LA RIVOLUZIONE DELLA COMUNICAZIONE

03/mag/2008 00.10.00 Maurizio Ganzaroli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
LA RIVOLUZIONE DELLA COMUNICAZIONE



La prima questione è di natura terminologica. Neofuturismo o Netfuturismo?
La doppia denominazione ricorre frequentemente in tutte le pubblicazioni in rete del movimento. In realtà il termine “Neofuturismo” è stato impiegato maggiormente nei primi mesi di vita del movimento e pone più l’accento sulla continuità (e sulla ovvia rivisitazione storica nei confronti del Futurismo novecentesco; “Netfuturismo”, che è l’accezione con cui oggi è comunemente noto il movimento, marca maggiormente la sostanziale evoluzione in termini teorici e tecnici: il nuovo futurismo è un’avanguardia artistico-culturale che si sviluppa principalmente utilizzando quella rete globale che è ormai interenet che ha -tra i punti teorici fondamentali -il concetto di “rete”. Sintetizzando si può affermare semplicemente che il Netfuturismo è il modo in cui si configura il Neofuturismo del XXI secolo. La rivoluzione della comunicazione… è un’ ottimo punto di partenza per spiegare i presupposti teorici del movimento netfuturista. La società di massa, arrivata a maturità nel corso del xx secolo, si è potuta sviluppare soprattutto attraverso i media tradizionali(radio, giornali, cinema, televisione), basati su una comunicazione coisiddetta unidirezionale. Ricordiamo che in una comunicazione unidirezionale, usando i termini classici della semiotica, il messaggio passa solo e unicamente dall’emittente al ricevente… Con i nuovi media, internet e la Rete… siti e blog, il ricevente è in grado di diventare a sua volta emittente e di invertire la direzione del messaggio. Il netfuturismo giudica questo nuovo modello fondamentale per il tipo di società che si è andata costituendo nel novecento e ne fornisce un’interpretazione più totalizzante… Molto succintamente… mentre il sistema di comunicazione dei media tradizionali (gli old media) prevedeva pochi creatori e molti passivi fruitori, oggi - è giusto chiamare-molto concretamente- sia l’emittente che il riceventi… soggetti “creatori” del messaggio: la rivoluzione della comunicazione elettronica…


Antonio Saccoccio, Netfuturista.





blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl