INTERVISTA ESCLUSIVA A Valentina (dissonanze ridondanti)

03/mag/2008 00.30.00 Maurizio Ganzaroli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
INTERVISTA ESCLUSIVA A Valentina (dissonanze ridondanti)


(S.F.M.) ciao, ma quante cose fai? Poeta visuale, modificazioni di fotografie, video…

(Valentina) Ciao a te, innanzitutto grazie, è la prima volta che qualcuno mi intervista e devo dire che si prova una strana sensazione, timore e gioia di esternare parte di se.
Inizi con il pormi una domanda importante, mi permette di snocciolare delle verità che considero assolutamente irremovibili nella mia mera esistenza.
Mi occupo di molte arti, o meglio direi di molti linguaggi espressivi, qualcuno lo hai già citato tu. Fotografia, video, pittura, scrittura, io stessa mi sono ritrovata ad essere dalla parte opposta, cioè ad intervistare giovani talenti.
Tutto questo perché ti chiederai? Perché ho deciso di vivere per quello che sono realmente, istinto e testa, idee e cuore, emozioni negative e altre che mi avvolgono e rassicurano.
Tutto questo lo ritrovo nella creatività, in qualunque sua forma.



(S.F.M.) da quanto ti dedichi a queste arti?

(Valentina) Ci sono tappe importanti che mi hanno indirizzato verso certe scelte. Credo sia fondamentale, essere cresciuta in un ambiente consono e propenso alla creatività. Sin da piccolina stavo in mezzo ai colori e alle tele di mio padre, spontaneamente quando ho dovuto scegliere cosa studiare, ho preso la via dell’arte (lungi da me dal dichiararmi artista). Ho fatto l’istituto d’arte, e poi l’accademia di belle arti.
Esperienze che mi sono servite non ad imparare a fare dell’arte, più che altro mi hanno aiutato a spingere il pensiero oltre a quello che vedevo e sentivo, a pormi di fronte alle cose con atteggiamento critico. Quindi alla tua domanda, rispondo che la mia attenzione è stata attirata dall’arte da quando ero una bimba.
Se poi ti riferisci alla video arte o alla scrittura, sono elementi che sono scaturiti da tutta una serie di eventi nel tempo. Ma me ne occupo in maniera sistematica da circa quattro anni.

(S.F.M.) c’è un filo conduttore a tutte queste esplosioni artistiche?

(Valentina) Si c’è un filo conduttore, soprattutto tra video, immagini e scrittura. La mia scrittura è fatta di immagini, di metafore, di collegamenti del pensiero e sensazioni. Lo stesso utilizzo della Poesia visiva, non è altro che un’altra messa in gioco della scrittura, ma tramite le immagini. Produco dei segni, che sembrano scritte, con un significato, invece sono vuote, si autoreferenziano, valgono in se per il loro significato iconografico.



(S.F.M.) ho notato che il colore fucsia e il rosso li metti spesso nelle tue cose, hanno un valore particolare per te?
(Valentina) Non so, credo che ci siano dei periodi, e forse posso dire che ultimamente i mie lavori si muovo sulle tinte citate per andare a passo con i miei capelli ora viola, prima rossi e fucsia.
Ma poi sai, credo ci sia sempre una componente inconsapevole nelle scelte artistiche, spesso mi lascio guidare dall’istinto.


(S.F.M.) che cosa vuol dire per te, creare?
(Valentina)Significa esprimersi, significa dar voce a cose che si animano dentro, ma anche abbandonarsi ad una situazione di catarsi.Spesso l’espressività mi ha aiutato, ed io devo ringraziarla in qualche modo.
E poi mi piace moltissimo interagire con altri che fanno della creatività un fulcro, mi piace confrontarmi, e lo faccio realizzando cose. Ecco per me creare è anche comunicare. Se per esempio vado ad un concerto, la mia digitale è sempre con me, fotografo, rielaboro e regalo ai musicisti. In questo modo c’è stato uno scambio, loro hanno dato a me della musica ed io a loro delle immagini, una sorta di baratto che non mi permette di vivere in senso pratico, ma che mi rinvigorisce l’anima. E oggi mi sembra già tanto.

(S.F.M.) da quando hai deciso che l’arte visuale fa per te, più di qualche altro tipo di espressione artistica?

(Valentina)Non ho deciso io, almeno non mi pare.
Mi ci sono trovata è a mio aggio, però non è una scelta fatta fra tante, voglio dire che non reputo sia inferiore alla scrittura, più che altro li definirei linguaggi complementari che mi soddisfano.

(S.F.M.) hai qualche altra pagina o sito, che vuoi segnalare?

(Valentina)E si, più di una, prima fra tutti www. myspace. com/scrittorisommersi, un gruppo con cui ho realizzato un’antologia, poi vado con la musica www. myspace. com/ondalternativx , uno dei gruppi che ascolto, per la fotografia www. myspace. com/giuseppemblema , per la pittura www. myspace. com/daniele_zol , per le video istallazioni www. myspace. com/fabioalbanese , e per finire, www. myspace. com/stratosquo.




(S.F.M.) ti ringrazio molto!

(Valentina) Sono io che ti ringrazio infinitamente, ma ringrazio anche Carlo, che ci ha messi in contatto. E concedimi di ringraziare ancora alcune persone importanti, tutti gli scrittori sommersi, il mio compagno Fabio, e una cara persona a cui devo moltissimo e a cui sono legata, Paolo Bergonzoni.
Grazie ancora.
Valentina Gaglione alias Dissonanzeridondanti


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl