Comunicato stampa mostra d'arte contemporanea

26/feb/2008 12.49.00 antonietta campilongo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Grazie.
in allegato la foto di un opera presente alla mostra
Autore: Antonietta Campilongo
Titolo: Oltre l'orizzonte delle apparenze oggettive#
Tec.: Olio su tela
Anno: 2007
 

Comunicato Stampa

 

Luogo: Galleria Crispi  di Gallia Kroumova Trulli - Via Vittoria, 74 - Roma

 

 

Periodo: dal 3 al 16 marzo 2008

Titolo: Incontri in galleria - Collettiva d’Arte

Inaugurazione lunedì 3 marzo 2008 - ore 18,30

Ingresso gratuito

Organizzazione:         Gallia Kroumova Trulli

Presentazione:        Francesco Giulio Farachi - critico d’arte

Testo: Roberta Sole

 

 Info mostra

 

Galleria Crispi - Via Vittoria, 74 - 00187 Roma

Tel. 06 83503432

www.galleriacrispi.it     info@galleriacrispi.it

 orari Galleria

dal Lunedì al Sabato h. 10,00 - 13,00 / 15,30 - 19,30

 

Artisti:   Giuliana Avanzino,Antonietta Campilongo, Elisa Caserini, Giorgio Chiesi, Maria Grazia Facchinetti, Emanuela Fera, Stefano Galli,  Riita Johson, Vittoria Marziari,  Maria Matti “Mathi”,  Marina Profumo, Mauro Romano,  Mirella Rosolando, Massimo Trulli.

 

 

Un gioco di incontri, scambi e rimandi è ciò che viene messo in opera durante l’esposizione collettiva che si apre lunedì 3 marzo presso i locali della Galleria Crispi, a Roma, con il patrocinio del Comune. Questa mostra fa “scendere in campo” le opere di un nutrito gruppo di artisti italiani e stranieri, creando l’occasione non solo per ammirare ancora una volta i risultati e l’ingegno di consacrati maestri, non solo per la conoscenza di alcuni dei percorsi creativi più interessanti degli ultimi anni, ma soprattutto per inventare nuovi livelli di relazione fra i lavori, fra le tecniche espressive, fra le personalità, i codici interpretativi che si incrociano nello spazio e nel momento dell’esposizione. Ecco che cambiano così alcune prospettive cui forse sovente e stancamente ci si è abbandonati, l’incontro diventa allora una scoperta ed un’avventura nuova, un momento ideale e concreto entro cui si rivivifica la coscienza della contemporaneità, si amplia la riflessione sul nostro tempo e sull’arte che esso esprime. È meraviglioso ad esempio vedere come le tecniche tradizionali riescano ancora a ricercare e reperire nuove, impensate strade per trasformare un’idea e il concetto astratto in un’illusione ancora sbalorditiva, ancora emozionante e compromettente. Al tempo stesso, ed in contrappunto creativo, i media più moderni, gli innovativi linguaggi della virtualità e tecnologia, declinano di incredibili inattese flessioni spunti ispirativi e tradizioni estetiche che si rintracciano e ripercuotono fin dai primordi delle nostre comuni sensibilità. Il momento dell’incontro rende dunque evidente il flusso dei reciproci rinvii, delle anticipazioni e delle allusioni, apre ad un’accogliente convergenza di presenze e realtà, diventa ambito plurale ed affollato in cui alterità e confronti determinano un’ulteriore scala di profondità nell’analisi di sentimenti ed affetti e passioni, nella lettura di inquietudini, fobie ed appagamenti, nella scansione del tempo individuale inserito e parte nel tempo del mondo. E prova a rompere quell’isolamento che, forse per convenzione, forse per effettiva biasimevole condizione, è la cifra cui sembra oggidì costretta ed ispirata ogni esperienza artistica; e non solo quella.

 

(roberta sole)

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl