INTERVISTA ESCLUSIVA AGLI" STOMP CRASH"

(S.C.)Certo, le nostre influenze vengono soprattutto da gruppi gothic ma ogni componente del gruppo arriva da percorsi musicali differenti qundi sono molti i generi e i gruppi che ci hanno influenzato e che continuano a influenzarci.

12/apr/2008 15.10.00 Maurizio Ganzaroli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

INTERVISTA ESCLUSIVA AGLI STOMPCRASH
(GRUPPO DARK GOTHICO-Milano)

(SFM) ciao, bello questo connubio di voce maschile e femminile, avete molte influenze dai gruppi dark come “Siouxsie”, “i lacrimosa” ecc. ma mettete molto del vostro, anche!

(S.C.)Certo, le nostre influenze vengono soprattutto da gruppi gothic ma ogni componente del gruppo arriva da percorsi musicali differenti qundi sono molti i generi e i gruppi che ci hanno influenzato e che continuano a influenzarci.
Non è solo la musica ad influenzarci, molte delle nostre canzoni e storie hanno una fortissima componente letteraria, è proprio da li che traiamo l’ispirazione più forte!
Il fatto di avere sia una voce maschile che femminile è nato un pò per caso, quando abbiamo cominciato Daniela era la sola cantante della band, io ho cominciato ad avvicinarmi al canto suonando soprattutto cover degli Xymox e Ikon e da li ho scoperto che potevo farlo e che mi divertiva molto!

(SFM) “requiem rosa” un titolo denso di significati, parlatemene un po’!

(S.C.)Cercavamo un titolo che rappresentasse al meglio il nostro album e penso che “Requiem Rosa” racchiuda in se il mood generale che si respira ascoltandolo. E’ malinconico ma al tempo stesso viene voglia di ballare, è triste ma sognante, ci sono due anime dell’album, l’anima requiem e l’anima rosa che non potrebbero fare a meno una dell’altra.

(SFM) perché un pezzo proprio dedicato a Mosca?

(S.C.)Siamo molto interessati alla storia e in realtà “Moscow” non è dedicata alla città ma ad un contesto storico, ad un periodo delirante come quello della seconda guerra mondiale, la canzone prova a raccontare quale possa essere stata la sensazione sui campi di battaglia del fronte russo.
La voce radiofonica che si sente all’inizio e alla fine del brano è una vera trasmizzione radiofonica dell’epoca.

(SFM) avete altre pagine o siti, oltre a www.myspace.com/stompcrash?

(S.C.)Certo, la nostra vera ‘casa’ è su www.thestompcrash.com, il sito è sempre aggiornato, vi si trovano tutti i testi, le recensioni, notizie sulla band, date live e si possono anche acquistare i dischi.
Un altro sito che vi vogliamo segnalare è www.requiemrosa.com, su questo sito si possono trovare le tracce vocali delle canzoni che “un misterioso benefattore” ha messo a dispozione online per dagli nuova vita...

(SFM) il vostro sogno nero?

(S.C.)Se dovesse parlare il nostro lato realista ti diremmo che non c’è bisogno di sognare per vedere “il nero” ma se a parlare è il nostro lato romantico allora non c’è dubbio, oscurità, nebbia, strani gemiti e ombre alle spalle e sangue... in una Londra vittoriana, “The London Fog” racconta tutto ciò.

(SFM) per la grafica delle vostre copertine, a chi vi affidate?

(S.C.)Di solito curiamo direttamente gli aspetti grafici della band ma per questo album volevamo qualcosa di speciale che rappresentasse graficamente la nostra idea di “Requiem Rosa” e così ci siamo affidati a Mauro Berchi (Canaan, Neronoia) che ha fatto un lavoro eccezionale, la copertina a un che di decadenza biblica.

(SFM) “osservami cadere” a cosa vi riferite? Ad una caduta fisica, psicologica o metafisica?

(S.C.)E’ una caduta fisica che metaforicamente rappresenta la caduta psicologica in tutte quelle storie in cui il troppo amore genera la morte, una storia d’amore che diventa tragedia e dove l’amore è ancora più drammatico della morte.
Insieme alle storie gotiche, ai racconti del terrore di Poe e Lovecraft spesso le storie d’amore, anche quelle di tutti i giorni, sono le più trucide.
L’amore può uccidere.

(SFM) prossimi concerti?

(S.C.)Per il momento non abbiamo ancora fissato date per il 2008, stiamo cercando i contesti giusti e ci piacerebbe suonare all’estero. Intanto stiamo lavorando a nuove canzoni che non vediamo l’ora di suonare live!

(SFM) vi ringrazio molto!

(S.C.)Grazie a te, ti auguriamo tanta fortuna e speriamo di incontravi tutti presto ai prossimi live!

 




blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl