FiorGen. l'arte in aiuto alla ricerca

"Sono lieta e onorata di ospitare nelle prestigiose sale della Galleria d'Arte Moderna di Palazzo Pitti un'iniziativa che va a vantaggio della ricerca scientifica - dice Cristina Acidini, Sovrintendente del Polo Museale di Firenze - Un'iniziativa importante anche per rinsaldare il legame tradizionale tra arte e scienza che ha fatto grande Firenze nella storia".

05/dic/2007 17.00.00 Nicoletta Curradi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Ottanta opere dei più quotati artisti toscani e italiani esposte nella Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti dal 5 al 14 dicembre, per sostenere le attività della fondazione FiorGen Onlus. A conclusione della mostra, il 15 dicembre alle ore 16.00, le opere verranno vendute all’asta: il ricavato sarà interamente destinato alla ricerca per la diagnosi precoce del cancro e delle malattie genetiche. L’allestimento della mostra è stato offerto dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, mentre Banca CR Firenze ha finanziato la realizzazione del catalogo.
“Sono lieta e onorata di ospitare nelle prestigiose sale della Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti un’iniziativa che va a vantaggio della ricerca scientifica - dice Cristina Acidini, Sovrintendente del Polo Museale di Firenze - Un’iniziativa importante anche per rinsaldare il legame tradizionale tra arte e scienza che ha fatto grande Firenze nella storia”.
“Dagli artisti abbiamo avuto una risposta di generosità che è andata oltre le nostre migliori aspettative - dice Maurizio Vanni, critico d’arte e curatore della mostra - Abbiamo contattato alcuni degli esponenti più noti e affermati del panorama artistico contemporaneo: tutti hanno aderito all’iniziativa e hanno scelto di donare opere di grande valore, appartenenti al loro corpus storico”.
L’asta benefica servirà a raccogliere il denaro necessario per ampliare le attività di una fondazione che si distingue nel panorama italiano della ricerca scientifica: “La forza peculiare e unica della Fondazione FiorGen è l’interazione fra discipline diverse - spiega il professor Calogero Surrenti, primario dell’Azienda Ospedaliera di Careggi e vicepresidente di FiorGen - La ricerca postgenomica per le scienze della vita può progredire efficacemente solo se competenze diverse si sovrappongono. La chiave per l’avanzamento della ricerca finalizzata alla diagnosi precoce del cancro e delle malattie genetiche è nell’interazione fra medici, biologi, chimici e informatici. FiorGen si regge su un nuovo modello di organizzazione del sapere, che supera il vecchio concetto di discipline: le discipline sono gabbie che devono sparire per lasciare il posto all’interazione fra scienziati, garantendo così un avanzamento più rapido alla ricerca sulle scienze della vita”.
Nicoletta Curradi


Nicoletta Curradi

L'email della prossima generazione? Puoi averla con la nuova Yahoo! Mail
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl