì 30 Novembre alle ore 18.00

Sabato 1 e Domenica 2 Dicembre dalle 15.00 alle 22.00


Al Ripa All Suites Hotel ormai da 13 anni dalle 50 alle 60 stanze di albergo
vengono assegnate ad altrettante gallerie che a loro piacimento durante i
week end di Riparte allestiscono chi personali, chi colletive degli artisti
da loro promossi.

Nell’arco di un fine settimana durante la giornata le porte delle
Stanze/galleria si aprono al pubblico mentre la notte gli stessi galleristi
o artisti, specialmente quelli provenienti da altre città, vi alloggiano.

Ogni singola stanza dell'hotel verrà reinterpretata e personalizzata con
mostre personali e/o collettive dai galleristi invitati, che come dei veri
padroni di casa riceveranno il pubblico in un'atmosfera ovattata e
confortevole".

Manuela e Patrizia Cucinella presenteranno nella suite della galleria
Piziarte (STANZA 204) una collettiva degli artisti:

Angelo Barile, Angelo Bellobono, Antonella Cinelli, Franco Cioni, Matteo Clementi, Maria
Cristina Della Berta,  Franco Di Francesco, Raffaele Fiorella.   



Per "ANGELO BARILE" è finita l'epoca dei velluti paludati, delle veneri
poppute, delle libertà che guidano i popoli (ma anche delle pietracce messe
in fila indiana o dei fogli di formica composti a mo' di finti mobili): oggi
l'unica speranza e' affidata alla smorfia sardonica dei nostri figli,
perche' di loro e' il futuro. Ecco perche' le opere di Barile sono
estremamente attuali: sono (e quindi illustrano) il nostro futuro, quello
che in effetti non ama la bomba e dal quale possiamo sperare ancora qualcosa
di buono.   http://www.piziarte.net/barile.htm

ANGELO BELLOBONO   http://www.piziarte.net/nessuncontatto.htm

Le opere recenti di "ANTONELLA CINELLI", vincitrice del Premio Celeste
2006,colpiscono perché l’eccellente qualità pittorica, risolta spesso in
modo morbido sul soggetto, oggi si arricchisce di sfumature più “spigolose”
nella definizione delle espressioni, delle posture, nella rinuncia al
soggetto medesimo, a volte sostituito dal feticcio che poteva
rappresentarlo: una scarpa, dei trucchi, un reggiseno. Si è aggiunto alla
pittura un retroterra difficilmente identificabile, fatto di intuizioni
anche contraddittorie, da piccoli accenni che si affermano, negandosi un
istante dopo, da un complessivo senso di certezza e incertezza, di purezza e
complicità sotterranee che trasformano la lettura dell’opera in modo
suadente ma radicale. http://www.piziarte.net/cinelli3.htm

Osservando le opere di "FRANCO CIONI" ci si ritrova, in pochi istanti,
catapultati davanti ad un frame di pellicola. Ad una velocità sinaptica ne
ricaviamo un racconto, il quale crediamo – vogliamo – sia il più congruo.
Un fermo immagine, a volte spiazzante, che ci permette di costruire
inspiegabili storie. Di immediato fascino. Di inconsapevole fuga. http://www.piziarte.net/cioni.htm

In "MATTEO CLEMENTI" la nudità neutralizzata si sospende nel vuoto della
superficie. La pelle degli sconosciuti ascolta i nostri sguardi. Le colature
piangono i mali di un mondo mai troppo lontano. Il colore si prepara al
sacrificio necessario. Dentro i quadri di Clementi non esistono più attimi
normali (nella loro normalità) ma solamente gesti assoluti (nella loro
normalità), unici nel fermarsi lungo il tempo anomalo del dipingere. http://www.piziarte.net/subtratti.htm

"MARIA CRISTINA DELLA BERTA" continua la sua esplorazione dell'universo
femminile visto attraverso gli stereotipi del mondo della moda e della carta
patinata.Le sue eroine hanno raggiunto una nuova percezione di se: sanno di
essere divenute il centro dell'universo, ma questo universo e' latente,
nascosto da una cortina impenetrabile, al di fuori della loro portata. http://www.piziarte.net/dellaberta.htm

"BERARDO DI BARTOLOMEO" si caratterizza per un fertile dialogo fra pittura e
fotografia i cui principali soggetti sono lo spazio e l'ambiente.

"RAFFAELE FIORELLA",come Tim Burton, che venne rifiutato dalla Disney perché
i suoi personaggi fantastici non avevano assolutamente niente di tenero,
propone mondi fiabeschi popolati da aliene creature bianche - i
mostriciattoli a grandezza naturale di "J love my family"- dove il
non-colore è sì asserzione di non-commento ma anche provocazione che rimane
aperta. Sono creature "aliene" perché inconciliabili con questo mondo
insensibile e materialista, come quelle di Tim Burton, appunto.
E lì dov'è colore - sia una fantasia kitsch o una texture luccicante e
galmour - a vivacizzare il corpo amorfo dei suoi esserini, o quando si
concede una "delega creativa" per oggetti d'arredo (ad esempio, per delle
sedie organicistiche) Fiorella si mostra affine ad una delle icone del
post-pop del 21° secolo, il masterpiece dell'arte internazionale Jeff Koons.
Ma le nostrane "creature" mostrano l'altra faccia dell'era post-moderna e
consumistica, non sono "scacciapensieri"; il grottesco che le
contraddistingue risveglia quel caratteristico senso di empatia che si prova
per chi è in un situazione disagiata. Osserviamole così,
malinconìbridamente…
http://www.piziarte.net/fiorella.htm


Immagini:
Matteo Clementi "2 luglio 2007" 2007
olio su tela cm 100 x 100

Franco Cioni "Angelika e il suo lucifero (la femme en basse jarrettiere)"
2006
olio su tela cm. 70 x 100

Maria Cristina Della Berta "Il piacere del sole"
olio su tavola cm. 40 x 40


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl