MASSIMO CROCE AL FESTIVAL DEL CAIRO

MASSIMO CROCE AL FESTIVAL DEL CAIRO MASSIMO CROCE AL FESTIVAL DEL CAIRO Presso i giardini del Goethe Institute de Il Cairo-Egitto (curato dall'Istituto di cultura tedesca), il 25 aprile scorso si è svolto il secondo Festival di Musica elettronica della capitale egizia, art director il geniale musicista contemporaneo, l'egiziano Refat, molto noto anche in Europa, per diversi cd e concerti.

03/mag/2008 00.10.00 Maurizio Ganzaroli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
MASSIMO CROCE AL FESTIVAL DEL CAIRO



Presso i giardini del Goethe Institute de Il Cairo-Egitto (curato dall’Istituto di cultura tedesca), il 25 aprile scorso si è svolto il secondo Festival di Musica elettronica della capitale egizia, art director il geniale musicista contemporaneo, l’egiziano Refat, molto noto anche in Europa, per diversi cd e concerti. Tra i numerosi musicisti ospiti, da segnalare il futurista e originario di Ferrara- Massimo Croce, da tempo trasferitosi proprio a Il Cairo. Croce, membro di Netfuturismo, il movimento ufficiale dei neofuturisti italiani, fondato dall’intellettuale futurista e musicista anch’esso Antonio Saccoccio, erede dichiarato del grande pioniere futurista della musica delle macchine, Luigi Russolo, ha confermato la persistente vitalità del movimento marinettiano, suonando il cosidetto Laptop, l’Intonarumori russoliano dell’era cibernetica. Diversi gli interventi di Croce: remix del suono proprio dello strumento leggendario del Maestro futurista; un proclama registrato di Marinetti; l’annuncio di un volo Berlino-Il Cairo in lingua tedesca; un “brano” sempre ultrasperimentale con l’ingegnere del suono tedesco (di Monaco di Baviera), Clemens Backer; infine “Orchestrazione di suoni di clacson. Gli ultimi due… ispirati e registrati… nell’immenso, variopinto e incredibile carillon sonoro naturale che caratterizza la capitale egiiziana. Massimo Croce, ancor giovane, è tra le figure di punta della ricerca musicale contemporanea, dopo la rivoluzione futurista, le nuove rivoluzioni sonore di Edgar Varese e John Cage, fino alla Musica elettronica di Karl Heinz Stockhausen… e alla svolta technopop dei Kraftwerk, Brian Eno e R. Sakamoto. Un suo recente video Ninna Nanna di Marinetti, tratto da una sua omonima composizione elettronica è visibile su YouTube…


Vincenzo Iannuzzo, giornalista e attore.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl