"Suite" di Corrado Damiani

"Suite" di Corrado Damiani Suite di Corrado Damiani Il carnevale nella laguna veneziana si è svolto, come di consueto, all'insegna dell'affollamento che ha la sua concentrazione nella celebre piazza S. Marco.

17/feb/2008 21.13.00 press artedamiani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Suite di Corrado Damiani
 
Il carnevale nella laguna veneziana si è svolto, come di consueto, all’insegna dell’affollamento che ha la sua concentrazione nella celebre piazza S. Marco. A pochi passi appunto dalla mitica piazza, nel centro di Venezia, si apriva la mostra “Arte & Eros - carnevale di Venezia” organizzata dalla Galleria III Millennio nello Spazio Eventi Mondadori, situato all’interno dell’omonima Libreria, San Marco 1345, nella larga calle che offre la passeggiata tra i negozi celebri nel mondo della moda, della gioielleria e quant’altro.
Al piano superiore della libreria Mondadori si trova lo Spazio Eventi che propone diversi appuntamenti culturali, come l’inaugurazione della predetta mostra il 29 gennaio scorso.
Tra le opere esposte, rigorosamente a tema, si segnala la tecnica mista “Suite”  dell’artista Corrado Damiani, un’accumulazione di uno splendido specchio in stile barocco, la cui cornice è in legno dorato interamente lavorato a mano con decorazioni floreali in rilievo, contenente un’immagine erotica incisa a bulino su anticorodal anodizzato rosso, ricoperta in oro foglia, sulla quale è stato inserito un ciondolo charms mascherina in oro 18 carati, l’insieme protetto da perspex fumè. Un’opera che colpisce per la raffinatezza anche nella trattazione del tema, realizzata espressamente per il carnevale di Venezia nella circostanza della mostra.
L’artista Damiani, milanese di scuola veneziana, è noto per la sua continua ricerca che applica miratamente se invitato a sviluppare un tema preciso, come nel caso di “Arte & Eros - carnevale di Venezia”, ma che ama proporre costantemente nei suoi filoni d’arte più conosciuti, quali gli “Oblò” piuttosto che i “Non luogo”, tecniche miste prevalentemente su legno, opere che  sono spesso assemblate a formare un’unica installazione di rilevanti metrature.
 
Patrizia Grandis
 
“Suite”, 2007
cm. 70x70
 


L'email della prossima generazione? Puoi averla con la nuova Yahoo! Mail
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl