SPAZIOCOMUNE, giovani artisti a Palazzo Vecchio

17/dic/2007 12.49.00 Nicoletta Curradi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Palazzo Vecchio, Firenze
Terzo piano, Sala della Miniatura
Opere di Gaia Bartolini, Leonora Bisagno e Lek Gieloshj
La mostra rimarrà aperta fino al 20 di Febbraio con orario  9-17.30.
 
Le città possono avere molte qualità, esistono città vivibili, città caotiche, accoglienti, multietniche, intolleranti... Poi ci sono le città sottili (un attributo felicemente intuito da Italo Calvino) che in generale sono quelle città in grado di valutare sé stesse e indagare la pluralità dei propri modi di essere.
Le municipalità (considerate all’interno della tradizione europea, come valori costituiti da volontà e pratiche collettive) hanno diverse possibilità di osservare il futuro. Il riflesso della realtà che affiora sulla superficie dell’arte contemporanea è il più ardito, il più arcano da decifrare. Nell’espressione di chi vive la città in modo dinamico, è racchiuso il senso stesso di una dimensione civica e il suo possibile svolgimento verso il futuro.
Spazio Comune è una possibilità di incontro  tra il nome ufficiale di una città e la sua realtà morale; è un invito al dialogo e alla partecipazione che discende felicemente proprio da quei valori repubblicani nel cui segno è nata la grandezza di Firenze. Tre artisti di recente generazione, provenienti da esperienze diverse, si incontrano all’ombra della Torre di Arnolfo rispondendo a questo invito. Ognuno lancia un affondo nella realtà, che può essere polemico, sibillino, poetico; ma alla radice di tutti i lavori proposti è comune la generosità (anche controversa) che è una condizione necessaria per aprire le proprie visioni al mondo.
Nicoletta Curradi




Nicoletta Curradi

L'email della prossima generazione? Puoi averla con la nuova Yahoo! Mail
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl