con preghiera di pubblicazione

15/gen/2008 11.49.00 Segreteria Stampa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
COMUNICATO STAMPA

CALCAGNO ART STUDIO e SCALAMATA GALLERY
vi invitano all’inaugurazione della mostra di

BONALDI GIOVANNI
Tikkùn


20 gennaio 2008, ore 17

A cura di: Francesca Brandes

Opening: domenica 20 gennaio 2008, ore 17.00

Periodo: dal 20 gennaio al 20 febbraio 2008 Orari: da lunedì a giovedì 14.30 - 18.30 venerdì e domenica 10.00 - 12.30

Tikkùn, ossia “Restaurazione”. È questo il titolo che il bergamasco Giovanni Bonaldi ha scelto per la sua duplice esposizione veneziana, nelle due sedi di Scalamata Gallery e Françoise Calcagno Art Studio. Tikkùn, secondo la tradizione cabbalistica che fa capo ad Isaac Luria, è la fase in cui all’essere umano spetta di ricostituire il mondo, che si è frantumato e disperso dopo la Shevirah ha-kelim, la cosiddetta “rottura dei vasi”: una catastrofe, avvenuta per disarmonia tra gli elementi - in particolar modo il maschile ed il femminile - che fa espandere in modo caotico la luce e l’energia della Creazione. In questa crisi, si generano potenze demoniache, nelle scintille più dure e più nere precipitate in basso, e mescolate ai cocci, o “gusci” dei vasi spezzati: in ebraico, Kelippòt. Nulla resta simile a prima, tutto è da qualche altra parte: è l’esilio di Dio, della sua unità. Bonaldi, non nuovo a studi e sperimentazioni d’ambito filosofico interconfessionale (ha esposto, fra l’altro alla Rocca Sforzesca di Soncino, nel 2003, per la IV Giornata Europea della Cultura Ebraica, così come al Museo Ebraico di Bologna e di Casale Monferrato), recupera nel proprio lavoro la concezione luriana e la struttura delle Sephiroth (le emanazioni del soffio creatore divino, organizzate secondo un preciso schema), per elaborare - in Tikkùn - un tentativo di ricostruzione che restituisca alle cose, ai volti, ai paesaggi dignità e coerenza, armonia. L’artista opera con disegni, oli, acrilici, modellini, installazioni e due video (realizzati in collaborazione con Monica Mazzoleni): in totale 72 lavori distribuiti su due spazi espositivi, dislocati (e non è certo una scelta casuale) nell’affascinante scenario del Ghetto veneziano. L’arte di Bonaldi, pur restando nell’ambito di una solida valenza concettuale - con rimandi al readymade duchampiano nelle installazioni - lascia spazio anche ad un disegno d’impronta antica, curato e nitido nei particolari, così come all’esplosione cromatica di oli ed acrilici di sicuro impatto visivo. Simbolo cardine della sua ricerca raffinata, si evidenzia via via la lettera lamed dell’alfabeto ebraico (corrisponde suppergiù alla “elle”), analizzata nei suoi aspetti estetici e contenutistici: da qui prende il via il personalissimo Tikkùn presentato a Venezia. Un progetto assieme rigoroso ed emotivamente pregnante sul significato dell’impegno umano e sul valore etico dell’azione. Giovanni Bonaldi è nato a Serina (Bergamo) il 17 aprile 1965, diplomato nel 1987 al corso di Pittura presso la Nuova Accademia di Belle Arti di Milano (NABA), è stato invitato da Gianni Colombo direttore della NABA, ad affiancarlo in qualità di assistente nel corso complementare di Strutturazione dello spazio. Espone in strutture pubbliche e private. Vive e lavora a Serina, Bergamo. L’evento, curato da Francesca Brandes, è corredato da un ricco catalogo per i tipi di Silvana Editoriale, con testi della stessa Brandes, di Rav Elia Richetti, Rabbino Capo della Comunità Ebraica di Venezia, di David Pavoncello e di Elio Carmi.

Calcagno Art Studio
Campo Del Ghetto 2918 (30121)
+39 3391134786 (info)
info@calcagnoartstudio.com
www.calcagnoartstudio.com

Scalamata Gallery
Calle del Ghetto Vecchio 1235,
Venezia +39 0415208997
scalamata@gmail.com www.scalamata.com
telefono evento: +39 0415246039

Questa mail circolare - inviata in CCN - alle redazioni o a persone a scopo informativo riguardo eventi culturali, non contiene pubblicità ne' promozione di tipo commerciale. Pur coscienti che e-mail indesiderate sono oggetto di disturbo, la preghiamo di accettare le nostre più sincere scuse se la presente non è di Suo interesse. A norma della Legge 675/96 abbiamo reperito la Sua e-mail navigando in rete o da e-mail che l'hanno resa pubblica. Questo messaggio non può essere considerato SPAM poichè include la possibilità di essere rimosso da ulteriori invii di posta elettronica. Qualora non intendesse ricevere ulteriori comunicazioni la preghiamo di inviare una risposta all'indirizzo khristell@libero.it con oggetto: CANCELLAMI . Grazie.

This circular - sent in CCN - to the editorial staff, or other people, concerns information of cultural events, it does not contain advertisement or commercial promotions. Acknowledging that undesired e-mails cause inconvenience, kindly accept our apologies if this letter is not of interest. In accordance with the Law 675/96, your address was acquired through the net or letters. This letter is not SPAM because it is possible to prevent further letters being sent. If you do not desire to receive any further communication kindly send a reply to khristell@libero.it with the subject: CANCEL ME. thank you

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl