comunicato stampa mostra personale di pittura palazzo valentini roma

02/gen/2008 10.49.00 antonietta campilongo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

 

Con preghiera di pubblicazione
Grazie
 


 
 

In allegato  un  opera  presente alla mostra:
 
"Facendo un giro tra la folla" - olio su tela -2007
 
 
 
 
Genere: Arte contemporanea - Personale di pittura

Titolo:  Tutto il resto di colpo si frantuma

Periodo: dal 10 al 25  gennaio 2008

Patrocinio: Presidenza del Consiglio Provinciale di Roma

Sede:  Sala Tom Benetollo - Palazzo Valentini

Indirizzo: Via IV Novembre 119/a (Piazza Venezia)

Città: Roma

Inaugurazione:  giovedì 10 gennaio ore 17.30

Orari :  Dal lunedì al venerdì ore 9.00 - 18.00 - sabato ore 9.00 - 13.00

Ingresso: Libero

Artista : Antonietta Campilongo

Presentazione in catalogo: Pier Maurizio Greco - Francesco Giulio Farachi

info: www.provincia.roma.it/  - www.campilongo.it  - anto.camp@fastwebnet.it
tel.  339 4394399

 

Due personali allestite contemporaneamente illustreranno il recente percorso artistico di Antonietta Campilongo. La prima mostra, dal titolo: “Tutto il resto di colpo si frantuma”, s’inaugurerà a Roma il 10 gennaio prossimo a Palazzo Valentini. La seconda, “I segreti di Elena”, sarà ospitata dal 10 gennaio a Lubjana - Slovenia, nei locali della prestigiosa Università.

 

“Tutto il resto di colpo si frantuma”

 Antonietta Campilongo - opere recenti

Palazzo Valentini - Roma

 

“La finestra è aperta sulla città inquieta, vortici di auto tra reticoli umani.

Disegnano curve, linee, frecce; in direzioni multiple si perdono.

E, nel luogo che lasciano, restano, come nebbia, lievi tracciati”.

 

Antonietta Campilongo esce allo scoperto, in cerca di “istanti” si muove

in una metropoli convulsa, fissando sulle tele un campionario variegato

di umori e inquietudini, ritratti di uomini e donne.

I luoghi e i volti di queste avventure ci appaiono bloccati nel gesto, cristallizzati in un momento che ne assume il sapore.

E quindi piacere, dolore, rabbia, stemperate nel colore, ora grigi, ora neri, e toni distesi di viola e verdi profondi.

Sono frammenti di storie diverse, fotogrammi sospesi, oscillanti tra sogno e realtà; dal reportage urbano alle vicende internazionali; le luci acide di bus e metrò, di fiamme e disastri che lasciano segni indelebili sui corpi e nelle coscienze.

La Campilongo sceglie di volta in volta; ci mostra la vita, fatta di carne e sangue, la insegue ovunque e la trasfigura, con le sue alchimie di pigmenti, in “eventi” avvolti nel mistero.

 

“Al di là della strada, sotto di me, in un silenzio irreale che congela ogni cosa, giace, come città sommersa, la discarica. Rottami di sistemi rotanti, lamiere rigate da tagli aguzzi e rugginosi, cumuli di plastica e pneumatici bruciati. E tra i sacchi di un grigio profondo, lo sguardo si blocca su sagome  luminose. Due fanciulle con vestiti bianchi tra i rifiuti spenti; nel ventre della città morta albergano due anime vive. E tendono mani verso di me, si agitano urlando parole che non sento. Rimango così, sospeso e in bilico tra la luce e il buio. Tutto il resto, di colpo, si frantuma “.

 

Pier Maurizio Greco

                                                                                                                             

 

 

 

 

    

 

 


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl