INTERVISTA AGLI STARDOM

Dimensioni intangibili, sfere private o visioni esistenziali che ci si illude di integrare e destinate invece a restare separate, a respingersi come poli opposti: forse è l'oscura sensazione che il dialogo, i rapporti personali, le relazioni sociali siano solo illusione, che nella vita noi siamo fondamentalmente e irrimediabilmente soli, divisi, prima ancora che dalla morte, dal vuoto siderale della vita.

03/apr/2008 19.10.00 Maurizio Ganzaroli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

INTERVISTA ESCLUSIVA AGLI "STARDOM"
(GRUPPO POST PUNK, NEW WAVE)

FORMAZIONE
Rcd ( Riccardo) – voce
Fafnir (Antonio) – chitarra
LaCrisi (Cristina) – tastiera/chitarra
Oliver – basso
ilBarone (Davide) – batteria



(SFM) CIAO, SENTO DELLE SFUMATURE DARK NEI VOSTRI TESTI!

Ciao Maury.
Sì, come negarlo? Probabilmente ciò è da attribuire non solo a una familiarità e continuità con questo filone musicale, ma anche ai nostri caratteri, a certe inclinazioni letterarie, a un certo modo di percepire e sentire le cose: meditazioni, riflessioni sulle nostre esistenze, spesso tinte di malinconia, a volte di sopiti furori, ma senza rinunciare del tutto a humor o ironia, perché per essere davvero seri… non bisogna prendersi troppo sul serio.

(SFM) ASSOMIGLIATE AI FAMOSI CCCP, NEI TESTI, INVECE NELLE MUSICHE MI RICORDATE MOLTO I PLACEBO!

Questo lo prendiamo come un piacevole e pericoloso complimento: piacevole perché vuol dire che riusciamo a esprimerci con stilemi a noi congeniali – e potremmo dire naturali – che hanno già avuto una consacrazione grazie a gruppi di successo. Pericoloso perché le etichette, una volta appiccicate, sono poi difficili da togliere. In effetti queste influenze che hai citato, e altre ancora, sono innegabili, ma non c’è nulla di programmato o di artificioso in questo. Domani potremmo intraprendere strade differenti… ma quel che vogliamo è che il pubblico riconosca sempre e comunque il “suono Stardom”.

(SFM) AVETE QUALCHE LAVORO NUOVO IN BALLO?

Il progetto originario del nostro primo album “Soviet della Moda” prevedeva non più di dodici pezzi, ma pensiamo di aggiungere altre due nuove tracce, che forse hanno già l’impronta di un nuovo corso. Allo stato attuale è ancora prematuro parlare di un nuovo lavoro, ma di certo non vogliamo “rifare” lo stesso album. Restare sé stessi nel cambiamento, questa è la chiave.

(SFM) COSA SONO LE OPPOSTE NEBULOSE PER VOI?
Dimensioni intangibili, sfere private o visioni esistenziali che ci si illude di integrare e destinate invece a restare separate, a respingersi come poli opposti: forse è l’oscura sensazione che il dialogo, i rapporti personali, le relazioni sociali siano solo illusione, che nella vita noi siamo fondamentalmente e irrimediabilmente soli, divisi, prima ancora che dalla morte, dal vuoto siderale della vita.

(SFM) IL VOSTRO SOGNO? LA VOSTRA COLLABORAZIONE IMPOSSIBILE?
Parlare di sogni forse è eccessivo. E’ un’epoca in cui circola tanta musica inutile, stanche imitazioni, riproduzioni calligrafiche prive di novità o grottesche ibridazioni. In questo contesto, essere ricordati come un gruppo che ha dato qualcosa, che ha saputo dire la sua in un ambito che sembra aver ormai espresso tutto, sarebbe già importante. Le “collaborazioni impossibili”? Ce ne vengono in mente così tante che è meglio non citare nessuno.

(SFM) AVETE ALTRI SITI OLTRE A WWW. MYSPACE. COM/THASTARDOM?

Abbiamo un nostro sito in under construction da tempo. Il fatto è che l'immediatezza e la popolarità di myspace rende quasi superfluo avere un altro spazio nella Rete. Comunque, per coloro che amano andare più a fondo nella conoscenza, promettiamo di impegnarci a portare a termine il nostro stradom-sito in tempi rafionevoli. L'indirizzo è: http://lnx. organismedia. com/oliver/stardom/stardom

(SFM) QUANTO E' DIFFICILE RIMANERE "FEDELI ALLA LINEA"?

Difficile, quando la linea non c’è. Più difficile rimanere fedeli a noi stessi, soprattutto se ancora non sai esattamente chi sei. Se parliamo di scelte musicali, sarebbe banale e fondamentalmente falso contrapporre nettamente ‘arte’ e ‘mercato’, ossia ciò che si vuole suonare e ciò che si deve proporre alla gente per vendere. La musica, come ogni forma d’arte, deve comunicare: senza il riscontro degli altri si diventa autoreferenziali, se non addirittura autistici.

(SFM) CI SONO MESSAGGI POLITICO PROFETICI NEI VOSTRI TESTI?

No, almeno a livello conscio. Ma se chi ci ascolta dovesse coglierne, sarebbe una buona cosa. Vuol dire infatti che le nostre parole hanno quella qualità essenziale che caratterizza la poesia e la buona letteratura: produrre nel tempo e nello spazio sempre nuovi significati.

(SFM) VI RINGRAZIO DELLA COLLABORAZIONE!
Grazie a te per l'interesse verso la nostra musica e un saluto ai lettori.

Stardom dal “Soviet della moda”

 

 





blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl